antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 25.01.18
Pordenone, il concerto pro-Olocausto delle band nazirock nel Giorno della Memoria
·
Band naziskin il 27 vicino a Pordenone. Attesi estremisti anche dall’Est Europa
24 gennaio 2018

C’è un nome sinistro che sta per tornare in Italia. Leibstandarte, la divisione Waffen Ss conosciuta come la guardia del corpo di Adolf Hitler. È anche il nome di un gruppo nazirock di Lione, atteso ad Azzano Decimo, in provincia di Pordenone, il 27 gennaio, Giornata della Memoria, per un concerto nel club Langbard. Con un doppio sfregio, in un cortocircuito storico carico di simboli e di ricordi ancora vivi. La Leibstandarte è la divisione SS autrice dello sterminio di 57 ebrei, in un raid iniziato la notte tra il 13 e il 14 settembre del 1943 a Baveno, in Val d’Ossola, e terminato solo un mese dopo. Fu il primo eccidio per motivi razziali nel nostro Paese, secondo, per numero delle vittime, solo alle Fosse Ardeatine. Vedere quel nome su una locandina di un concerto previsto – a mo’ di sfida – per la giornata della memoria della Shoah rende il concerto di Azzano un evento difficilmente archiviabile solamente come un raduno di bande nazirock.

Accanto alla band francese – autrice di un album appena uscito, dal titolo “Ein Volk, ein Reich”, un popolo, un impero, con brani che richiamano, senza mezzi termini, il nazionalsocialismo – suoneranno altri due gruppi esponenti del National Socialist Black Metal, movimento nazirock nato negli anni 90 nei Paesi scandinavi come area estrema del heavy metal. Un genere musicale particolarmente diffuso nei Paesi dell’est Europa, tra Polonia, Ucraina e Russia, dove i concerti attirano gruppi di estrema destra da molti Paesi europei. I repertori delle canzoni contengono aperti riferimenti al nazismo, con bandiere imperiali, nomi evocativi e richiami alle Ss, mentre i concerti si trasformano in veri e propri raduni neonazisti, occasioni per incontri anche politici.

Al concerto di Azzano è prevista la partecipazione della band italiana Via dolorosa e del gruppo finlandese Goatmoon che inneggia apertamente all’Olocausto in alcuni suoi testi, oltre al gruppo Leibstandarte. Sulla pagina Facebook dell’evento – gestita dal club Langbard – ci sono 133 partecipanti confermati e 586 persone “interessate”. Alcuni utenti hanno postato messaggi per organizzare il viaggio verso la piccola cittadina in provincia di Pordenone partendo dall’Emilia-Romagna e dalla Germania. Oltre al concerto delle tre band, il club ospiterà gli stand di case di produzione musicale, alcune caratterizzate da pubblicazioni con caratteri gotici e l’aquila reale tedesca.

Le reazioni alla notizia del concerto – diffusa dai giornali veneti – sono state dure: “Speriamo non vada nessuno a seguire il concerto – è la dichiarazione di ieri dell’Aned, l’Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti – e sembra una manifestazione fatta appositamente per offenderci e per fare proseliti per le loro nefandezze, qui ad Azzano ci sono stati tanti partigiani”. La presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia, Debora Seracchiani, è stata ancora più dura: “È inaccettabile, non si può pensare che si possa sdoganare tutto, che tutto sia possibile. Credo fermamente che tutti debbano dire di no a questo evento, noi dobbiamo mettere dei ‘no’ e dei ‘basta’”.

Già lo scorso anno un concerto analogo aveva scatenato diverse denunce politiche. Secondo i giornali veneti dell’epoca il club Langbard, nato nel 2015, è gestito da una associazione che riserva l’ingresso solo ai soci, rendendo difficile dal punto di vista legale i controlli. La Questura e la Prefettura di Pordenone stanno valutando, in ogni caso, i margini di manovra su un luogo privato. La previsione delle forze di polizia è di circa un centinaio di partecipanti, con una discreta presenza di militanti di estrema destra provenienti dal Paesi dell’est. Una delle tre band nei giorni scorsi si è esibita in un raduno analogo a Kiev, in Ucraina, confermando la centralità dell’Europa orientale per i movimenti neonazisti.




Sfregi alla Storia
“Arbeit macht frei” in officina a Rimini Nazi-vandali a Milano


“Alessandro deve togliere quel cartello dalla sua officina, immediatamente, ma non perché ci sia una legge che lo impone o perché nasce una protesta”, ma “come atto consapevole di avere sbagliato, gravemente, nel non riflettere sulla responsabilità che ognuno ha nell’usare le parole”. Così il Comune di Rimini in una nota con cui condanna, dal proprio sito, l’iniziativa di un giovane meccanico, che ha appeso la scritta “Arbeit macht frei (Il lavoro rende liberi)” sulla porta della propria officina, replicando alle proteste che, nato nel 1979, non ha la benché minima idea di cosa sia Auschwitz, il lager nazista all’ingresso del quale campeggia ancora quella scritta, o lo sterminio di 6 milioni di ebrei. Scusa “pietosa” per il Comune. Nuovo atto vandalico, invece, a Milano contro le pietre d’inciampo, i sampietrini rivestiti con una targa in ottone per ricordare le vittime dei campi di concentramento. Un anno dopo la vernice nera versata sulla targa dedicata a Dante Coen, deportato ad Auschwitz e ucciso a Buchenvald, è stata deturpata con un oggetto metallico la pietra dedicata a Angelo Fiocchi, operaio dell’Alfa Romeo, arrestato e deportato a Mauthausen l’11 marzo 1944, morto a Ebensee il 7 aprile 1945.


https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/concerto-pro-olocausto-nel-giorno-della-memoria/

iniziative_fasciste
r_friuli


articolo precedente           articolo successivo