antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer
- Sei episodi, otto vittime, immigrati e rom colpiti e feriti con armi ad aria compressa
- Forlì, tiro all'africano con pallini ad aria compressa
- Sparano allo chef immigrato a Napoli: "Ridevano, credevo di morire”

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 10.02.18
Macerata, sfilano in migliaia contro il razzismo: “Siamo in 30mila”.
·
Gino Strada: “Italiani migliori dei partiti assenti”

In una città blindata, con negozi chiusi e mezzi pubblici fermi, il corteo ha percorso le vie del centro dietro allo striscione "Movimenti contro ogni fascismo e razzismo". Molti i cartelli contro il ministro dell'Interno Marco Minniti e il leader della Lega, Matteo Salvini. Coro degli antagonisti veneti sulle Foibe: condanna da Serracchiani a Meloni. Cortei anche a Milano, Roma e Palermo. Scontri a Piacenza e Torino

10 febbraio 2018

Davanti cittadini e associazioni di Macerata, dietro tutti gli altri. Migliaia di persone. “Siamo in 30mila”, dicono gli organizzatori. Tutti in marcia nel corteo antirazzista organizzato dopo il raid xenofobo di Luca Traini, nel quale sono rimasti feriti 6 migranti. La manifestazione, organizzata da movimenti e centri sociali di tutta Italia che si sono radunati nei giardini Diaz, ha sfilato senza incidenti in una città blindata, con negozi chiusi e mezzi pubblici fermi.

Dietro lo striscione “Movimenti contro ogni fascismo e razzismo”, con molteplici cordoni di polizia a delimitare il percorso autorizzato dalla questura e un elicottero a sorvegliare dall’alto, i manifestanti hanno esposto molti i cartelli contro il ministro dell’Interno Marco Minniti – che dopo due giorni di polemiche aveva dato l’ok al corteo – e il leader della Lega, Matteo Salvini. Un altro chiede invece di “sciogliere Forza Nuova”. “Oggi il futuro si gioca tra l’umanità e le barbarie – ha più volte scandito il corteo – Chiunque venga colpito da atti di stampo neofascista, colpisce tutti noi”. Un gruppo di antagonisti veneti ha intonato un coro inneggiando alle Foibe: “Ma che belle son le foibe da Trieste in giù”. Il coro è rimasto un episodio isolato che non è stato seguito dal resto dei manifestanti. Dura condanna è stata espressa da Debora Serracchiani e Giorgia Meloni.

In piazza a Macerata era presente anche il fondatore di Emergency, Gino Strada: “Una partecipazione spontanea di migliaia di persone – ha detto – che dimostra che gli italiani sono migliori dei partiti che non sono qui“. Accanto a lui i manifestanti della Fiom compresa la segretaria Francesca Re David e dell’Usb. “Era importante esserci per dire no alla violenza, al razzismo e contro questo nuovo fascismo che sta prendendo piede piano piano in Italia”, ha aggiunto il fondatore di Emergency. Lungo il corteo si vedono diverse bandiere di Potere al Popolo e fazzoletti dell’Anpi, uno indossato dalla partigiana Lidia Menapace. Presenti anche una decina di parlamentari di Liberi e Uguali, tra i quali Pippo Civati e Nicola Fratoianni, oltre ad Angelo Bonelli di Insieme, ad alcuni rappresentanti di PiùEuropa e all’ex ministro Cécile Kyenge.

Cortei si sono svolti anche a Milano, Roma e Palermo. Diverse migliaia di persone si sono riunite nel capoluogo lombardo, nella zona di porta Venezia. In testa uno striscione con la scritta “Chiudere i covi neri. Milano antifascista, antirazzista, meticcia e solidale”, sostenuto da un gruppo di ragazzi migranti. Molte persone sono arrivate con dei cartelli: alcuni hanno la scritta ‘Salvini sei tu il mandante’, riferito al raid di Macerata. Il corteo antifascista e antirazzista di Milano, al quale era presente anche Laura Boldrini, si è concluso in via Zuretti, vicino alla Stazione Centrale dove quasi dieci anni fa è stato ucciso a sprangate un migrante 19enne.

Due manifestazioni si sono tenute anche a Piacenza e Torino, dove oltre alle manifestazioni antifasciste erano in programma anche quelle di CasaPound e Forza Nuova. Scontri si sono verificati a Piacenza tra le forze dell’ordine e i manifestanti del corteo organizzato dal collettivo Contro Tendenza. Un gruppo, dopo circa mezz’ora dall’inizio del corteo, ha raggiunto il centro storico, ha affrontato polizia e carabinieri. Un militare sarebbe rimasto ferito dopo essere stato accerchiato da alcuni manifestanti che lo hanno aggredito. Nel capoluogo piemontese, invece, un gruppo di manifestanti si è staccato e ha lanciato sassi, bottiglie e una bomba carta contro le forze dell’ordine. L’azione, in via Luzzati, è stata bloccata con una carica di polizia al termine della quale è stato fermato un manifestante.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/10/macerata-sfilano-migliaia-contro-il-razzismo-siamo-30mila-gino-strada-italiani-migliori-dei-partiti-assenti/4151351/





Milano, in 20mila sfilano al corteo antirazzista e antifascista



La manifestazione organizzata da movimenti antirazzisti e centri sociali ha attraversato la città per esprimere solidarietà ai migranti feriti nel blitz di Luca Traini. In serata l'estrema destra ricorda la tragedia delle foibe

10 febbraio 2018

In 20mila sono scesi in piazza in segno di solidarietà per le vittime della tentata strage di Macerata. La marcia antirazzista e antifascista, in concomitanza con quella di Macerata, è stata promossa da diverse realtà: collettivi studenteschi, centri sociali, varie sigle che appartengono al mondo della sinistra.

In corteo ci sono anche associazioni che lavorano con i migranti, come il Naga, la Fiom - Cgil, gli anarchici, l'associazione donne musulmane d'Italia; in rappresentanza della politica c'è Liberi e uguali con il candidato alla presidenza della Regione Lombardia, Onorio Rosati, Sinistra per la Lombardia, Potere al popolo. In testa al corteo, che è partito da Porta Venezia ("quartiere multietnico di Milano", come hanno spiegato gli organizzatori), uno striscione con la scritta 'Chiudere i covi neri. Milano antifascista, antirazzista, meticcia e solidale', sostenuto da un gruppo di giovani migranti. Non c'è invece la presenza ufficiale del Pd anche se in piazza sono arrivati molti esponenti del partito.

Si è unita al corteo anche la presidente della Camera, Laura Boldrini che è stata inizialmente contestata e poi applaudita dai partecipanti. La contestazione è arrivata da parte di alcuni giovani antagonisti e dei centri sociali che in coro le hanno urlato: "Peggior destra!", "Andate dall'altra parte a fare la passerella" e "Anche oggi beccate un pò di voti". Boldrini, candidata di Liberi e uguali è stata però poi applaudita e incoraggiata nel corso del corteo e ha intonato Bella Ciao insieme ai manifestanti.

Molte persone sono arrivate con dei cartelli: alcuni hanno la scritta 'Salvini sei tu il mandante', riferito ai fatti di Macerata. Il corteo antifascista e antirazzista di Milano arriva in via Zuretti, vicino alla Stazione Centrale dove quasi dieci anni fa venne ucciso il diciannovenne " Abba", Abdul William Guibre.

Sull'altro fronte politico, a distanza di sicurezza, alle 18, sono partiti da Largo Marinai d'Italia
i militanti di CasaPound in strada con bandiere e tricolori per ricordare la tragedia delle foibe. Oltre 150 i militanti che dopo aver esposto uno striscione con la scritta "Onore ai martiri delle foibe", i militanti inquadrati e in fila - tra loro anche la candidata alla presidenza di Regione Lombardia, Angela De Rosa - hanno acceso le torce e osservato un minuto di silenzio. Al momento del rito del 'Presente', solo uno di loro ha alzato il braccio per il saluto fascista.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2018/02/10/news/centri_sociali_e_destra_estrema_in_piazza_oggi_a_milano_per_due_cortei_a_distanza-188495892/

manifestazioni antifa
r_marche


articolo precedente           articolo successivo