antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Raggi: “Presto saranno rinominate le vie di Roma intitolate a chi aderì al Manifesto della razza”
- Monza, tensione in centro tra Antifascisti e CasaPound. La Polizia carica
- "Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 10.12.17
Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
·
ROMA - Paperoni in camicia nera: un giro d' affari di trenta miliardi, un patrimonio personale di dieci miliardi attribuito al segretario politico, Roberto Fiore, e di quattro miliardi per il capo spirituale, il cantautore Massimo Morsello. E poi agenzie di viaggio in tutta Europa, partecipazioni a svariate società, milletrecento proprietà immobiliari tra le quali spicca, in Spagna, un villaggio turistico destinato a diventare un luogo di svago e relax per i camerati.

Strano rapporto quello dell' Ucigos su Forza Nuova: più che una documento dell' antiterrorismo sembra la relazione d' un analista finanziario. Eppure è proprio questo il punto: la storia di Forza Nuova e la storia dell' arricchimento dei suoi due leader sono, in fondo, la stessa cosa.
Esistono svariate ipotesi su come Fiore e Morsello abbiano potuto, da latitanti (sono rientrati in Italia nel 1999 sfruttando vari benefici di legge), avviare un business di tali dimensioni. Tra i loro camerati rivali (la vecchia guardia di Delle Chiaie e Rauti ha pessimi rapporti con Forza Nuova) da qualche anno corre voce che il capitale iniziale non fosse altro che la cassa dell' organizzazione neofascista "Terza Posizione". Ma Fiore ha sempre smentito di essere fuggito col malloppo. Si è poi parlato del sostegno ricevuto dai Servizi inglesi coi quali i due (che smentiscono indignati) avrebbero collaborato. Il rapporto dell' Ucigos avanza un' ipotesi più banale: intanto la gestione della "Meeting Point", la società madre, avverrebbe con metodi al limite della legalità, e poi i due leader di Forza Nuova avrebbero in passato ricevuto il sostegno finanziario di alcuni imprenditori italiani di area. Viene fatto il nome di Tonino Molinari, titolare del' omonima società produttrice di liquori. Ma ciò che rende veramente seria la possibilità dello scioglimento è la ricostruzione del viaggio di ritorno del denaro. La "Meeting Point" ha finanziato una serie di camerati italiani in difficoltà. Questa attività di sostegno economico (e logistico) sarebbe anzi una delle "ragioni sociali" di Forza Nuova. Su tutti i nomi dei beneficati spicca quello del celebre neonazista Franco Freda, già coinvolto nelle indagini per la strage di piazza Fontana, e fondatore, assieme a Cesare Ferri, del "Fronte Nazionale", gruppetto estremista sciolto lo scorso 21 novembre proprio sulla base della legge Mancino. La "Meeting Point" avrebbe elargito 3000 sterline per le spese processuali del vecchio camerata padovano. E altri soldi sarebbero finiti nelle tasche di leaders del movimento degli skinheads, come Fabrizio Croce e Duilio Canu (quest' ultimo è diventato dirigente di Forza Nuova a Milano) e di noti estremisti di destra come Davide Sante Petrini, Rosario Lasdica, Francesco Bianco (il giornalaio picchiatore di giornalisti che dirige Forza Nuova a Roma) e Andrea Insabato, il maldestro autore della tentata strage al "Manifesto". E' interessante notare (vedi l'intervista a Morsello) che i capi di Forza Nuova confermano in pieno la ricostruzione fatta dall' Ucigos sui finanziamenti: i destinatari sono proprio quelli indicati nel dossier. Solo che, dicono, si trattava di normali rapporti di lavoro o di trasparenti manifestazioni di solidarietà verso compagni di fede caduti in disgrazia. Il problema è che alcuni di questi camerati hanno compiuto veri e propri atti di terrorismo politico. Non solo Andrea Insabato. Nel rapporto dell' Ucigos si sottolinea che faceva parte di Forza Nuova anche Giuliano Castellino, indagato per l' attentato compiuto il 26 novembre del 1996 al cinema Nuovo Olimpia di Roma dove si proiettava il film "Lo specialista", la storia del processo contro il tecnico dell' Olocausto Adolf Eichmann. Altri simpatizzanti di Forza Nuova sono finiti sotto inchiesta per attentati minori (a Torino l' incendio di un portone) e anche per fatti di criminalità (rapine in ristoranti e discoteche di Padova), ma la vicenda del cinema Olimpia di Roma è forse la più significativa. L' attentato fu rivendicato da un misterioso "Movimento Antisionista". Forza Nuova, come sempre in questi casi, non condannò, nè approvò: si limitò a minimizzare. Se le responsabilità di Castellito dovessero essere riconosciute, si avrebbe una conferma della più grave delle ipotesi avanzate dal' Ucigos: che l' organizzazione di Fiore e Morsello sia articolata su due livelli, uno ufficiale e l' altro occulto, sul modello dei più pericolosi gruppi terroristici europei. Forza Nuova appare come una grande rete nera in grado di pescare nel mare sempre agitato ma poco profondo degli ultrà degli stadi e negli abissi di ciò che rimane della vecchia destra stragista. In proposito l' Ucigos segnala la partecipazione a una riunone di Forza Nuova che si tenne a Potenza il 22 marzo dello scorso anno di Antonio Corrado e Salvatore Giordano. I due in passato aderivano a Ordine Nuovo, l'organizzazione neofascista sciolta negli anni Settanta. Una voluta e coltivata ambiguità sembra essere il fulcro della strategia politica di Forza Nuova e la chiave del suo travolgente successo: fondata nel 1997 ha egemonizzato gran parte dell' estrema destra. Ambiguità che emerge non solo dalle storie individuali degli aderenti, ma anche dai programmi. La risposta che, secondo l' antiterrorismo, Forza Nuova intende dare alla domanda di sicurezza nelle città è la costituzione di ronde anti-prostituzione, anti- tossicodipendenti, anti-scippatori formate da militanti nerboruti, decisi, ma rigorosamente privi degli strumenti del mestiere in dotazione di polizia e carabinieri. Per catalogarli l' Ucigos ha dovuto inventare una definizione che è quasi un ossimoro: "Gruppi paramilitari non armati".

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/01/08/accusa-del-dossier-un-livello.html

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo