antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 17.01.19
Lettera di minacce a Mentana, con una svastica e insulti anche ad altri giornalisti. Conte: "Sono preoccupato"
·
È stato lo stesso direttore del tg di La 7 a pubblicare su Instagram il messaggio ricevuto, firmato con un "boia chi molla". Solidarietà anche da Di Maio ("Gesto vile"), dal Pd e da Forza Italia

16 gennaio 2019

Una lettera di minacce scritta in stampatello fatta arrivare a Enrico Mentana. "Presto vi puniremo, sappiamo tutto di voi, punirvi è un dovere", è il testo del messaggio che lo stesso conduttore del Tg di La 7 ha pubblicato su Instagram. La lettera è firmata con un "Boia chi molla" e il disegno di una svastica. E arriva a pochi giorni dall'aggressione a due giornalisti dell'Espresso durante una manifestazione neofascista.

Oltre che a Mentana, l'anonimo fa riferimento ad altri giornalisti "i vari Giannini, Floris, Formigli, Damilano", cui sono rivolti pesanti epiteti. "La tua enfasi contro chi è stato eletto dal popolo è vomitevole", comincia la lettera. E poi giù offese e minacce contro i giornalisti: "Siete degli sfascisti che sperano che si affondi", e ancora "Acqua e non benzina, pietre e non pane, per non parlare di via Rasella". E ancora insulti sessisti nei confronti delle giornaliste Gruber e Fanuele.

Contro questo nuovo episodio di intimidazione nei confronti dei giornalisti, si muove il mondo politico. "Le intimidazioni rivolte al direttore Mentana sono un atto vile e inqualificabile - dice il premier Giuseppe Conte, in una nota - le minacce a chi esercita la professione di giornalista sono inaccettabili in sé ma anche perchè costituiscono un grave attentato alla libertà di stampa". "Sono molto preoccupato - aggiunge - perchè questo episodio segue di pochi giorni un altro fatto gravissimo, un'aggressione fisica di cui sono stati vittime il giornalista Federico Marconi e il fotografo Paolo Marchetti dell'Espresso". Solidarietà anche da Luigi Di Maio: "Un gesto vile
che va stigmatizzato nella maniera più assoluta". E poi da Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna di Forza Italia ("Le minacce non piegheranno la libera stampa"). E da molti esponenti del Pd. "È intollerabile che continui a crescere questo clima di odio verso professionisti liberi e indipendenti. Non facciamo finta di niente per favore. C'è un aumento grave di odio e minacce", dice il deputato dem Emanuele Fiano.

https://www.repubblica.it/politica/2019/01/16/news/minacce_enrico_mentana-216743086/?ref=RHPPBT-BH-I0-C4-P11-S1.4-T1






Enrico Mentana, lettera con insulti, svastica e “Boia chi molla” al direttore del TgLa7. Conte: “Minacce ai giornalisti inaccettabili”

"Presto vi puniremo, sappiamo tutto di voi, punirvi è un dovere", si legge poi accanto al riferimento di Giovanni Floris, Corrado Formigli, Massimo Giannini e Marco Damilano, oltre che dello stesso Mentana
16 Gennaio 2019


“La tua enfasi che ti fa venire la bava contro chi è stato eletto dal popolo è vomitevole“. Inizia così la lettera anonima ricevuta dal giornalista Enrico Mentana. È stato lui stesso a pubblicarla su Instagram, commentando solo “appoggio esterno“. La lettera è scritta in stampatello su un foglio bianco ed è firmata con una svastica: “Siete degli sfascisti che sperano che si affondi come hanno fatto i vostri padri assassinando molti soldati in Africa. “Presto vi puniremo, sappiamo tutto di voi, punirvi è un dovere“, si legge poi accanto al riferimento di Giovanni Floris, Corrado Formigli, Massimo Giannini e Marco Damilano, oltre che dello stesso direttore del tg di La7.

A Mentana è arrivato il messaggio di sostegno e solidarietà del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che sottolinea come le “intimidazioni” siano “un atto vile e inqualificabile”. “Le minacce a chi esercita la professione di giornalista – scrive il capo del governo – sono inaccettabili in sé ma anche perché costituiscono un grave attentato alla libertà di stampa. Sono molto preoccupato perché questo episodio segue di pochi giorni un altro fatto gravissimo, un’aggressione fisica di cui sono stati vittime il giornalista Federico Marconi e il fotografo Paolo Marchetti dell’Espresso. Dobbiamo difendere i valori della nostra Costituzione che innervano il patto fondativo della nostra convivenza civile”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/16/enrico-mentana-il-direttore-del-tg-la7-pubblica-lettera-anonima-con-minacce-e-insulti-la-firma-e-una-svastica/4901977/

vandalismi_minacce
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo