antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound
- A Treviso piazze e sale pubbliche vietate all’estrema destra
- Porto San Giorgio Letame e colla nella serratura. Lo sfregio a poche ore dall'incontro con i candidati di Casapound
- Cortei antifascisti in tutta Italia: a Milano studenti sul monumento di Garibaldi, a Roma segnalati 18 militanti di Forza Nuova
- Pisa Corteo contro Salvini, giornata di violenza: cariche della Polizia
- Torino Scontri al corteo antifascista contro CasaPound, manifestanti respinti con gli idranti
- Sala con la Boldrini: “Chiudere gruppi e movimenti fascisti”. De Magistris: “Chi aspettano Minniti e il governo?”
- Corteo dei centri sociali anti-Casapound, scontri a Napoli
- Venezia, presidio antifascista contro il comizio di Forza Nuova Centinaia di manifestanti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.12.17
Limido, intervista shock al neonazi: "La Procura fa propaganda". E "conti in sospeso" col giornalista minacciato
·
Il capo della Comunità Militante dei Dodici Raggi (Do.Ra.), formazione antisemita di Caidate, parla a "La Provincia di Varese". Due giorni dopo l'operazione della Digos di Varese che ha portato al sequestro della sede del gruppo e alla denuncia per tentata "ricostituzione del partito fascista"

14 dicembre 2017

"Sono nazista, sono fascista, sono nazionalsocialista". I toni sprezzanti, di sfida verso lo Stato e la magistratura. E contro l'informazione. In particolare contro l'inviato di "Repubblica" Paolo Berizzi, già oggetto di minacce e atti intimidatori per i servizi e le inchieste svolte in questi anni sui Do.Ra. (minacce che adesso la Procura di Busto Arsizio contesta come reato al sodalizio neonazista e al suo capo).

Due giorni dopo l'operazione della Digos di Varese - che ha portato al sequestro della sede del gruppo e alla denuncia nei confronti suoi e di altri quattro militanti per tentata "ricostituzione del disciolto partito fascista" - parla Alessandro Limido, presidente della Comunità Militante dei Dodici Raggi (Do.Ra.), la formazione neonazista e antisemita con sede a Caidate finita nel mirino della magistratura e del Viminale.

In un'intervista shock al quotidiano "La Provincia di Varese", Limido, figlio dell'ex calciatore della Juventus Bruno Limido, va a ruota libera. Ricostituire il partito fascista? "Magari! E' un sogno. Ma oggi è impossibile. Non è la volontà che ci manca - afferma il naziskin varesotto -. Ma non c'è un seguito". Limido rivendica con orgoglio la sua ideologia, la stessa dei militanti di Do.Ra. "Tutto vero. Siamo nazisti, fascisti, nazionalsocialisti. Ma non ci siamo mai nascosti, siamo sempre stati alla luce del sole".

E' dal 2012 che Do.Ra. fa propaganda razzista e promuove iniziative (sia web che sul territorio) che si ricollegano all'ideologia fascista e nazista (le feste per l'anniversario della nascita di Adolf Hitler, la commemorazione dei soldati tedeschi caduti sul monte San Martino a Varese, la richiesta di scioglimento dell'Anpi). "Siamo anti sistema - dice Limido -. Nessuno di noi si è mai candidato e, a differenza di CasaPound e Forza Nuova, non saremo in nessuna lista".

Poi l'affondo contro lo Stato e la magistratura. E la sfida. "L'operazione della polizia e l'indagine della Procura? Solo propaganda. Hanno pagato 15 persone, 15 poliziotti specializzati per indagare su di noi. Che ci arrestino pure. Il carcere non ci ha piegati in passato. Non ci piegheranno nemmeno adesso".
Limido, intervista shock al neonazi: "La Procura fa propaganda". E "conti in sospeso" col giornalista minacciato
Condividi
Alla domanda sulle minacce contro Paolo Berizzi (striscioni esposti in strada, scritte e messaggi ai quali si sono aggiunti quelli di un'altra formazione neonazista, il Manipolo d'Avangardia Bergamo - MAB - gemellato con Do.Ra., e un atto intimidatorio sotto l'abitazione del cronista poi finito sotto tutela, ndr) Limido risponde così: "Se avessimo voluto punire Berizzi in qualche modo non gli avremmo rigato l'auto (il riferimento è all'atto vandalico finito nel fascicolo della Procura: una svastica, un crocifisso e il simbolo SS incisi nella carrozzeria dell'auto, ndr). Sono abituato così: se hai un conto in sospeso con me ti trovo, e trovare Berizzi non era così difficile, e ti affronto. Non è successo. Non siamo stati noi. Non gli avremmo rigato la macchina, al contrario. Lo avrei trovato e affrontato faccia a faccia...".

Infine un accenno alle prossime iniziative. In risposta all'indagine della Procura durante la quale sono state sequestrate armi, svastiche e materiale di propaganda nazista. "Ci stiamo organizzando per una manifestazione, non posso dire altro", conclude Limido. Le indagini svolte su Do.Ra. dalla Digos potrebbero portare nei prossimi giorni a nuovi sviluppi giudiziari.

"Il leader dell’organizzazione nazifascista Do.Ra, torna a ribadire non velate minacce al giornalista Paolo Berizzi, esponendo il suo folle programma di ricostituire un partito che si ispiri ai valori del nazismo. Evidentemente è la sua risposta al provvedimento di sequestro della loro sede. Sono certo che la magistratura non potrà in alcun modo evitare di intervenire", dichiara il deputato dem Emanuele Fiano.

"Siamo certi che le istituzioni del nostro Stato non si faranno intimidire, così come i giornalisti di Repubblica a partire da Berizzi, a cui deve essere assicurata la più ampia garanzia di tutela e di libertà nell'esercitare il proprio mestiere di giornalista", così il leader di SI, Nicola Fratoianni.

http://www.repubblica.it/cronaca/2017/12/14/news/alessandro_limido_minacce_neonazista_intervista-184111781/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P2-S1.6-T1

repressione_F
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo