antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 23.10.18
Prove di sfratto per CasaPound a Roma, rischio tensioni: blitz rinviato
·
La finanza posticipa il sopralluogo ordinato dai magistrati della Corte dei Conti: "Se entrate sarà un bagno di sangue"

23 ottobre 2018

"Se entrate sarà un bagno di sangue". Così il blitz dei militari della guardia di finanza - in realtà concordato da giorni - nella sede di CasaPound salta. Per evitare tensioni. Ma il quartier generale delle "tartarughe" all'Esquilino resta comunque a rischio sgombero.

Le prove di sfratto sono andate in scena ieri pomeriggio: le fiamme gialle, inviate dalla procura della Corte dei Conti per un sopralluogo all'interno dello stabile di via Napoleone III, hanno provato ad accedere ai locali di proprietà del Demanio abitati abusivamente dai "fascisti del terzo millennio" con l'obiettivo di determinare i danni causati al pubblico erario dall'occupazione partita il 27 dicembre 2003. Tentativo respinto, concluso con una serie strette di mano tra i militanti del partito di estrema destra, un sorridente Davide Di Stefano in testa, e gli agenti della Digos in borghese inviati sul posto dalla questura per mediare e arginare possibili disordini.

Ma i pm contabili, a fronte del flop di ieri, non demordono. Per acquisire tutta la documentazione di cui hanno bisogno, dalle planimetrie degli spazi comuni e degli appartamenti ricavati all'interno dell'immobile fino ai dati catastali, e ricostruire la storia dell'occupazione si rivolgeranno altrove. Stando alle dichiarazioni di Simone Di Stefano, uno dei leader di CasaPound, all'interno della sede vivono famiglie di italiani rimaste senza un tetto. Poi, ad accendere il faro su via Napoleone III, è arrivata l'inchiesta dell'Espresso. A quel punto il palazzone, sei piani per 60 vani a due passi dalla stazione Termini, è finito nel mirino della Corte dei Conti.

A caccia dei responsabili di uno spreco milionario, i magistrati per ora hanno messo in fila tutti gli sgomberi evitati da CasaPound. Prima con Alemanno sindaco, poi con la stesura della shortlist degli edifici occupati firmata nel 2016 dal prefetto Francesco Paolo Tronca. Lo stabile all'Esquilino è nell'elenco dei 93 immobili occupati abusivamente stilato dalla questura, non tra le 16 situazioni più critiche individuate dall'ex commissario del Campidoglio.
La musica non è cambiata neppure sotto l'amministrazione Raggi. Dopo essere finito all'ordine del giorno di uno dei comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica convocati in prefettura per fare il punto sulla situazione degli sgomberi, via Napoleone III è di nuovo sparita dai radar del Comune e di palazzo Valentini. Domani le parti si riaggiorneranno e - chissà - CasaPound potrebbe tornare tra gli argomenti d'attualità: con l'indagine della procura contabile e lo spettro di una maxi-condanna per danno erariale sul capo di politici e dirigenti capitolini, le sorti dello stabile occupato da ormai quasi 15 anni non possono essere più ignorate.

Ieri, però, la visita della finanza si è chiusa con Un nulla di fatto. E con le parole del numero uno delle "tartarughe", Gianluca Iannone: "Non c'è stata nessuna perquisizione". Adesso non è escluso un nuovo blitz, stavolta senza preavviso.


https://roma.repubblica.it/cronaca/2018/10/23/news/prove_di_sfratto_per_casapound_a_roma_rischio_tensioni_blitz_rinviato-209721249/





Roma. Perquisizione a Casa Pound. Il blitz finisce con calorose strette di mano tra fascisti e polizia


23 Ottobre 2018

Operazione farsa della Guardia di Finanza a Casapound. Arrivano per una "perquisizione concordata", finisce con un nulla di fatto e strette di mano tra Digos e neofascisti.

Il 15 ottobre Davide di Stefano si era fatto due chiacchiere in questura e aveva concordato un’ispezione. Ieri, però i fascisti ci hanno ripensato e non hanno fatto entrare gli agenti a via Napoleone III.
La vicenda trova spazio su quotidiani romani solo per il suo grottesco esito: gli agenti della Guardia di Finanza respinti sul portone di Via Napoleone III dagli stessi personaggi con cui pochi giorni prima si erano messi d'accordo (pare che a fare da tramite siano stati gli agente della Digos, evidentemente ritenuti una garanzia da entrambe le parti).
Per le Fiamme Gialle l’obiettivo era quello di dare seguito a un’inchiesta della Corte dei Conti per danno erariale. Dopo alcune sconvolgenti rivelazioni su carta stampata pare che in procura stiano ipotizzando che Via Napoleono III non sia una casa per famiglie italiane in difficoltà ma bensì l’insospettabile sede di un movimento neofascista che usa lo stabile come più gli fa comodo.
Per i giornalisti delle cronache locali comunque il problema pare essere che un tipo di Casapound avrebbe detto ai finanzieri “se entrate finisce in un bagno di sangue”. Rapporto d'amicizia, quello tra casapound e la digos, che non è stato scalfito neanche da questo episodio, così racconta l'epilogo della vicenda il quotidiano la Repubblica "Tentativo respinto, concluso con una serie strette di mano tra i militanti del partito di estrema destra, un sorridente Davide Di Stefano in testa, e gli agenti della Digos in borghese inviati sul posto dalla questura per mediare e arginare possibili disordini". Tutto bene quel che finisce bene.
Insomma Casapound davanti alle telecamere fa la voce grossa minacciando bagni di sangue, dietro sorrisoni e strette di mano calorose con la Digos.
Nessuno scandalo invece che Casapound sia l’unico posto in Italia in cui perquisizioni, ispezioni e operazioni di Polizia vengono concordate preventivamente con la Digos.

https://www.infoaut.org/antifascismonuove-destre/roma-perquisizione-a-casa-pound-il-blitz-finisce-con-calorose-strette-di-mano-tra-fascisti-e-polizia

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo