antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.06.17
Aggressione fascista a Pordenone
·
AGGRESSIONE FASCISTA A PORDENONE

Nel pomeriggio di Mercoledì 14 giugno 2017 un ragazzo, aderente al collettivo PN Rebel, è stato vittima di un'aggressione da parte di un militante di Blocco Studentesco, giovanile del partito neofascista Casapound Italia.

Il compagno, mentre si trovava insieme ad altre persone in pieno centro cittadino, è stato individuato da tre militanti del blocco, tutti frequentanti un liceo artistico della provincia e uno dei quali persino rappresentante d'Istituto, e poco dopo preso di mira.
Prima aggredito verbalmente poi gli sono stati tolti gli occhiali e sferrati due pugni, a freddo e in pieno volto.
Allontanati dagli altri ragazzi presenti che hanno difeso il ragazzo, se ne sono andati via verso la loro sede.

Non si tratta del primo caso di intimidazioni e di atti di squadrismo e bullismo (come abbiamo già denunciato) avvenuto nel pieno “salotto buono” della città da parte di militanti di Blocco Studentesco e di Casapound, ma in questa circostanza siamo di fronte ad una vera e propria aggressione premeditata.

Aggressioni che rappresentano il vero biglietto da visita di Casapound e dell'estrema destra neofascista in tutta Italia.
Sono numerosissime le denunce raccolte negli anni, come riportato da un articolo dell'Espresso di inizio 2016 e oramai si viaggia a più di un'aggressione a settimana come i casi di Roma, Verona per parlare di quest'ultima settimana, senza ignorare Trieste e l'escalation di violenza squadrista in Trentino Alto Adige (vari link dall'osservatorio contro i fascismi Trentino AA – Sud Tirol).

Dicevamo che a Pordenone non siamo di fronte al primo caso (invitiamo tutt* a denunciarci altri casi), ma CPI e BS godono da mesi di totale sdoganamento:

- L'apertura della loro “Palestra Sociale” , frequentata anche dall'aggressore e utilizzata dai militanti di CPI per esercitarsi a pestaggi e aggressioni - tra “allenamenti spartani”, apologia del fascismo e della violenza squadrista - è passata nella completa indifferenza della stampa e dell'opinione pubblica

- L'infiltrazione all'interno della storica ProPordenone Onlus continua indisturbata e in maniera proficua, tanto che ai neofascisti è stata affidata la gestione esclusiva di una parte della Festa del Nonsel, con calciobalilla umano, bar e tanto di festa fino alle 6 di mattina presso l'Imbarcadero del Noncello.
Ed è proprio in questo contesto che, sabato, un altro ragazzo "sgradito" al Blocco è stato accerchiato da una quindicina di loro e intimidito, solo il fatto che ci fosse troppa gente presente ha evitato che passassero alle vie di fatto.

I “rivoluzionari” fascisti si dimostrano per l'ennesima volta la stampella della giunta Ciriani oltre che la manovalanza della stessa.
- Non possiamo non citare l'incontro avvenuto il 27 Gennaio 2017, tra il sindaco Ciriani e dei rappresentanti di Blocco Studentesco.
Fatto avvenuto proprio nel giorno della Memoria, evento che a noi sembra “una data inopportuna” (cit.) per ricevere un gruppuscolo neofascista, diretto erede di chi rastrellava e condannava a morte ebrei, omosessuali, disabili, oppositori politici, in combutta con il regime nazista.
Denunciamo e continueremo a denunciare le intimidazioni, aggressioni e i legami sempre più stretti tra Casapound e questa amministrazione comunale.

È giunto il momento di prendere sempre più posizione in città contro questa deriva violenta e retrograda e contro le politiche della giunta Ciriani che li coccola e protegge.
Vogliamo essere liberi e libere di attraversare la città, senza spazi adibiti a salotti o a “fascist zone” (come cita un loro adesivo).

Basta indifferenza, basta razzismo, basta violenza squadrista.
PRENDERE POSIZIONE, FUORI I FASCISTI DA PORDENONE.

azioni_fasciste
r_friuli


articolo precedente           articolo successivo