antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 6.06.18
Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
·
E' la presa di posizione di numerosi insegnanti e addetti amministrativi del liceo linguistico “Ilaria Alpi”. Una sottoscrizione è circolata all'interno dell'istituto

04 giugno 2018 16:37

Non andava permessa una manifestazione di Forza Nuova in mezzo agli edifici di ben tre licei della città di Cesena, in mezzo a centinaia di studenti, in gran parte minorenni, in uscita dagli istituti scolastici. E' la presa di posizione di numerosi insegnanti e addetti amministrativi del liceo linguistico “Ilaria Alpi”. Una sottoscrizione circolata all'interno dell'istituto reca ben 56 firme, 50 di insegnanti e 6 membri del personale di ausilio e amministrativo. Il riferimento è alla manifestazione promossa sabato 19 maggio scorso da Forza Nuova nel piazzale antistante la stazione ferroviaria e quindi davanti alle porte di diverse scuole superiori, tra cui l'Alpi.

I firmatari spiegano che gli stessi studenti hanno manifestato sconcerto. “Lo sconcerto ha prodotto un confronto ed una riflessione comune che ci porta ad unire pubblicamente la nostra voce al coro che in queste settimane ha chiesto ragione alle autorità competenti su come sia stato possibile autorizzare un simile evento proprio in quel luogo, con quella modalità e con quella tempistica”, critica il documento.

“Non è superfluo ricordare che la massiccia presenza di forze dell’ordine venute a piantonare l’area lasciava presagire l’alto rischio di disordini che sarebbero potuti nascere in reazione alla ostentata presenza di una forza ideologicamente estremista che, come già è accaduto nella stessa città di Cesena alla vigilia delle elezioni, molto facilmente poteva provocare reazioni, magari scomposte e altrettanto estreme. Non entriamo nel merito della polemica sulla liceità di organizzare un presidio per garantire il mantenimento dell’ordine e del decoro nelle stazioni ferroviarie, per poi allestire una manifestazione con tanto di slogan propagandistici in prossimità dei tre licei cittadini. In ogni caso, qualsiasi manifestazione di estremismo e qualsiasi esibizione di aggressività e violenza non sono certo esempi edificanti da sottoporre all’attenzione di una folla di studenti in gran parte minorenni”, continua il testo firmato dai prof.

Conclude la lettera aperta: “Perciò, in primo luogo, in quanto educatori, ci sta a cuore dissociarci da questa esibizione di intolleranza e di violenza verbale, dagli slogan infarciti di pregiudizio e risentimento nei confronti di intere categorie che vengono sommariamente accusate di provocare il degrado della città. Quotidianamente lavoriamo insieme ai ragazzi per costruire una coscienza civile critica e consapevole ispirata ai valori fondanti della democrazia e della nostra Costituzione. Il nostro istituto per sua stessa vocazione insegna il principio del dialogo tra lingue e culture, l’apertura alla conoscenza e alla valorizzazione delle diversità, la libertà di pensiero e di parola non disgiunta dal rispetto della singola persona, che è in sé valore inviolabile. Non vogliamo che i nostri ragazzi pensino che questo clima di intimidazione sia una conseguenza necessaria, una risposta legittima alle difficoltà importanti che il nostro Paese sta attraversando. Ai ragazzi in primo luogo rivolgiamo il nostro pensiero perché riflettano e sappiano riconoscere dalla lezione che viene dalla storia e dalla cultura una risposta civile improntata al dialogo, alla conoscenza e alla tolleranza”.


http://www.cesenatoday.it/cronaca/manifestazione-di-forza-nuova-davanti-ai-licei-50-prof-sbagliato-autorizzarla-li.html

manifestazioni antifa
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo