antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
"Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 2.02.18
Ancona CasaPound paga la sala per Di Stefano, stop della Mancinelli: «Le loro posizioni non sono normali»
·
Chiusura totale alla possibilità che il segretario nazionale del partito di estrema destra tenga un incontro a Palazzo del Popolo: «In Europa ci sono segnali preoccupanti e loro li rappresentano»


«L’autorizzazione all’uso della sala non è stata data perché quella è Casapound». Il sindaco Valeria Mancinelli chiude in modo tranciante alla possibilità che il prossimo 7 febbraio il segretario nazionale Simone Di Stefano arrivi a Palazzo del Popolo per lanciare la candidatura alla Camera dei Deputati dell’anconetano Emanuele Mazzieri. Nonostante la richiesta di autorizzazione avanzata ieri dal partito di estrema destra agli uffici comunali per l’utilizzo della sala, con tanto di bonifico pagato per l'uso dello spazio, il sindaco Valeria Mancinelli ha chiuso il discorso con una motivazione politica: «Le posizioni che esprime CasaPound non fanno parte di una normale dialettica di confronto delle idee» ha spiegato il primo cittadino prima di entrare al Circolo della Vela per un dibattito organizzato dal Rotary Ancona-Conero.

«Vengo dalle iniziative del giorno della memoria e alla domanda che hanno posto molti, cioè su come si sia arrivati ai campi di sterminio, la risposta data da Primo Levi e da tanti altri è che prima era stato sottovalutato il fenomeno. Ci sono segnali preoccupantissimi di questo tipo in Europa e in Italia e non c’è dubbio che CasaPound li rappresenti». La notizia dell’arrivo ad Ancona di Di Stefano era stata messa in circolazione ieri da un volantino che dava per certo l’appuntamento alla sala dell’ex consiglio comunale. La Mancinelli stessa, tramite un post sul suo profilo facebook, aveva da subito bollato la notizia come “falsa”. Dietro non c’è nessuna questione formale: «Ieri c’è stata la richiesta per l’utilizzo della sala, la signora dell’ufficio interessato ha spiegato loro le istruzioni burocratiche su come presentare la domanda - ha spiegato il sindaco - con la loro locandina hanno probabilmente interpretato che dopo aver ottenuto le informazioni di carattere tecnico l’autorizzazione sia stata concessa, ma serviva la firma del funzionario e quell’autorizzazione non è stata data. Non è stata data perché è CasaPound e noi pensiamo di dover dare un segnale forte alla città e all'opinione pubblica». Capitolo chiuso.

Resta un’ultima domanda: può un’amministrazione comunale rifiutare la concessione di una sala pubblica a un partito riconosciuto legalmente al punto da presentare le proprie candidature alle prossime elezioni politiche? Lo diranno le carte: «Ci saranno i provvedimenti formali, il giuridichese lo vedrete con i provvedimenti quando usciranno» ha chiosato la Mancinelli.

http://www.anconatoday.it/politica/casapound-di-stefano-mancinelli-ancona.html

manifestazioni antifa
r_marche


articolo precedente           articolo successivo