antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio
- Cristiani, islamici, ebrei: a Trieste tutti uniti contro CasaPound
- Aggressione squadrista a Lanciano: risarcimento alla vittima e donazione a Ong Mediterranea
- Pizzarotti nega la sala civica a Forza Nuova: "Parma è antifascista"
- Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 31.01.18
Elezioni, i candidati di CasaPound: l’avvocato di Licio Gelli, gli amici di Roberto Spada e condannati per aggressione
·


Roma. Si chiama Augusto Sinagra, ha difeso il venerabile e i golpisti argentini


Tra proteste e polemiche, CasaPound è riuscita a raccogliere le firme per presentare il proprio simbolo alle elezioni. In mezzo a militanti e camerati vari, nelle liste dei «fascisti del terzo millennio» compaiono anche alcuni esponenti dell’estrema destra con curriculum ingombrante. Come Enzo Cipriano della casa editrice storica del neofascismo Settimo Sigillo (pubblica dal filosofo nero Julius Evola al terrorista Pierluigi Concutelli). O Luciano Baietti, ex militare della Folgore con quindici laurea che ha gestito il centro di detenzione per migranti di Ponte Galeria.

SOPRATTUTTO, SPUNTA una vecchia conoscenza come Augusto Sinagra, avvocato e docente di diritto internazionale. Concorre nel collegio Roma Tuscolano. I camerati divulgano il suo curriculum accademico, ma non ci vuole molto a scoprire che Sinagra è stato avvocato di Licio Gelli. Ai tempi della P2, Sinagra era magistrato. Poi è stato scelto da Gelli come legale. «Gelli mi chiese se ero disposto a fare da consulente legale per una multinazionale, dato che ero professore di diritto internazionale – ha raccontato – Da lì poi arrivò la proposta per entrare a far parte della Loggia P2, e mi diede un modulo da compilare». Si è occupato di tutelare gli interessi dello stato turco ai tempi della richiesta di estradizione del leader del Pkk Abdullah Ocalan.

SINAGRA HA DIFESO alcuni militari argentini accusati di crimini contro l’umanità compiuti sotto il regime militare di Jorge Videla. Uno dei suoi assistiti si chiama Jorge Olivera. Secondo l’accusa, nel 1976 Olivera comandò uno squadrone militare che condusse quindici cittadini franco-argentini nello scannatoio di San Juan. Sinagra riuscì ad evitargli l’estradizione grazie a un artificio giuridico. Lo stesso fece con Carlos Luis Malatto, tenente di fanteria accusato di omicidi, violenze sessuali e torture. Dopo una complicata partita giuridica, Malatto rimase in Liguria, la regione dalla quale proveniva suo nonno. «Le coincidenze tra questi casi sembrano rinviare a un vecchio problema mai risolto tra l’Italia e l’Argentina: la presenza di membri della loggia massonica P2 nelle vicende che riguardano i loro rapporti durante la dittatura militare» denunciò tre anni fa il Grupo de Argentinos en Italia por la memoria, verdad y justicia in una lettera aperta rivolta alle alte cariche istituzionali italiane.

SINAGRA HA SEMPRE affiancato l’attività di conferenziere al lavoro accademico. Negli ultimi tempi, ha scelto come obiettivo polemico Laura Boldrini, soprattutto dopo che la presidente della camera ha criticato la commemorazione ad opera dei neofascisti dei caduti della Rsi al cimitero monumentale di Milano. Boldrini è accusata di tradire la patria e di sostenere lo ius soli, «con il risultato – scrive il candidato – di attrarre in misura crescente ulteriore immigrazione irregolare specialmente di donne incinte che poi non mancherebbero di rivendicare il diritto di ricongiungimento familiare facendo venire in Italia padre, madre, sorelle e fratelli».

https://ilmanifesto.it/in-lista-con-casapound-lavvocato-di-gelli/






Elezioni, i candidati di CasaPound: l’avvocato di Licio Gelli, gli amici di Roberto Spada e condannati per aggressione


Il partito di estrema destra per la prima volta in tutti i collegi. Tra i nomi in lista Augusto Sinagra, che oltre al “Venerabile” della P2 difese colonnelli vicini al dittatore argentino Videla. Poi il consigliere di Ostia Luca Marsella e la sua compagna Carlotta Chiaraluce, campionessa di preferenze nel 2016. I loro contatti con l'esponente del clan - a processo per l’aggressione ai giornalisti di Nemo - sono stati "censurati" dal candidato premier Di Stefano

31 gennaio 2018

E’ un ex magistrato “quasi piduista”, già avvocato di Licio Gelli, il candidato numero uno di CasaPound nel Lazio. La punta di diamante di una lista che, a livello nazionale, consegna al possibile ingresso in Parlamento – fra gli altri – una persona condannata per aggressione, un’altra per resistenza aggravata e lesioni, un economista “complottista” (per sua stessa ammissione) e la campionessa di voti di Ostia amica di Roberto Spada, a processo per l’aggressione ai giornalisti di Nemo Daniele Piervincenzi e il film-maker Edoardo Anselmi. Oltre, come prevedibile, a diversi nostalgici del Ventennio e ammiratori di Benito Mussolini. La tartaruga di estrema destra, per la prima volta nella sua storia decennale, è riuscita a presentarsi in tutti i collegi d’Italia e – sondaggi alla mano – promette di fare il proprio ingresso in Parlamento sfondando il muro del 3%. Una truppa di parlamentari neri, nazionalisti e antieuropeisti, pronti a portare istanze e metodi tipici dell’estrema destra fra le mura di Montecitorio e Palazzo Madama.

Sinagra, dal colonnello Olivera al dem Crisafulli – Fa sensazione, in questo contesto, trovare fra i candidati il nome di Augusto Sinagra. Docente di diritto delle Comunità europee presso la Sapienza di Roma, il “professore” è noto, in realtà, per essere stato l’avvocato difensore di Licio Gelli, il “Venerabile” della P2. E proprio alla loggia massonica – che negli anni ‘70 ospitava molti dei presunti cospiratori pronti a organizzare un golpe fascista di stampo sudamericano in Italia – Sinagra si era iscritto con la tessera 2234, anche se ufficialmente non vi è mai entrato in quanto “sequestrarono le liste prima della mia iniziazione”. Nella sua carriera di avvocato, il docente – console onorario della Repubblica turca di Cipro – vanta anche il mandato di legale del governo turco nel caso Ocalan e la difesa di alcuni colonnelli argentini vicini al dittatore Jorge Rafael Videla, fra cui il torturatore Jorge Antonio Olivera. Proprio Olivera fu scarcerato clamorosamente nel 2000 dalla Corte d’Appello di Roma in seguito alla presentazione di un certificato rivelatosi poi falso. Fra le altre cose, Sinagra è stato rinviato a giudizio l’ottobre scorso nell’ambito di un’inchiesta per calunnia ai danni dell’ex procuratore di Enna, Calogero Ferrotti, a sua volta conseguenza di un’indagine sulla facoltà di Medicina in lingua rumena di Enna ideata dall’ex senatore del Pd, Vladimiro Crisafulli. Proprio Sinagra e Crisafulli sono stati rinviati a giudizio insieme, in quanto rispettivamente legale e patron della Fondazione Proserpina che gestiva l’università.

Chiaraluce: “Lady Ostia” ci prova – Dall’esperienza dello storico 9% di Ostia, invece, arriva la candidatura di Carlotta Chiaraluce, già “lady preferenze” – seppure non eletta – in Campidoglio nel 2016. Chiaraluce è la compagna di vita e di politica di Luca Marsella, distintosi per il risultato elettorale di novembre nel Municipio già sciolto nel 2015 per infiltrazioni mafiose. Su entrambi, però, sono calate le polemiche a causa di un’amicizia mai troppo nascosta con Roberto Spada, arrestato pochi giorni fa insieme ad altri esponenti dell’omonimo clan – capeggiato dal fratello Carmine – con l’accusa di essere ai vertici di un’associazione a delinquere di stampo mafioso, sebbene già al 41bis all’indomani dell’aggressione al giornalista di Nemo, Daniele Piervincenzi. “Robertino”, alla vigilia del primo turno delle elezioni municipali, pubblicò un post su Facebook con endorsement al partito della Tartaruga. Sebbene la chiusura dei profili social di Spada da parte dell’Autorità giudiziaria abbia portato anche alla rimozione delle conversazioni pubbliche con Marsella e Chiaraluce (insieme nella foto a destra), i contatti sono stati confermati e, in qualche modo, censurati anche dal leader nazionale di CasaPound, Simone Di Stefano (nella foto a sinistra). Il candidato premier, in un’intervista del 12 novembre scorso a Lucia Annunziata, ha infatti definito “sconvenienti” i rapporti fra gli esponenti del partito di estrema destra e l’allora reggente del clan, pur difendendo la “buona fede” dei due (che non sono sfiorati da alcuna indagine in merito).

Ex Msi, Fdi e Lega: arrivano i neri – La crescita di CasaPound sembra aver spinto alcuni esponenti di centrodestra a lasciare i rispettivi partiti e movimenti, per cavalcare la spinta neofascista del movimento fondato da Gianluca Iannone. E così, oggi troviamo candidato in Lombardia, ad esempio, Daniele Contucci, il “poliziotto anti immigrati” che solo un anno e mezzo fa correva con Fratelli d’Italia per il Campidoglio, raggranellando appena 300 voti. Dalla Lega Nord, invece, proviene Luciano Vescovi, ex sindaco di Cividate al Piano, mentre sempre da Fratelli d’Italia arriva Roberta Capotosti, salita agli onori delle cronache quando, da consigliera provinciale di Milano, si esibì il 29 aprile 2014 in un discusso saluto romano al “Presente!” gridato durante la commemorazione in ricordo di Sergio Ramelli, Enrico Pedenovi e Carlo Borsani. Ancora, a Cassino l’ex consigliere comunale (per 13 anni) e provinciale di Frosinone, l’imprenditore Maurizio Rossi, per anni iscritto a Alleanza Nazionale, ha fatto storia per aver eretto una statua di Mussolini in un piazzale acquistato dalla sua ditta di pneumatici. In tutto questo mentre, sui social network, vanno per la maggiore le teorie complottiste e antieuropeiste di Marco Mori, economista candidato in Liguria, su cui CasaPound punta moltissimo. Chiudono l’elenco Filippo Castaldini, di Trento, condannato a maggio 2017 in seguito all’aggressione ad alcuni militanti di sinistra, e Francesco Amato, responsabile Sport di Casapound, condannato l’11 dicembre 2017 a 3 anni a 7 mesi per resistenza aggravata e lesioni durante gli scontri con la polizia a Casale San Nicola del 17 luglio 2015. Lo stesso Simone Di Stefano il 16 dicembre 2013 fu condannato a tre mesi di reclusione per furto aggravato e al pagamento di una multa di cento euro in relazione al furto della bandiera europea avvenuto il 14 dicembre nel corso di un blitz nella sede dell’Ue a Roma.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/01/31/elezioni-i-candidati-di-casapound-lavvocato-di-licio-gelli-gli-amici-di-roberto-spada-e-condannati-per-aggressione/4127184/

news
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo