antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 13.12.17
Omicidio Emmanuel, Mancini torna in carcere. La Cassazione: “Ha ucciso per odio razziale”
·
Corte di Cassazione: Emmanuel Chibdi Nnamdi vittima di una violenza razzista

12 dicembre 2017

Il 5 Luglio 2016, Emmanuel Chidi Nnamdi fu ucciso in modo preterintenzionale, non per legittima difesa, bensì per motivi razzisti: si è espressa così la Corte di Cassazione sull’aggressione che, ormai più di un anno fa, costò la vita di Emmanuel Chidi Nnamdi, cittadino nigeriano morto nel centro della città di Fermo, sotto i colpi inferti da Amedeo Mancini. Per l’aggressore – che, dopo otto mesi di arresti domiciliari, da giugno 2017 è libero, con l’unica limitazione dell’obbligo giornaliero di firma presso i Carabinieri – è stato confermato il patteggiamento a 4 anni.

Era stata proprio la difesa di Mancini a interpellare la Corte Suprema, presentando un’istanza affinché fosse cancellata l’aggravante di razzismo dalla sentenza di patteggiamento, con cui si era ammessa l’attenuante della provocazione. L’istanza è stata rigettata: la Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso, confermando l’aggravante razzista. “Questa vicenda non poteva che chiudersi con questa pronuncia – ha commentato l’avvocato difensore della parte lesa, ossia Emmanuel e la moglie – La giustizia ha fatto il suo corso, stabilendo definitivamente chi era l’aggressore e chi l’aggredito, e per quale motivo Emmanuel è stato aggredito. Sin dall’agosto 2016 – ha ricordato l’avvocato – anche il Tribunale del riesame di Ancona negò la scarcerazione al Mancini, dato che dalla ricostruzione minuziosa dei fatti non emergeva nessuna possibilità per la difesa dell’imputato di sostenere alcuna tesi assolutoria. L’unica strada percorribile per la difesa del Mancini era quella del patteggiamento della pena, al fine di evitare una condanna ben più pesante in caso si fosse andati ad un regolare processo”.

“Emmanuel è stato vittima della violenza razzista, e questa sentenza chiarisce che non vi fu alcuna legittima difesa da parte dell’omicida”, rimarcano il Comitato 5 Luglio e il Coordinamento per l’accoglienza e contro tutte le discriminazioni, sottolineando come questa sentenza tolga “ogni legittimità ad un anno di tentativi di mistificazione dei fatti, di minimizzazione dell’accaduto e di denigrazione della vittima”. Le due realtà nate dopo il tragico omicidio si riferiscono alla narrazione distorta e falsata rispetto a quanto avvenuto, generalmente derubricato come “rissa” dalla maggioranza dei media, tanto locali quanto nazionali. Anche sul piano politico, in particolare in ambito locale, non c’è mai stata una condanna netta dell’aggressione razzista che ha portato alla morte dell’uomo. Addirittura, i consiglieri del Movimento 5 Stelle Marco Mochi e Marco Temperini in un’interrogazione avevano chiesto all’amministrazione l’apertura di un contenzioso per richiesta danni all’immagine della città (All’omicidio di Emmanuel Chidi Nnamdi abbiamo dedicato un capitolo del Libro Bianco sul razzismo in Italia, consultabile qui).

Di fronte alla gravissima vicenda, e a come è stata trattata, il Comitato 5 Luglio e il Coordinamento contro le discriminazioni alzano “un grido di allarme sul diffondersi di un clima di xenofobia e razzismo sempre più preoccupante”. Un allarme che è ancora più necessario ascoltare oggi se si pensa alla “presenza sempre più palese ed arrogante di ambienti violenti e neofascisti, che si nutrono di menzogne e paure costruite ad arte”: proprio la pericolosità di queste presenze dovrebbe portare a comprendere “quanto sia sbagliata ed irresponsabile una sottovalutazione, di fronte al crescere di questi fenomeni, da parte delle stesse istituzioni”.

La sentenza della Corte di Cassazione dovrebbe mettere la parola fine a questa terribile vicenda, almeno dal punto di vista giudiziario. Ma Comitato e Coordinamento sollecitano una presa di consapevolezza e coraggio: “Su Fermo – dichiarano – resta terribilmente aperta una ferita che la nostra città deve saper guardare, per evitare che fatti come questi possano ripetersi e per spiegare ai giovani la gravità di atteggiamenti, parole, atti ispirati a sentimenti violenti, razzisti, disumani”. Anche per questo, per il valore della memoria e per il ruolo che questa ha nella costruzione del modello di società cui guardiamo, le due realtà sollecitano l’apposizione di una targa in memoria di Emmanuel Chidi Nnamdi. Una proposta abbracciata dalla lista civica Fermo Migliore: il capogruppo Massimo Rossi in una lettera indirizzata al sindaco Paolo Calcinaro sottolinea che lo scopo della proposta, oltre a rappresentare “un doveroso omaggio alla memoria di un essere umano in fuga da terribili tragedie, che invece di ottenere la dovuta protezione, tra le mura della città ha trovato una morte violenta e ingiustificabile”, ha l’obiettivo di “trasformare quella tragedia in un monito per le future generazioni: un’occasione costante e perenne di riflessione sulle conseguenze a cui possono condurre la deriva dei valori di civiltà e solidarietà umana”. Proprio per questo, sulla targa andrebbe riportato, oltre al nome della vittima e alla data dell’omicidio, anche la causa di quella morte, “senza la cui indicazione tale installazione non avrebbe alcuna funzione costruttiva di memoria”. E la causa è, come sentenziato dalla Cassazione, una violenza razzista.

http://www.cronachediordinariorazzismo.org/corte-cassazione-emmanuel-chibdi-nnamdi-vittima-violenza-razzista/



Omicidio Emmanuel, Mancini torna in carcere. La Cassazione: “Ha ucciso per odio razziale”

L’assassino di Emmanuel Chidi Namdi dovrà tornare in carcere dopo la sentenza della Cassazione: i giudici, infatti, hanno stabilito che Mancini commise l’omicidio per motivazioni razziste.

8 dicembre 2017

Amedeo Mancini torna in carcere. Il 40enne neofascista fermano, condannato per l'omicidio del richiedente asilo politico nigeriano Emmanuel Chidi Namdi, avvenuto a Fermo nell'estate del 2016, dovrà scontare la pena dietro le sbarre su ordine del Procuratore Capo della città marchigiana Domenico Seccia. Nei mesi scorsi l'uomo era stato scarcerato per buona condotta e, dopo essere stato posto agli arresti domiciliari, per lui era arrivata anche la libertà vigilata. Il nuovo provvedimento di arresto era nell’aria da alcuni giorni dopo la sentenza della Cassazione che aveva confermato l’aggravante razziale nella pena di quattro anni patteggiata da Mancini e dopo il materializzarsi di un cavillo legale che metteva a rischio la libertà del 40enne. L’uomo accompagnato dai suoi legali, gli avvocati Francesco De Minicis e Savino Piattoni, ieri si è presentato spontaneamente nel penitenziario di Fermo.

I legali del 40enne avrebbero già programmato la contromossa: “Nei prossimi giorni promuoveremo un incidente di esecuzione davanti al tribunale di Fermo, poiché, secondo la prevalente giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione, l’ordine di carcerazione sarebbe dovuto rimanere sospeso sino alla pronuncia del Tribunale di Sorveglianza di Ancona sull’istanza di affidamento in prova ai servizi sociali". Mancini, quindi, potrebbe tornare in libertà.

Il comitato antirazzista 5 luglio, nato proprio in seguito all'omicidio del nigeriano, ha commentato: "Emmanuel Chidi Nnamdi fu ucciso, in modo preterintenzionale, da Amedeo Mancini, e ad innescare la dinamica degli eventi fu un atto di razzismo; Emmanuel è stato, dunque, vittima della violenza razzista. Questa sentenza chiarisce che non vi fu alcuna ‘legittima difesa’ da parte dell’omicida; e toglie ogni legittimità ad un anno di minimizzazione dell’accaduto e di denigrazione della vittima, la cui esistenza è stata brutalmente stroncata, proprio quando egli pensava di poter finalmente, con la sua compagna, ricominciare a vivere e progettare un futuro, dopo anni di paure e di violenze. Non può esserci, da parte nostra, e non c’è, alcuna soddisfazione, la quale, di fronte ad un dramma come questo, sarebbe assolutamente fuori luogo. C’è, però, la consapevolezza che avevamo, purtroppo, ragione sia sulla dinamica dei fatti, che sulle sue motivazioni (pur non avendo, noi, mai commentato i precedenti passaggi giudiziari e le scelte della Magistratura). Avevamo e abbiamo ragione, soprattutto, nell’alzare un grido di allarme sul diffondersi, nel Paese, ma anche nella nostra città – nonostante la sua storia e la sua tradizione civile e democratica – di un clima di xenofobia e razzismo sempre più preoccupante; sulla pericolosità, soprattutto per i più giovani, della presenza sempre più palese ed arrogante di ambienti violenti e neofascisti, che si nutrono di menzogne e paure costruite ad arte; ragione, infine, su quanto sia sbagliata ed irresponsabile una sottovalutazione, di fronte al crescere di questi fenomeni, da parte delle stesse istituzioni”.

https://www.fanpage.it/omicidio-emmanuel-mancini-torna-in-carcere-la-cassazione-ha-ucciso-per-odio-razziale/

news
r_marche


articolo precedente           articolo successivo