antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio
- Cristiani, islamici, ebrei: a Trieste tutti uniti contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 26.04.18
Nazione Rom: "da CasaPound Esplicite minacce di morte contro gli abitanti del Camping River"
·
Roma, manifestazione CasaPound contro campo Rom. Nazione Rom: "Esplicite minacce di morte contro gli abitanti del Camping River"

25 aprile 2018

Con una lettera inviata alla Prefettura di Roma, Prefetto Paola Basilone, Questura di Roma, Questore Guido Marino, Ufficio di Gabinetto, Ministero dell'Interno, Ministro Marco Minniti ed a Luigi Manconi, coordinatore Unar - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali c/o la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Marcello Zuinisi, legale rappresentante dell'Associazione Nazione Rom (ANR) ha richiesto di revocare il permesso di manifestazione a CasaPound Italia, giovedi 26 aprile 2018, ore 17.00, Via Tenuta Piccirilli 207, Roma, c/o Camping River.

Le motivazioni sono inerenti alle molteplici minacce di morte, espresse, in questi giorni da esponenti di CasaPound - Italia contro i cittadini Rom residenti nel Camping River.

Attraverso il proprio profilo facebook denominato "CasaPound Italia" gli esponenti della nota organizzazione razzista, fascista e nazista stanno preparando la loro manifestazione.

Oggi è stato pubblicato questo il seguente post: https://www.facebook.com/casapounditalia/posts/10155655437367842
in esso si legge: CAMPING RIVER, GIOVEDI' MANIFESTAZIONE DI CASAPOUND: "CHIUDERE SUBITO L'INSEDIAMENTO ABUSIVO DI 500 ROM"

"Il Camping River, occupato da circa 500 rom, va sgomberato immediatamente. La situazione è fuori controllo e rischia di diventare una bomba sociale". "Da mesi denunciamo al municipio la situazione esplosiva creata dalla presenza di uno dei più grandi campi nomadi (che nomadi non sono) di Roma senza alcuna efficace risposta", ha spiegato il vicepresidente di CasaPound Italia, Andrea Antonini, ex consigliere municipale proprio a Roma Nord, sottolineando che "oggi tutti sanno che CasaPound è a fianco dei residenti e, come sempre, la differenza si vedrà costi quel che costi".

L'annuncio della manifestazione ha suscitato l'immediata reazione dell’Associazione Nazione Rom che ha indetto una "manifestazione rom" per lo stesso giorno e la stessa ora in via Tenuta Piccirilli 207, davanti al River e a poco più di un chilometro da quella di Cpi. Una pericolosa provocazione a cui i militanti della Tartaruga Frecciata non si piegano ma anzi rispondono che "a nulla serve chiedere l'appoggio delle istituzioni chiamando in causa razzismo e diritti umani: il camping River è un esempio di abuso e illegalità, un ricettacolo di criminalità e degrado sociale sulla pelle dei cittadini, che va immediatamente chiuso". "Al Questore ed al Prefetto di Roma, a cui si sono rivolti i rom perché vietino la nostra manifestazione, - conclude la nota di CPI - chiediamo una cosa sola: di far rispettare la legge".

Militanti di CasaPound commentano la notizia con le seguenti espressioni: "Prima va bonificato con il fuoco, quando sono ancora tutti dentro e poi.... vanno fatte sgomberare.... LE CENERI!"

Esplicite minacce di morte contro gli abitanti del Camping River sono iniziate da cinque giorni.

Il 19 aprile 2018, alle ore 14.52, sul sito facebook di CasaPound Italia, compare un altro post, riportante una agenzia di stampa della redazione di Andkronos che annuncia la manifestazione promossa da ANR e dal Consiglio Nazionale Rom Sinti Caminanti (RSC) davanti al Camping River, in Via Tenuta Piccirilli per protestare pacificamente ed opporsi “al razzismo e agli abusi di stato” e “contro il Piano Rom di Virginia Raggi ed il tallone di ferro di fascismo e nazismo“.

Il post di CasaPound Italia riceve migliaia di apprezzamenti pubblici e viene commentato dai propri esponenti e militanti con gravissime ed esplicite minacce di morte rivolte contro i cittadini residenti del Camping River: "lanciafiamme", "a sprangate", "al rogo", "napalm", "ruspe, radere al suolo e disinfettare", "una bomba a mano e la questione è risolta", "vanno eliminati tutti insieme a quelli che li difendono", "olio di ricino e manganello", "in un paese normale gli zingari non dovrebbero manco respirare", "daje camerati", "magari bruciassero tutti", "un bel lanciafiamme così diamo una bella manifestazione", "un bel treno, li carichi e via all'inferno", "ruspe, manganelli ed asfalto", "quando li buttiamo al mare?", "sono la razza peggiore, sfruttano i bambini per elemosinare", "basta un fiammifero", "forever napalm", "prima facciamo un corteo e poi li bruciamo", "dinamite for ever", "fuori a calci", questi i contenuti ed i toni rivolti contro un'intera comunità umana.

https://www.facebook.com/casapounditalia/posts/10155655437367842

Una organizzazione come CasaPound non dovrebbe neanche esistere, ed il suoi dirigenti e militanti portati davanti ad un Giudice e processati per "minacce con l'aggravante dell'istigazione alla violenza ed all'odio etnico".

Per questo ci siamo appellati, al Questore, al Prefetto di Roma, al Ministero dell'Interno per annullare il permesso concesso a CasaPound Italia di manifestare nei pressi del Camping River per ragioni di sicurezza e di incolumità della vita di 430 esseri umani di etnia Rom.

Chiediamo il rispetto delle legge della Repubblica Italiana.

Si informa, inoltre, che c/o UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è aperto e pendente il fascicolo con numero 14435 2018, riguardante il cittadino Giorgio Halilovic, residente c/o il Camping River, nato a Roma il 12 agosto 1982 ed ingiustamente espulso dall'Italia il 13 aprile scorso.

Sua moglie Patrizia ed i suo figli, attendono ancora le decisioni del Giudice di Pace c/o il tribunale Civile di Roma, dove, gli avvocati difensori, hanno richiesto l'annullamento del provvedimento, ritenendolo illeggittimo.

ufficio stampa e comunicazioni, Associazione Nazione Rom, tel +39 3281962409, email nazione.rom@gmail.com

https://www.agoravox.it/Roma-manifestazione-CasaPound.html

vandalismi_minacce
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo