antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.08.18
Verona, volantino omofobo: “Zona infestata da finocchi”.
·
La denuncia delle associazioni gay: “Clima d’intolleranza”

Dopo l'episodio della coppia di ragazzi schiaffeggiati a Piazza Bra perché omosessuali, è comparso il manifesto nella zona del Lazzaretto, che - come raccontano le associazioni Lgbt - "fin dal dopoguerra è uno dei luoghi della città frequentati da persone gay, una zona franca deputata agli incontri". L'episodio è stato segnalato alla Digos da Pianeta Milk Arcigay Verona

23 agosto 2018

“Attenzione zona altamente inquinata da immondizia abbandonata e infestata da finocchi molesti“, questa è la scritta omofoba comparsa su un volantino a Verona, in zona Lazzaretto. A denunciare il manifesto anti-gay sono le associazioni per i diritti omosessuali e antifasciste della città veneta. In un comunicato – firmato da Assemblea 17 Dicembre, Arcigay/Arci Pianeta Milk Verona, Circolo Pink Verona, Non Una Di Meno Verona, Azione Antifascista Verona e Potere Al Popolo Verona – le associazioni raccontano che il parco in cui è comparso è un luogo altamente simbolico: “Il Lazzaretto è fin dal dopoguerra uno dei luoghi della città frequentati da persone gay, una zona franca deputata agli incontri”.

Zona già luogo di intimidazioni contro gli omosessuali. “Nel corso degli anni” spiegano nel comunicato di denuncia – postato su Facebook con il titolo ironico “Sono arrivati gli eco-omofobi” – qui si sono verificate “scorribande e pestaggi ai danni dei gay che lo frequentano”. Adesso l’affissione di questi volantini agli alberi ha messo in allerta le associazioni gay che lanciano l’allarme: “Visti i precedenti, li dovremmo forse considerare un avvertimento? Seguiranno azioni violente?“. I volantini sono comparsi dopo la manifestazione del 18 agosto “organizzata per rispondere all’ennesima violenza omofoba che si è consumata in città”. Nelle settimane scorse, infatti, due ragazzi, Andrea e Angelo, sono stato insultati, aggredita e schiaffeggiati in piazza Bra perché omosessuali. Secondo gli organizzatori non è un caso che i volantini compaiano “proprio a ridosso del corteo, e che il consueto velenoso clima d’intolleranza che respiriamo a Verona torni a manifestarsi”.

Nello slogan finto ecologista si affianca l'”immondizia abbandonata” ai “finocchi molesti”. Si chiede di fare attenzione e si legge ancora: “Tieni pulito l’ambiente, difendi la natura“. Oltre alla scritta stampata in bianco e nero, in basso si vede un logo: “una scala con uno dei pioli trasformati in dente di lupo“, simbolo della runa Wolfsangel, emblema utilizzato dai nazisti prima di venire soppiantato dalla svastica. Secondo le associazioni si tratta del simbolo utilizzato da un “tipo di tifoseria “, “un marchio-logo contiguo all’estrema destra”: quello “dell’Helles Verona”. “Da informazioni raccolte al Lazzaretto sembra che nei giorni scorsi si aggirassero nella zona alcune persone con la maglietta blu e il logo dell’Hellas Verona, – si legge – che in città è sempre stato, attraverso lo stadio e la curva sud, un vivaio dell’estrema destra”, spiegano nel comunicato.

Il volantino, intanto è stato “segnalato alla Digos dall’associazione Pianeta Milk Arcigay Verona”. “Un’aggressione omofoba è un’aggressione omofoba”, conclude la nota pubblicata sulla pagina Fecebook di “Veronesi aperti al mondo”. “Vigileremo il Lazzaretto, e se ci saranno episodi violenti o aggressioni sapremo già da che parte girarci”.

Intanto, questa mattina è stato individuato e denunciato un 21enne rumeno per l’aggressione alla coppia gay, insultata e presa a schiaffi nel centro di Verona la sera dell’11 agosto scorso. Secondo la ricostruzione della Digos, i due stavano passeggiando tranquillamente in strada tenendosi mano nella mano quando un gruppo di ragazzi seduti sulle scalinate del Palazzo della Gran Guardia hanno iniziato a insultarli per il loro orientamento sessuale. La coppia, decisa a non dare corso alle provocazioni, ha proseguito la passeggiata venendo però raggiunta dal rumeno che, rincarando la dose, ha iniziato a colpire il più piccolo dei fidanzati con uno schiaffo al volto, per poi allontanarsi insieme agli amici. Il 21enne denunciato, di nazionalità rumena e residente a Verona, già gravato da numerosi precedenti di polizia per minacce, lesioni personali in ambito bullismo, ingiuria, estorsione e rissa, non è noto per estremismo politico. Al vaglio dell’autorità giudiziaria anche il comportamento degli altri ragazzi del gruppo, tutti identificati, incensurati e mai evidenziatisi, come l’aggressore, sotto il profilo politico.


https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/23/verona-volantino-omofobo-zona-infestata-da-finocchi-la-denuncia-delle-associazioni-gay-clima-dintolleranza/4578575/

vandalismi_minacce


articolo precedente           articolo successivo