antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.12.18
Padova, raid nazista nella sede dell'associazione Catai
·
Ignoti nella notte nell'edificio di Ponte San Leonardo: svastiche nere sui muri con lo spray. Indaga la polizia
20 Dicembre 2018


PADOVA. La polizia è stata chiamata alle 12.30 in via ponte San Leonardo 1 presso associazione Catai - Controtempi. Due giovani entrati nella sede hanno trovato le pareti imbrattate con delle svastiche.

Nel corso della notte, dopo aver dato una spallata alla porta d'ingresso, ignoti sono entrati e con una bomboletta spray trovata all'interno hanno imbrattato il pavimento e il muro con tre simboli riconducibili dunque all'estrema destra.

La Digos indaga sulla vicenda.

https://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2018/12/20/news/padova-raid-nazista-nella-sede-dell-associazione-catai-1.30008793



Svastiche e insulti, scempio alla sede del Catai: l'attacco politico diventa esplicito

20 dicembre 2018


Simboli inequivocabili dell'estrema destra, danni e un'effrazione in piena regola. É l'ennesima intimidazione al collettivo di sinistra, di nuovo nel mirino dei vandali

Se tre indizi fanno una prova, il nuovo episodio di vandalismo macchiato di politica consumato tra le pareti del Catai è la conferma di un'azione mirata contro gli ideali promossi dallo spazio sociale.

Un gesto intimidatorio esplicito, marcatamente diverso dai precedenti. A fare l'amara scoperta sono stati due affiliati nella tarda mattinata di giovedì. Arrivati come ogni giorno alla sede di ponte San Leonardo hanno trovato la porta d'ingresso divelta, ma era nulla a confronto con quanto successo all'interno. Nella sala al piano terra alcuni libri sono stati gettati sul pavimento, ma il vero scempio si è consumato al piano inferiore. Una croce celtica sulle mattonelle e due svastiche, una sulla parete e una sul telo per le videoproiezioni, accompagnata da un iconico appellativo «Merde».
Il sopralluogo

Un atto che parla da sè, sia stato compiuto da appartenenti a gruppi dell'estrema destra o solo da emulatori. Alle 12.30 è arrivata sul posto una pattuglia della polizia per il sopralluogo. Il portone in legno sarebbe stato sfondato a spallate, non ci sono evidenti segni di scasso provocati da strumenti. I graffiti sono stati fatti con due bombolette spray trovate all'interno del circolo. Forse la loro presenza ha permesso di dare sfogo alla dubbia creatività dei vandali risparmiando danni peggiori alla struttura. L'effrazione si è consumata dopo la mezzanotte, quando i membri erano rincasati.

Escalation preoccupante

Inevitabile collegare l'episodio a quanto successo nella notte tra il 4 e il 5 dicembre. Due volantini affissi all'esterno della porta erano stati bruciati. Danni limitati a cui il collettivo Catai, braccio padovano di Potere al Popolo, aveva scelto di non dare un peso eccessivo sperando in una bravata fine a sè stessa. «Avevamo reagito in modo ironico» spiega il portavoce Luca Lendaro «Evidentemente la grande solidarietà ricevuta dopo che la vicenda era stata resa nota dalla stampa e sui social ha provocato qualche fastidio nella destra estrema. Se uniamo questi due episodi alla comparsa di una svastica sui muri esterni dell'anno scorso, è lampante il fatto che ci stiano prendendo di mira».

"Sorridiamo. Un altro modo per mostrare i denti“

Gli attivisti non hanno alcuna intenzione fare passi indietro, forti dell'appoggio di tante persone e realtà del territorio. «Stiamo ricevendo decine di messaggi di solidarietà» prosegue Lendaro «Tanti si sono offerti di aiutarci a sistemare i danni. La nostra attenzione resta alta, ma non ci faremo certo scoraggiare». Le iniziative proseguono e per dare una risposta concreta domani (venerdì ndr) dalle 18 saranno organizzati un aperitivo antifascista natalizio e a seguire un corteo per il centro. Uno dei titoli proposti per la manifestazione è esplicito: "Sorridiamo. Un altro modo per mostrare i denti“. «É il nostro modo per dimostrare che l'aggressività non porta a nulla e gridare al mondo che non è accettabile che in questo Paese non vi siano prese di posizione ferme da parte delle autorità nei confronti delle realtà di estrema destra che inneggiano al fascismo. Noi andiamo avanti, senza paura» concludono.


https://www.padovaoggi.it/cronaca/effrazione-vandalismo-danni-minacce-catai-padova-20-dicembre-2018.html

vandalismi_minacce
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo