antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.02.18
Pisa Corteo contro Salvini, giornata di violenza: cariche della Polizia
·
Due momenti di alta tensione venerdì 23 febbraio, in Corso Italia e via Mazzini. Alla fine 6 manifestanti fermati, due di questi sono finiti in ospedale. Slogan e insulti al leader della Lega, che dal palco di Piazza Vittorio Emanuele non commenta

Cariche e manganellate della Polizia da un lato, caschi e bottiglie di vetro dall'altro. Momenti di violenza si sono consumati ieri, 23 febbraio, alla manifestazione di contestazione a Matteo Salvini, presente in città in Piazza Vittorio Emanuele per un comizio elettorale. Circa 400 persone, in gran parte giovani, hanno espresso il loro dissenso alle politiche sostenute dal leader della Lega. L'intenzione, dichiarata fin dall'inizio e ribadita al concentramento in Piazza XX Settembre, era quella di "non far parlare Salvini, per non fargli inquinare la città con le sue bugie razziste". Il bilancio finale vede 6 manifestanti fermati dalla Polizia, due dei quali feriti e ricoverati in ospedale. Salvini ha regolarmente tenuto il suo intervento, per quanto l'eco delle sirene e degli scontri lo ha raggiunto.

Il gruppo di manifestanti si è radunato a partire dalle 16 sotto al Comune, in Piazza XX Settembre. La partenza verso Piazza Vittorio c'è stata alle 16.40. 'Pisa non si Lega' recitava lo striscione di testa, insieme alla bandiera antifascista. Gli slogan che si sono susseguiti sono stati principalmente contro Salvini ed il suo partito. Presenti antagonisti e centri sociali, ma è emersa anche la composizione eterogenea dei partecipanti: attivisti dei quartieri popolari, delle lotte cittadine come per la casa, movimenti femministi e dei diritti gay, studenti. "Migranti, non lasciateci sole con i leghisti" recitava un altro striscione. In coda Potere al Popolo. Il messaggio è stato ribadito più volte: "No a politiche razziste e sessiste, no a chi specula e semina odio, promuovendo una guerra fra poveri. No alle passerelle di chi si professa anti-sistema, ma lo rappresenta, essendo alleato con i politici che hanno governato per anni".

Man mano che il corteo in Corso Italia si è avvicinato a Piazza Vittorio, gli sguardi curiosi dei negozianti si sono fatti più preoccupati. Gli esercizi degli ultimi 300 metri prima dell'obiettivo hanno tutti chiuso. La prima linea, all'altezza di via Pascoli, ha indossato i caschi. Dopo poco i manifestanti si sono incamminati direttamente verso la piazza ed il cordone di Polizia, schierato ad impedire l'accesso al comizio di Salvini. Un istante di contatto con gli scudi di plastica ed è partita la prima carica, intorno alle ore 17. Il breve scontro è stato seguito dal lancio di alcuni oggetti, con almeno un paio di bottiglie di vetro.

Il corteo poi è ritornato in Piazza XX Settembre ed ha virato su Lungarno Gambacorti, bloccando il traffico al passaggio. Ha imboccato via Mazzini: obiettivo ancora una volta Piazza Vittorio. Lo sbarramento della Polizia era piazzato in via D'Azeglio. La strada angusta, le auto parcheggiate, hanno delineato un terreno di scontro più pericoloso. Di nuovo i manifestanti si sono incamminati verso il cordone: pochi secondi di faccia a faccia ed è partita la seconda carica. Ore 17.30. Una volta ristabilite le distanze, sono cominciate a piovere le bottiglie di vetro, che hanno colpito anche alcune vetture. Esplosa una bomba carta. Ragazzi a volto coperto hanno messo a terra dei bidoni, come a formare un perimetro, a circa 40 metri dalla Polizia. Da quella 'trincea' è proseguito il lancio di oggetti, fino ad un'altra carica, senza però che si delineasse un nuovo corpo a corpo.
La carica e le manganellate in via Mazzini (VIDEO)

Di nuovo via Mazzini e Lungarno Gambacorti, poi sosta sul Ponte di Mezzo. Alle ore 18 si sono diffuse le voci fra i manifestanti di chi è stato fermato. Salvini è archiviato, all'imbrunire il corteo punta la Questura, per chiedere la liberazione di chi è stato preso. Lungarno Mediceo, Piazza Mazzini, via Santa Bibbiana e via di Simone. L'ultimo presidio del corteo si è svolto davanti gli uffici della Polizia, con ancora agenti schieri a protezione della propria sede. Ma la contestazione era comunque finita: era iniziata l'attesa di solidarietà verso i manifestanti fermati. Su di loro pendono gli accertamenti degli inquirenti su quanto accaduto.

http://www.pisatoday.it/cronaca/corteo-cariche-scontri-salvini-pisa-23-febbraio-2018.html

manifestazioni antifa
r_toscana


articolo precedente           articolo successivo