antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer
- Sei episodi, otto vittime, immigrati e rom colpiti e feriti con armi ad aria compressa
- Forlì, tiro all'africano con pallini ad aria compressa
- Sparano allo chef immigrato a Napoli: "Ridevano, credevo di morire”

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 19.02.18
Sala con la Boldrini: “Chiudere gruppi e movimenti fascisti”. De Magistris: “Chi aspettano Minniti e il governo?”
·
Il primo cittadino di Milano sostiene a sorpresa la presidente della Camera e ora candidata Leu. Silenzio dal Pd, mentre Berlusconi dice che "il fascismo è morto e il vero pericolo è l'antifascismo"

19 febbraio 2018

“Chiudere i gruppi e i movimenti che si ispirano al fascismo”. La proposta della ex presidente della Camera e ora candidata con Leu Laura Boldrini ha trovato a sorpresa l’appoggio del sindaco di Milano, eletto in quota Pd ma mai iscritto dem, Beppe Sala. Posizione condivisa anche dal collega primo cittadino di Napoli Luigi De Magistris che nelle scorse ore ha dovuto affrontare gli scontri al comizio di Casapound: “Chi aspettano il ministro dell’Interno e lo stesso governo per porre fine alla propaganda fascista nel nostro Paese?”. Silenzio dal Partito democratico, mentre Silvio Berlusconi nelle scorse ore, intervistato a Che tempo che fa, è arrivato a dichiarare che “il fascismo è morto e il vero pericolo è l’antifascismo”.

Dopo l’attentato di Macerata contro i neri e la manifestazione antifascista disertata dal Pd, la proposta di sciogliere i movimenti che si ispirano al fascismo è arrivata da Laura Boldrini, intervenuta a Milano. “Sono d’accordo con lei”, ha commentato il primo cittadino Sala. “Invece non sono d’accordo con chi dice, come Berlusconi, che non ci sia un reale pericolo. Perché il reale pericolo non è legato solo alla presenza di Mussolini, il reale pericolo c’è se si fomentano i giovani”. Quindi secondo Sala “non bisogna drammatizzare ma che non ci sia pericolo non è assolutamente vero”.

Non è la prima volta che il primo cittadino sceglie di esporsi con una linea diversa da quella del suo partito, ma questa volta ha fatto più rumore del solito perché in piena campagna elettorale. Sulla stessa linea si è schierato anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris. Proprio ieri sera in città ci sono stati scontri in concomitanza con una manifestazione elettorale di Casapound in un hotel nei pressi della Stazione centrale. La contro-manifestazione degli attivisti dei centri sociali è terminata con scontri con le forze dell’ordine, circa 20 attivisti portati in questura e denunciati e 5 rappresentanti delle forze dell’ordine feriti. “La Costituzione”, ha detto De Magistris, “pone fuori legge le organizzazioni che fondano la loro ideologia sul fascismo e, quindi, sull’odio razziale e del diverso come pericolo per la razza ritenuta, in modo aberrante, superiore”. E ha concluso: “Se si continuano a consentire comizi e manifestazioni neofasciste facendole passare per esercizio della democrazia significa autorizzare l’inizio della fine della democrazia. E’ da qui che si crea il clima brutto che si respira e che deve essere sconfitto. L’eversione non può divenire normalità. Vogliamo Stato e popolo uniti a difesa della Costituzione e dei suoi valori antifascisti inviolabili. Napoli prima, ora e sempre antifascista”.

Grasso ha invece appoggiato le dichiarazioni della Boldrini: “Condanniamo qualsiasi violenza che possa essere vista sotto il profilo del fascismo o del razzismo. Quindi, sotto questo profilo, condivido la posizione della presidente Boldrini che condanna tutte quelle manifestazioni che possano essere valutate come una ricostituzione del partito fascista, con l’invito a sciogliere eventuali formazioni e associazioni di questo tipo”, ha detto a Bologna a margine di un incontro pubblico su Università e Scuola con studenti, dottorandi e precari. Per quanto riguarda gli scontri tra i centri sociali e le forze dell’ordine, scoppiati venerdì scorso nel capoluogo emiliano, quando in circa un migliaio sono scesi in piazza contro il comizio di Forza Nuova, Grasso ha specificato: “Condanniamo comunque la violenza da qualsiasi parte arrivi”.

Per Fabrizio Cicchitto, deputato uscente di Ap, invece la Boldroni è ideologica: “Oggi la violenza sulle piazze e le aggressioni contro le forze dell’ordine sono praticate sia da gruppi neofascisti sia da alcuni centri sociali. Il problema allora non è quello di procedere a scioglimenti, come propone la Boldrini sulla base di una univoca definizione ideologica, appunto quella del riferimento al fascismo, che aprirebbe una serie di questioni sul terreno dei diritti di libertà e che non affronterebbe l’altra fonte di violenza che è quella di estrema sinistra-centri sociali”.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/19/sala-con-la-boldrini-chiudere-gruppi-e-movimenti-fascisti-de-magistris-chi-aspettano-minniti-e-il-governo/4170312/






Gruppi neofascisti: Grasso accoglie appello di Boldrini: "Sì a scioglimento"


Il presidente del Senato rilancia la battaglia avviata dalla presidente della Camera e collega di partito. Dello stesso avviso anche Fedeli, Sala, Civati e Rossi

Dopo la presidente della Camera e collega di partito Laura Boldrini, la battaglia per lo scioglimento delle associazioni o manifestazioni che inneggiano all'ideologia fascista raccoglie l'adesione del presidente del Senato e leader di Liberi e Uguali Pietro Grasso.

Intervenuto a Bologna per un incontro con studenti, dottorandi e precari dell'università Grasso ha detto "Condanniamo qualsiasi violenza che possa essere vista sotto il profilo del fascismo o del razzismo. Quindi, sotto questo profilo, condivido la posizione della presidente Boldrini che condanna tutte quelle manifestazioni che possano essere valutate come una ricostituzione del partito fascista, con l'invito a sciogliere eventuali formazioni e associazioni di questo tipo".

A chi gli chiedeva un commento sugli scontri con le forze dell'ordine scoppiati venerdì scorso nel capoluogo emiliano, nel corso del corteo dei centri sociali contro un comizio di Forza Nuova, Grasso ha puntualizzato: "Noi condanniamo comunque la violenza da qualsiasi parte avvenga".

Alle voci di Grasso e Boldrini si sono aggiunte anche quelle del sindaco di Milano Giuseppe Sala e della ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli, che nel corso del videoforum di Repubblica Tv ha ribadito l'importanza dello studio della Costituzione e della storia recente nelle classi e ha detto "Chi è fuori dalla Costituzione è fuori dalla legge".

All'inizio dello scorso dicembre Repubblica aveva lanciato un appello proprio sul tema dello scioglimento delle formazioni neonazifasciste. Un appello a cui avevano aderito tutti i partiti di centrosinistra e anche M5S, e poi associazioni partigiane, rappresentanti delle istituzioni, comunità ebraiche.

Tutti d'accordo nel chiedere un intervento del Viminale e della magistratura per arrivare alla messa fuori legge di quelle formazioni che si ispirano al ventennio e ne ripropongono contenuti e simboli.

Al coro si è aggiunto anche Pippo Civati: "I partiti neofascisti vanno messi fuorilegge. Esprimo quindi grande soddisfazione per la presa di posizione di Laura Boldrini e Pietro Grasso, che riprendono una battaglia intrapresa da mesi alla camera. Andrea Maestri ha spiegato, già dalla scorsa estate, che non c'è bisogno di ulteriori provvedimenti per sciogliere le formazioni neofasciste. C'è anche un'interrogazione a indicare la rotta. Bastano le leggi Mancino e Anselmi e serve la volontà politica per applicarle".

Dello stesso avviso un altro esponente di LeU, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi che ha parlato di troppo indulgenza nei confronti del fenomeno, segnalando la comparsa di una scritta ineggiante a Luca Traini a Buonconvento (Siena): "Cosa si aspetta a sciogliere le organizzazioni neofasciste? Cosa si aspetta a dare attuazione alla XII disposizione transitoria della Costituzione italiana? Bisogna mettere fuorilegge tutte quelle formazioni che istigano all'odio, al razzismo, al fascismo. C'è troppa indulgenza verso i fascisti del terzo millennio, verso gli eredi politici dello stragismo nero, verso i suprematisti di casa nostra".

http://www.repubblica.it/politica/2018/02/19/news/fascismo_grasso_accoglie_appello_di_boldrini_si_a_divieto_per_manifestazioni_e_scioglimento_associazioni_-189224608/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P5-S1.8-T1

manifestazioni antifa
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo