antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio
- Cristiani, islamici, ebrei: a Trieste tutti uniti contro CasaPound
- Aggressione squadrista a Lanciano: risarcimento alla vittima e donazione a Ong Mediterranea

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 8.04.18
Rievocazione campo nazista a Cologno, il Comune leghista ha stanziato 3mila euro.
·
Il sindaco giustifica così: ‘Evento culturale’


L'amministrazione ha finanziato l’associazione “Rivivere il passato” che sabato 21 e domenica 22 aprile nello spazio esterno di villa Casati allestirà la scenografia del campo militare della Wermacht. Il primo cittadino Angelo Rocchi: "Non è un finanziamento ad un’associazione nazista ma a dei ragazzi che fanno in tutta Italia questa manifestazione di carattere culturale”

8 aprile 2018

L’amministrazione comunale di Cologno Monzese, amministrata dal sindaco leghista Angelo Rocchi, non ha solo patrocinato la rievocazione di un campo militare della Wermacht, la forza di difesa tedesca comandata da Adolf Hitler, ma l’ha anche finanziata. Il Comune ha deciso di stanziare 3mila euro per l’associazione “Rivivere il passato” che sabato 21 e domenica 22 aprile nello spazio esterno di villa Casati allestirà la scenografia della manifestazione. A firmare la determina numero 344 del 3 aprile scorso è il dirigente Fabio Scupola che ha trovato i soldi nel capitolo “spese per ricerche culturali, convegni e mostre”.

Nel provvedimento non si parla del gruppo “36 Fuesilier Kompanie” che invece compare nella locandina come promotore dell’iniziativa perché, a detta dell’assessore Simone Rosa, “si è trattato di un refuso”. Il Comune ha persino ristampato i manifesti: “L’associazione ‘Rivivere il passato’ è regolarmente registrata e ha sede a Crevalcore rievoca tanti reparti tra cui il 36esimo”, spiega il componente della giunta.

Il primo cittadino resta convinto della sua scelta nonostante nei giorni scorsi l’Anpi di Cologno Monzese si sia indignata proprio per il riferimento alla famigerata 36esima Waffen Grenadier Division delle SS, anche conosciuta come SS-Sturmbrigade Dirlewanger, dal nome del fondatore Oskar Dirlewanger, nata con compiti di contro-insurrezione per reprimere la resistenza in Polonia all’occupazione nazista.

Rocchi non ha problemi a spiegare la natura del finanziamento: “E’ un contributo all’associazione che per organizzare la manifestazione sposterà venti persone e allestirà cinque tende da campo: una della Croce Rossa, una dei partigiani, una dei tedeschi, una dei russi e un’altra delle telecomunicazioni. Non è un finanziamento ad un’associazione nazista ma a dei ragazzi che fanno in tutta Italia questa manifestazione di carattere culturale”.

Tuttavia nell’atto del Comune non compare alcun riferimento ai partigiani: “La determina l’ha scritta il dirigente, non l’ho nemmeno vista. Io ho solo dato l’indicazione politica. Di là di quel che c’è scritto nel provvedimento nessuno vuol fare una manifestazione di carattere nazista”. E quando si ricorda al sindaco che i soldati della Wermacht uccisero 20mila ebrei oltre alle condanne nel processo di Norimberga, lui specifica: “Non rievochiamo i fatti specifici ma tutto lo scenario riguardante la seconda guerra mondiale. Non voglio far passare Cologno come una città che fa rievocazioni fasciste”.

Intanto il comitato provinciale di Monza e Brianza dell’Anpi ha annunciato un presidio sabato 14 aprile in piazza 11 febbraio a Cologno per manifestare il proprio dissenso. “L’anno scorso – spiega il sindaco – abbiamo rievocato i Longobardi e hanno fatto casino. Abbiamo fatto il concerto di Povia e hanno chiesto di revocarlo. Nella mia città c’è una componente radicale di Sinistra ben organizzata e molto arrabbiata per aver perso le elezioni che sfrutta mediaticamente queste situazioni. Sono tutti attempati, post Sessantottini che quando sono lì con i fischietti mi fanno tenerezza. Sono ridicoli. In ogni caso sono per la libertà d’espressione, facciano quel che vogliono”.

Parole che l’Anpi rispedisce al mittente: “La determina è chiara, non si tratta di un errore del dirigente. Ora provano ad aggiustare il tiro facendo credere che vi sarà altro. Per noi resta un errore che a villa Casati – spiega Antonio Manicone, referente dell’associazione a Cologno – di fronte al cippo dei deportati si faccia un’iniziativa del genere. Non commento le parole del sindaco su di noi, non hanno alcuna importanza. Noi continueremo a chiedere la revoca di questa pagliacciata”.


https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/04/08/rievocazione-campo-nazista-a-cologno-il-comune-leghista-ha-stanziato-3mila-euro-il-sindaco-giustifica-cosi-evento-culturale/4278204/

iniziative_fasciste
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo