antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.07.18
Uno Bianca, Occhipinti è libero: "Si è pentito"
·
I parenti delle vittime: "Devastati, decisione grave, dovevano dargli un altro ergastolo". De Maria (Pd): "Sconcerto"

03 luglio 2018

BOLOGNA Marino Occhipinti, uno degli ex poliziotti assassini della Banda della Uno Bianca, da ieri è un uomo libero. Il Tribunale di sorveglianza di Venezia gli ha notificato in carcere, al "Due Palazzi", il provvedimento che da subito gli consente di uscire dalla casa di reclusione di Padova. La notizia è riportata da alcuni quotidiani.

Condannato all'ergastolo nel 1997 per l'omicidio di Carlo Beccari, guardia giurata di 26 anni ucciso nel 1988 durante l'assalto alla cassa continua della Coop di Casalecchio di Reno, nel Bolognese, l'ex poliziotto oggi ha 53 anni e godeva del regime di semilibertà dal 2012. Il 20 giugno scorso il suo avvocato, Milena Micele, ha presentato in udienza la documentazione a favore della libertà, che comprende le relazioni sul suo lavoro svolto fuori e dentro il carcere con la cooperativa Giotto. Secondo il provvedimento del Tribunale di sorveglianza il suo pentimento è "autentico", ha "rivisitato in modo critico il suo passato" e "non è socialmente pericoloso"
Uno Bianca, Occhipinti è libero: "Si è pentito"
Condividi
I PARENTI DELLE VITTIME. "Io ad Occhipinti gli darei di nuovo l'ergastolo, altro che libertà, deve rimanere in prigione". Sono parole di Luigi Beccari, il papà di Carlo, la guardia giurata di 26 anni uccisa dalla Banda della Uno Bianca nel 1988, Luigi Beccari, che si trova in ospedale, ha spiegato di aver saputo della scarcerazione di Occhipinti da "una persona amica. Tutto questo mi fa molto male, quando uscirò da qui farò qualcosa", ha detto senza riuscire a trattenere le lacrime. "Se siamo arrivati a questo punto è colpa anche di chi comanda il carcere di Padova (dov'era detenuto Occhipinti ndr.) che aveva già spinto per la sua semilibertà. Dovevano chiedere ai familiari delle vittime - ha proseguito -, a me, se poteva uscire. Così non va bene, bisognerebbe cambiare le leggi".

Beccari, non vuole sentire parlare di pentimento. "Non mi interessa - ha concluso -, dovrebbero darlo a me, così potrei parlarci bene, come dico io. E' solo un assassino, che ha ucciso una persona innocente, mio figlio, e da quel momento tutto è cambiato".
Uno Bianca, Occhipinti libero: il dolore dei parenti delle vittime. "Non è pentito"
Condividi
"Una decisione grave che non capisco. Non c'è stato rispetto per le vittime": così il presidente dell'Associazione familiari delle vittime della Banda della Uno Bianca, Rosanna Zecchi, ha commentato il provvedimento. "Questa mattina - ha detto la rappresentante dei familiari - ho sentito la figlia di Beccari ed era devastata. I magistrati con leggerezza mandano fuori dal carcere queste persone, è una legge sbagliata che occorre cambiare". Quanto ai giudici di sorveglianza "anche se non era dovuto - ha osservato Zecchi - potevano almeno telefonare a noi dell'Associazione, non c'è stato rispetto per le vittime. Comunque - ha concluso - prendiamo atto di questa decisione e speriamo che non escano dal carcere altri componenti della Banda, mi riferisco ai fratelli Savi perchè sono pericolosi".

"E' un'indecenza". Così Anna Maria Stefanini, la madre di Otello, carabiniere ucciso dalla Banda della Uno Bianca il 4 gennaio 1991 nel quartiere del Pilastro a Bologna, commenta, al telefono con l'ANSA, la scarcerazione di Marino Occhipinti. "Voglio replicare al giudice che testualmente ha scritto che il suo pentimento è 'autentico', invitandolo a riflettere su come nessun pentimento possa considerarsi compiuto se non è accompagnato dal perdono dei familiari delle vittime, vittime essi stessi della perdita dei propri cari ad opera di azioni criminali che, nel caso della Banda della Uno Bianca hanno determinato l'omicidio di 24 persone e il ferimento grave di altre 103".

REAZIONI."La notizia della scarcerazione di Marino Occhipinti è motivo di grande sconcerto". E' il commento del deputato del Pd, Andrea De Maria. "Nel rispetto delle sentenze della magistratura e nella consapevolezza del principio costituzionale della funzione rieducativa della pena - ha detto De Maria - non si può non vedere che siamo di fronte ad una decisione che, a poco più di vent'anni dal processo sulla Uno Bianca, conferma e rafforza l'idea di una sproporzione fra i delitti compiuti da quella banda criminale e il percorso giudiziario dei colpevoli".

Secondo il parlamentare Pd la Uno Bianca "ha rappresentato più che un semplice episodio di criminalità ma una occasione di destabilizzazione della convivenza civile e delle istituzioni di Bologna, operata da chi quella convivenza avrebbe dovuto difendere, in un contesto che ha consentito per anni ai responsabili di agire indisturbati". Nel dare la sua solidarietà ai familiari dei morti e feriti dalla banda, De Maria ribadisce che "lo Stato dovrebbe prima di tutto stare dalla parte delle vittime della violenza, del terrorismo, della criminalità organizzata e del loro diritto ad avere giustizia".

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2018/07/03/news/uno_bianca_occhipinti_e_libero-200700641/

repressione_F
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo