antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 27.06.18
Stop a via Almirante, Campidoglio approva 'contro mozione' dei 5S: "Roma è antifascista"
·
Annullata la votazione del 14 giugno che aveva approvato "per errore" la mozione originaria. Protesta Meloni: "Una gazzarra per farci dimenticare i problemi della città"

26 giugno 2018

A Roma non ci sarà una via Giorgio Almirante. L'Assemblea capitolina ha approvato a maggioranza, con i voti del M5S e del centrosinistra, la cosiddetta 'contro-mozione' della maggioranza sull'ipotesi di dedicare una strada della capitale al segretario storico dell'Msi. Il Campidoglio corre così ai ripari dopo la controversa votazione del 14 giugno, quando l'Aula, con i voti di Fratelli d'Italia e degli stessi 5S aveva dato l'ok alla mozione originaria.

L'atto di oggi - voluto sottoscritto in primis dalla sindaca Virginia Raggi, presente in Aula al momento del voto - prevede l'impegno per la giunta "a non procedere all'intitolazione di toponimi o comunque di nomi di luoghi e strutture pubbliche ad esponenti politici portatori di idee riconducibili al disciolto partito fascista o a persone che si siano esposte con idee antisemite e razziali".

Approvata in Aula anche una mozione del centrosinistra a prima firma di Stefano Fassina che va nella stessa direzione. Dopo l'ok dell'Aula, si sono levati applausi dalla platea.

Il documento dei pentastellati definisce "urgente dare seguito alla discussione volta all'inserimento nello statuto dei valori antifascisti". "Grazie ad un errore della maggioranza si è sviluppato un dibattito", rivendica il consigliere pentastellato Pietro Calabrese, che poi ammette: "E' stato un errore banale, la maggioranza aveva ritenuto che fosse un'intitolazione come le altre. Ora il dibattito è aperto".

Polemiche da Fratelli d'Italia, che aveva promosso la mozione originaria. Per Giorgia Meloni "Almirante è stato un grande uomo politico italiano, è giusto intitolargli una via. Ci dispiace la gazzarra che sta facendo il M5S. In realtà è solamente un modo per far dimenticare i problemi del sindaco Raggi". "Si sta cercando di mettere una pezza", tuona il capogruppo FdI Andrea De Priamo. Che punta il dito contro la maggioranza: "Avete votato senza sapere chi fosse Giorgio Almirante? Stavate dormendo? Ci batteremo fino alla fine" perché "questa mozione non impedisce l'intitolazione di una via ad Almirante".

Soddisfatti invece i partigiani, presenti per l'occasione in Campidoglio insieme ad altre realtà civiche della Capitale, che dopo l'ok applaudono e intonano 'Bella Ciao'. "E' un fatto molto positivo - commenta il presidente dell'Anpi Roma - dedicare una via ad Almirante sarebbe stata una vergogna per la città. Bene dunque questa mozione 'riparatrice' anche perché fa riferimento alla volontà di inserire in statuto i valori antifascisti. Ciò vuol dire che i valori costituzionali trovano una nuova fonte normativa. Faremo la nostra parte per rendere concreti questi precetti in città".

http://roma.repubblica.it/cronaca/2018/06/26/news/campidoglio_approva_contro_mozione_dei_5s_su_via_almirante-200119279/





Via Almirante, stop all’intitolazione. I partigiani cantano «Bella ciao» in aula
Approvata la contromozione Cinque stelle dopo la gaffe del voto «per errore». Stavolta Virginia Raggi era presente. «Roma sarà antifascista per statuto»


Stavolta la sindaca, memore della gaffe di due settimane fa, quando aveva appreso da Bruno Vespa a “Porta a Porta” che il “suo” Campidoglio aveva dedicato una strada a Giorgio Almirante, in aula c’era. Nel suo scranno al centro della maestosa sala intitolata a Giulio Cesare, Virginia Raggi era attentissima, pronta a intervenire per evitare defezioni. Guardata a vista da Mario Di Maio, il partigiano di 92 anni con il fazzoletto al collo che è andato a salutarla di persona. E tutto è filato liscio: Roma poco prima delle 21 del 26 giugno 2018, è “tornata” antifascista, con tanto di “Bella ciao” intonata dai banchi del pubblico. L’assemblea capitolina ha infatti approvato con 30 voti favorevoli e 4 contrari la contro-mozione firmata dai Cinque stelle e dalla stessa sindaca, che impegna la giunta «a non procedere alla intitolazione di toponimi, o comunque di nomi di luoghi e strutture pubbliche, a esponenti politici portatori di ideologie riconducibili al `disciolto partito fascista´ o a persone che si siano esposte con idee antisemite e razziali».

Il coro e le lacrime

A dare il via a “Bella ciao”, appena il tabellone elettronico ha annunciato l’esito del voto, sono stati il presidente dell’Anpi di Roma e Lazio, Fabrizio De Sanctis, e gli esponenti di altre associazioni di combattenti. Applausi, qualche lacrima. E il coro si è subito esteso. Il partigiano Di Maio, oltretutto, aveva un conto in sospeso: lo scorso 25 aprile, invitato dall’XI Municipio di Roma (grillino) a una celebrazione antifascista, si era ritrovato a declamare una poesia sul bombardamento di San Lorenzo in una sala desolatamente vuota (“Il caffè” di Massimo Gramellini).

Le strade da cancellare

Un altro passo falso, al quale il voto «riparatore» dell’aula Giulio Cesare ha posto riparo. «Si è sancita la posizione di tutta l’amministrazione sull’identità antifascista di Roma. Riteniamo urgente inserire nello statuto i valori antifascisti», ha detto la Raggi, che ha annunciato anche imminenti revisioni sulle strade “sbagliate” presenti in città: «Abbiamo già avviato il processo di ridenominazione di via Donaggio, largo Donaggio e via Zavattari, che ricordano esponenti che sottoscrissero il manifesto della razza. Al loro posto, chiederemo ai cittadini che su quelle vie abitano, di lavorare con noi» per scegliere «quale sarà lo scienziato che opponendosi al manifesto della razza darà il nuovo nome a quelle strade».

La Meloni: gazzarra che dispiace

Dura la razione di Fratelli d’Italia, che aveva promosso la mozione originaria. Per Giorgia Meloni «Almirante è stato un grande uomo politico italiano, è giusto intitolargli una via. Ci dispiace la gazzarra che sta facendo il M5S. In realtà è solamente un modo per far dimenticare i problemi del sindaco Raggi». «Si sta cercando di mettere una pezza. Avete votato senza sapere chi fosse Giorgio Almirante? Stavate dormendo?», ha rincarato la dose il capogruppo di FdI Andrea De Priamo. Risposta di Pietro Calabrese, per il M5S: «E’ stato un errore banale, la maggioranza aveva ritenuto che fosse un’intitolazione come le altre». Per riparare ai danni del voto del 14 giugno, dopo il quale la Raggi, uscita dalla sede Rai, si era precipitata a sconfessare i suoi, stavolta le votazioni sono state addirittura due. Grazie alla convergenza di pentastellati e centrosinistra, è passata anche una mozione presentata da Stefano Fassina, analoga nei contenuti. Repetita iuvant.


https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/18_giugno_26/via-almirante-stop-all-intitolazione-partigiani-cantano-bella-ciao-aula-ad513cd4-797d-11e8-80e9-424fd8b8c17b.shtml

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo