antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio
- Cristiani, islamici, ebrei: a Trieste tutti uniti contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 13.02.18
"Minacciati con coltelli e tirapugni: ecco cosa è successo": Cagliari, tensione CasaPound-antifascisti
·
CAGLIARI. Sarebbero spuntati anche coltelli e tirapugni durante i momenti di tensione, domenica pomeriggio, tra militanti di CasaPound e antifascisti davanti alla scuola elementare Italo Stagno di via Is Mirrionis. Un gruppetto di appartenenti al partito di estrema destra stava attaccando manifesti quando, venuti a conoscenza della loro presenza, una ventina di antifascisti ha deciso di impedirlo. La tensione è salita in pochi secondi.

Ecco cosa sarebbe successo secondo gli autori del boicottaggio antifa di Sa Domu.

Poco dopo le 16 di domenica pomeriggio ci hanno segnalato che Casapound stava facendo attacchinaggio alla rotonda di Is Mirrionis e Via Cadello. Come antifascisti e antifasciste non abbiamo esitato ad uscire per impedire l’ennesima offesa alla nostra città, a pochi giorni dai fatti dell’EXMA; l’indifferenza generale e la complicità con questure e istituzioni ha armato i militanti di Casapound. Gli incendi nei centri di accoglienza e le pistolettate di Macerata ci impongono di non mollare il passo; non dobbiamo aver paura di praticare l’antifascismo militante contro chi vuole far esplodere l’odio sociale e violenza gratuita in città, mettendoci in prima persona con i nostri corpi e le nostre parole a contrastare la loro azione. Di seguito i fatti.
I manifesti della tartaruga frecciata di CasaPound
In una ventina siamo arrivati fuori dalla scuola elementare Italo Stagno e abbiamo trovato cinque militanti di CPI, con manifesti, secchio di colla e scopa per attacchinare. Abbiamo intimato loro di andarsene subito, ovviamente ne è nata qualche tensione nella quale i manifesti sono stati strappati, la colla rovesciata a terra e la scopa buttata nei cassonetti. Contro i militanti fascisti ci si è limitati a uno scontro verbale, senza degenerare in quello fisico, per nostra volontà. Il diverbio ha attirato varie persone che passeggiavano in Via Is Mirrionis che si sono fermate a guardare. Il gruppo di cinque si è quindi allontanato a testa bassa, tornando verso la sede in Via la Nurra.
Stavamo tornando a casa quando abbiamo visto arrivare i loro rinforzi. Una ventina, tra cui i cinque di prima. Uno dei nuovi arrivati tira fuori un coltello, un altro, travisato, un tirapugni. Intanto un’altra da dietro inizia a filmare con un telefonino. Abbiamo fronteggiato il gruppo, mantenendoci, per fortuna, su un livello verbale, anche se ci sono stati momenti di tensione fisica in cui uno di noi è stato fatto cadere a terra. Abbiamo evitato lo scontro fisico, scontro che loro invece non vedevano l’ora di fare, ad armi impari: questo avrebbe significato vedere un compagno o una compagna sdraiati in una pozza di sangue, accoltellati per mano di questi miserabili. Siamo venuti poi a sapere che l’attacchinaggio è stato portato a termine dai militanti di CPI, sotto la sorveglianza della Polizia di Stato.
Riteniamo questo episodio gravissimo. I fascisti stanno prendendo sempre più spazio nella città di Cagliari e questo episodio è sintomo della legittimità di cui godono nel portare avanti le loro azioni violente. Il fatto che con naturalezza e disinvoltura portino con loro e tirino fuori armi al primo diverbio ci fa capire la natura del loro agire e non può passare inosservato. La mentalità fascista, un mix di razzismo, arti marziali e cocaina, permea l’intero partito e la militanza di Casapound. Riteniamo impensabile che un “partito” simile si possa candidare alle elezioni, che possa occupare qualsiasi spazio istituzionale, che possa aprire sedi in città e fare propaganda politica. Il fascismo è un ideale che nega ogni altro ideale, è un pensiero politico che nega ogni dialettica democratica. Il fascismo è violenza, odio e oppressione del prossimo. È bene tenere a mente che un partito e una militanza fascista non ledono esclusivamente alla militanza antifascista, bensì tutti e tutte, in un clima di violenza discriminatoria verso chiunque non sia aderente ai canoni del partito. Dopo le violenze di Macerata e Genova, dopo l’appoggio delle forze dell’ordine a Pavia, il neofascismo sta dilagando in tutte le sue forme e sta toccando anche Cagliari.

http://www.youtg.net/v3/top-news/5664-minacciati-con-coltelli-e-tirapugni-ecco-cosa-e-successo-cagliari-tensione-casapound-antifascisti

vandalismi_minacce
r_sardegna


articolo precedente           articolo successivo