antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound
- A Treviso piazze e sale pubbliche vietate all’estrema destra
- Porto San Giorgio Letame e colla nella serratura. Lo sfregio a poche ore dall'incontro con i candidati di Casapound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 17.02.18
Bologna, contro il comizio di Forza Nuova in migliaia al presidio. Idranti e lacrimogeni sugli antifascisti
·
Fiore in comizio, idranti e lacrimogeni su migliaia di antifascisti

Dopo le cariche di stamattina un lungo sit-in in piazza Maggiore. Alle 19.30 parte un corteo, attaccato in via Farini dalle forze di polizia. In giornata arrestato uno studente del Cua per la manifestazione di Piacenza.

16 febbraio 2018

Dopo le cariche in via Farini, i manifestanti scesi in piazza contro il comizio del leader forzanovista hanno manifestato lungo via Castiglione, piazza di porta Ravegnana e via Rizzoli per raggiungere, intorno alle 15.30, piazza Maggiore, fermandosi a ridosso del Pavaglione. Per quattro ore hanno mantenuto il presidio tra interventi, cori e fumogeni, in un numero cresciuto progressivamente nel corso del pomeriggio. Dalle 17.30, con numeri più esigui, si è radunato il presidio convocato da Anpi, Pd, Arci e sindacati confederali.

La Polizia ha sbarrato la strada fin dal pomeriggio con blindati e grate di ferro e filtrato il passaggio sotto il portico. Altre grate sono state posizionate lungo via Farini, a chiudere una piazza Galvani che ha atteso i neonazisti silenziosa e semivuota, con negozi serrati e difficoltà a transitare anche per i semplici passanti. Alla fine i militanti forzanovisti sono arrivati, diciotto contati.

Alle 19.30 gli antifascisti hanno iniziato a muoversi dal Pavaglione, formando un lungo corteo di migliaia di persone lungo via Rizzoli, via Castiglione, piazza Santo Stefano e via Farini. Arrivati a poca distanza da piazza Galvani sono stati brutalmente respinti dal getto degli idranti (a Bologna non si erano visti neanche nel '77!) e dai lacrimogeni delle forze di polizia. Hanno esploso in risposta alcuni petardi e lanciato oggetti verso gli antisommossa. Due fermati, a quanto si apprende, sarebbero stati subito rilasciati. Dopo alcuni minuti in piazza Minghetti, sono ripartiti in corteo lungo via Farini, via Castiglione, Strada Maggiore, piazza Aldrovandi, via San Vitale fino al Nettuno.

Nel corso della giornata, gli studenti del Cua hanno detto che un loro compagno, Lorenzo, portapizze per Just Eat, è stato arrestato per quanto avvenuto alla manifestazione antifascista di Piacenza, sabato scorso: "Anche per lui è importante essere in Piazza oggi! Fuori i fascisti dalla nostra città! Lorenzo, Giorgio e Mustapha liberi subito!". Unanimi gli attestati di solidarietà delle altre realtà in piazza.

http://www.zic.it/fiore-in-comizio-idranti-e-lacrimogeni-su-migliaia-di-antifascisti-videofoto/




Bologna, comizio di Forza Nuova: in migliaia al presidio antifascista. Scontri con la polizia


Ad attendere Fiore una quindicina di militanti della formazione di estrema destra, che lo hanno accolto con saluti romani e slogan come 'Boia chi molla'. Il leader di estrema destra: "Clima d'odio fomentato dalla trimurti: magistrati, sinistra e media. In primis il gruppo Espresso". I manifestanti volevano occupare piazza Galvani, dove si è svolto il comizio. Il sindaco Merola al presidio in piazza Nettuno: "Gli italiani non sono quelli che sono razzisti"

16 febbraio 2018

Cariche della polizia, idranti e scontri a Bologna tra agenti e attivisti dei centri sociali, che hanno cercato di occupare piazza Galvani dove intorno alle 19.30 è arrivato il segretario nazionale di Forza nuova Roberto Fiore. Gli agenti, in tenuta antisommossa, hanno allontanato più volte i manifestanti, che hanno tirato anche lacrimogeni, bottiglie di vetro e segnali stradali, oltre a intonare Bella Ciao mentre era in corso il comizio del leader di estrema destra, terminato intorno alle 20.30. Ad attendere Fiore una quindicina di militanti della formazione di estrema destra, che lo hanno accolto con saluti romani e slogan come ‘Boia chi molla’.

Il leader del movimento di estrema destra ha detto che (...)

I manifestanti volevano occupare la piazza per impedire l’iniziativa al grido “oggi è la nostra Resistenza”, e in seguito ad alcune cariche tra piazza Galvani e via Farini, in centro storico, con spintoni e manganellate, sei ragazzi sono rimasti feriti. “Qui oggi si ritrovano i cittadini democratici, – ha detto il sindaco Virginio Merola durante il presidio organizzato in piazza Nettuno da Cgil, Cisl, Uil, Arci e Anpi – perché si parla di italiani ma si fa un po’ di confusione perché gli italiani non sono quelli che sono razzisti, gli italiani sono la stragrande maggioranza della popolazione che si ricorda che la Repubblica Democratica è nata sulle ceneri dei massacri e delle persecuzioni compiute dai fascisti”. Se infatti da un lato di piazza Maggiore almeno un migliaio di persone si sono unite al sit al quale era presente il sindaco, davanti al Sacrario dei caduti, dall’altro capo del Crescentone centinaia di attivisti dei collettivi hanno sfilato in corteo per cercare di raggiungere la piazza del comizio, presidiata dalla polizia in tenuta antisommossa.

In mattinata alcuni attivisti del collettivo Hobo avevano bloccato il Consiglio comunale sventolando uno striscione che recitava “siete complici dei fascisti”. Poi i collettivi, un centinaio di attivisti tra le varie sigle bolognesi, tra cui Hobo, Vag51, Làbas e Cua, si sono spostati in piazza Galvani, successivamente allontanati dalla polizia. I manifestanti hanno tirato contro la polizia – che ha effettuato diverse cariche per respingerli – lacrimogeni bottiglie di vetro e segnali stradali.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/16/bologna-collettivi-occupano-piazza-prima-del-comizio-di-forza-nuova-scontri-con-la-polizia/4165135/

manifestazioni antifa
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo