antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 28.12.05
Borghezio: da Ordine Nuovo alla Lega Nord, il percorso di un esemplare razzista
·

BORGHEZIO STORY: DA ORDINE NUOVO ALLA LEGA NORD
IL PERCORSO ESEMPLARE DI UN RAZZISTA

L’On. Mario Borghezio incarna ormai , senza ombra di dubbio, l’anima più radicale della Lega Nord. Nato a Torino nel 1943, laureato in giurisprudenza, dopo aver fatto parte per due legislature della Camera dei Deputati è stato nel 1999 eletto al Parlamento Europeo. Nel settembre dello stesso anno venne anche designato presidente del “governo della Padania”, quando la Lega, a seguito del congresso straordinario di Varese, aveva deciso di battersi apertamente per la “secessione “. Ora Mario Borghezio, più modestamente, si limita a presiedere i “volontari verdi”, un’associazione strettamente collegata alla Lega, già sotto processo fra l’altro con l’accusa di attentato all’unità dello Stato e costituzione di struttura paramilitare.

Ma prima di approdare alla Lega, alla fine degli anni ’80, Mario Borghezio aveva già avuto modo di far parlare di sé. Prima da liceale, quando aderì alla Legione ( sigla della “Lega Giovanile Nazionale Europea” ), poi, dopo una breve parentesi nella DC negli anni ’70, per la sua militanza in Ordine Nuovo, il gruppo neonazista fondato da Pino Rauti e Giulio Maceratini, ormai storicamente considerato, nell’ambito dei processi e delle nuove indagini avviate dalla magistratura, lo strumento esecutivo di tutte le stragi che dal 1969 al 1974 insanguinarono l’Italia.

Ancora recentemente, in un’intervista televisiva, Pino Rauti aveva ricordato la giovane figura di Borghezio, successivamente finito ( siamo già nei primi anni ’80 ) dalle parti della rivista “Orion”, interna all’arcipelago neofascista, fondata da Maurizio Murelli, condannato per concorso nell’omicidio dell’agente di polizia Antonio Marino, colpito al petto dal lancio di una bomba a mano, il 12 aprile 1973 a Milano, negli scontri seguiti ad una manifestazione della “Maggioranza Silenziosa”. In un’intervista rilasciata solo pochi giorni fa all’Unità, lo stesso Maurizio Murelli aveva avuto modo di ricostruire l’amicizia di Borghezio con Claudio Mutti, da sempre vicino a Franco Freda, e l’ideologia “ferocemente antigiudaica” che lo pervadeva. Ora Borghezio viaggia insieme al gruppo di Forza Nuova, da lui definito “ un ambiente fondamentalmente sano”. E’ bene ricordare che Forza Nuova, costituita da Roberto Fiore e Massimo Morsello, è nata come reincarnazione di Terza Posizione, organizzazione eversiva di fatto scompaginata dalla magistratura nel 1980 quando furono emessi numerosi mandati di cattura nei confronti dei suoi dirigenti. Roberto Fiore, condannato per associazione sovversiva e banda armata, attese latitante a Londra la prescrizione della sua pena. Il modello a cui storicamente guarda Forza Nuova è da sempre la “Guardia di Ferro”, movimento ultracattolico, antisemita e terrorista, nato in Romania negli anni ’30, strutturato in forma semiclandestina attraverso microcellule, i cosiddetti CUIB ( “nido” in lingua rumena ), riproposti ora da Forza Nuova come propri organismi di base.

Tra i simboli che oggi compaiono sui volantini e sugli striscioni di Forza Nuova il “dente o gancio del lupo”, già utilizzato da alcune divisioni delle Waffe-SS nel secondo conflitto mondiale. Non casualmente la Digos di Roma, dopo il comizio ( l’ultimo di una lunga serie) del 2 novembre a Roma , in Piazza SS. Apostoli, oratori Mario Borghezio e Roberto Fiore, ha deciso di inoltrare alla Procura un’indagine in ordine ai reati di istigazione all’odio razziale, etnico e religioso. Viene dunque da lontano Mario Borghezio, ammiratore di Haider e Le Pen, legato da sempre alla destra radicale non solo ideologicamente ma anche nei comportamenti. Condannato a 5 mesi a Torino lo scorso 19 ottobre per aver incendiato sotto un ponte un ricovero di extracomunitari, non è nuovo alla frequentazione dei tribunali per atti di violenza. Sul suo capo pende da tempo anche un processo per bancarotta fraudolenta. Una figura, in conclusione, certamente emblematica nel panorama leghista, ma non isolata. Non pochi altri hanno seguito lo stesso percorso.

Collettivo per una Rete Anti-Fascista (RAF) – Reggio Emilia
2novembre.re@libero.it

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo