antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 29.01.19
Roma, ok M5s-Pd a mozione dem per sgombero sede di CasaPound. Salvini: “Partiamo da strutture più instabili”
·
Via libera del consiglio comunale. Salvini: "Sgombero di tutte le occupazioni illegali, nessuna esclusa". Ma Simone Di Stefano, leader del partito di estrema destra, annuncia querela ai firmatari della mozione e al ministro dice: "Faccia il suo dovere, ma il problema si risolve facendo case popolari e alloggi"


29 Gennaio 2019

Una mozione approvata in Campidoglio da Pd e Movimento 5 Stelle che impegna Virginia Raggi ad “attivarsi presso gli Organi competenti affinché sia predisposto lo sgombero immediato dello stabile sito in Via Napoleone 111 illegalmente occupato dall’associazione CasaPound“. Lo stesso stabile che la Guardia di Finanza ha tentato di sgomberare, senza riuscirci, lo scorso 23 ottobre. L’ha proposta il consigliere dem Giovanni Zannola e ha avuto il via libera a maggioranza in Campidoglio. Trenta sì contro 4 no, tre di consiglieri di Fratelli d’Italia e uno del consigliere della Lega. E a poche ore dalla delibera dell’aula arriva il commento di Matteo Salvini: “Come da programma concordato dalla Prefettura di Roma, procederemo con l’operazione sicurezza e sgombero di tutte le occupazioni illegali, nessuna esclusa, a partire già dai prossimi giorni dalle situazioni più pericolose per l’instabilità delle strutture e da quelle per cui ci sono richieste di sequestro giudiziario in corso”. Il ministro dell’Interno non definisce i tempi, ma il leader di CasaPound Simone Di Stefano dice: “Salvini deve fare il suo dovere. Ci sta un ordine sugli sgomberi, Casapound è a posizione numero 30, ma ricordo a lui e governo e a questi che amministrano Roma che il problema si risolve facendo le case popolari e gli alloggi. Prima di buttare le persone in mezzo alla strada devono fare le case popolari”.

Di Stefano minaccia poi di querelare “gli autori della mozione” perché “non esiste nessuna sede di partito in Via Napoleone III come certificato da verbale della Guardia di Finanza“. Ma per le elezioni 2018 Di Stefano aveva dichiarato che la sede legale del partito era proprio quella che il consiglio comunale chiede di sgomberare. Poi precisa che “il comune non è il proprietario quindi non ha nessun potere di richiedere indietro lo stabile”, che sulla carta è del Ministero dell’Istruzione. “Una delibera di Veltroni inoltre – aggiunge Di Stefano – obbliga in ogni caso il Comune di Roma a fornire 18 alloggi di edilizia residenziale pubblica alle famiglie occupanti, prima di eseguire qualsiasi sgombero chiunque lo ordini o lo esegua. A Roma ci sono decine e decine di palazzi occupati da prima di CasaPound, ma nessuno se ne occupa essendo occupati principalmente da immigrati o da organizzazioni di estrema sinistra. Da 15 anni ogni sindaco che non è in grado di amministrare la città ad un certo momento per distrarre i romani inizia a parlare di CasaPound. Questo non ha portato molta fortuna ai sindaci precedenti e speriamo porti sfortuna anche alla Raggi. Siamo di fronte alla solita polpetta avvelenata per Matteo Salvini, fatta pensando di metterlo in difficoltà. Ma noi non siamo alleati di Salvini dal 2015, quindi il Ministro – ha concluso Di Stefano – è libero di comportarsi come meglio crede”. A sollecitare l’intervento del ministro dell’Interno dopo l’approvazione della mozione erano stati Zannola e la capogruppo M5s in Consiglio regionale del Lazio Roberta Lombardi. “Matteo Salvini, ti presenterai anche lì con la ruspa?”, aveva detto l’esponente 5 Stelle, mentre il consigliere dem aveva chiesto al ministro di attivarsi “celermente” per dimostrare “che sul fronte della sicurezza il governo non si accanisce solo contro i deboli”.

Zannola: “Questa amministrazione assuma la legalità come principio cardine” – “In questi mesi si è usato sul tema degli sgomberi il pugno duro – ha detto in Aula Zannola presentando la mozione, che era già stata discussa in Aula la scorsa settimana, quando però non si era arrivati al voto -. Noi chiediamo alla Giunta di fare altrettanto con un edificio di pregio al centro di Roma occupato ormai dal 2003, dove non si sa bene cosa accade dentro se non che si costruisce un odio profondo, e messaggi negativi in città. Le violenze fuori dalle scuole di cui l’associazione Casapound si è dimostrata rea ne sono l’esempio”. Zannola, poi, aggiunge: “Sappiamo che l’edificio non è proprietà del Comune, noi pensiamo che una permuta con l’ente di proprietà potrebbe permettere al Campidoglio di acquisirlo al suo patrimonio. Una volta fatto questo il Comune potrebbe dare l’esempio, cacciando chi utilizza un bene pubblico di pregio per fomentare l’odio e restituirlo alla città confrontandosi con la cittadinanza facendolo magari diventare un punto d’incontro per la città. Bisogna avere il coraggio di essere forti con i forti e non solo forti con i deboli. E l’occasione per l’amministrazione di ribadire che questa amministrazione assume la legalità come principio cardine non solo nel disagio delle periferie, ma anche al centro di Roma di fronte a un movimento fascista che genera solo odio”. Voto favorevole anche da parte del Movimento Cinque Stelle. ”Voteremo sì – aveva detto in aula il consigliere Francesco Ardu – non perché ci mettiamo dentro la diatriba tra rossi e neri ma perché coerente con le nostre linee politiche ma difficilmente questo indirizzo politico sarà attuabile perché ci sono delle inesattezze”.

La mozione – “Non è tollerabile che Casapound possa protrarre la propria occupazione in un edificio di pregio per svolgere attività che alimentano un clima di tensione in città, rifacendosi alle ideologie fasciste e alle politiche di Benito Mussolini, violando le normative che non consentono tali comportamenti”, si legge nel documento, che parla anche della necessità di “proseguire il percorso di permuta dell’immobile finalizzato alla sua riqualificazione, avviando un percorso di confronto con la cittadinanza e le istituzioni territoriali per deciderne l’utilizzo futuro”. Tra le premesse si ricorda che l’immobile in questione è occupato dal 2003, ma che “solo nel 2008 viene costituita” l’associazione di promozione sociale CasaPound Italia CpI. La mozione sottolinea che “CasaPound occupa da 15 anni il suddetto immobile di grandi dimensioni” e che “ad oggi non è possibile escludere, anzi è probabile, che gli appartamenti all’interno della sede di CasaPound vengano affittati a terzi“. Inoltre, si legge: “Nessuna amministrazione e nessuna istituzione si è occupata di stabilire il danno erariale prodotto da questa occupazione”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/29/roma-si-m5s-al-testo-pd-passa-la-mozione-per-lo-sgombero-della-sede-di-casapound/4933079/

repressione_F
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo