antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 7.11.17
Cesena: Piazze vietate ai fascisti sul filo dell'incostituzionalità: il sindaco spiega come funzionerà
·
Tra una settimana, il 15 novembre, Cesena avrà un nuovo regolamento, nel cosiddetto “Codice della Convivenza Civile”, che di fatto impedirà la concessione del suolo pubblico per manifestazioni organizzate da partiti o associazioni che si rifanno al fascismo e alla sua ideologia. Si tratta di un provvedimento che il Comune di Cesena ha studiato a lungo in quanto i rischi di incostituzionalità sono molteplici e si addentra in un terreno scivoloso in verità già regolato dalla Costituzione stessa e da una una serie di consolidate sentenze giurisprudenziali.

La nostra Costituzione, figlia dell'Antifascismo, garantisce la più ampia possibilità di manifestazione e di pensiero, affidando quasi esclusivamente alla società civile il ruolo di “anticorpo” al ritorno di ideali nefasti, nella consapevolezza che qualsiasi bavaglio normativo possa rivelarsi una catena che prima o poi finisce per incatenare anche colui per la quale non era pensata. C'è da domandarsi, inoltre, se un modesto regolamento comunale, approvato da un organo senza alcun potere legislativo, come un Consiglio Comunale possa andare a riempire un vuoto lasciato dalla Costituzione e in gran parte anche dalla legge, dal momento che la Legge Fiano non è ancora stata approvata in via definitiva.

Il testo del regolamento

Il testo esatto del futuro regolamento recita così, al futuro articolo 23 bis: “E’ vietato, nei luoghi pubblici, lo svolgimento di attività che, anche per i contenuti desumibili dagli avvisi informativi e dal materiale nell’occasione divulgato, concretizzino la lesione ai principi dell’antifascismo, dell’integrazione, della tolleranza e della democraticità, cui si ispirano i valori costituzionali. E’ vietato, inoltre, esporre immagini, simboli e rappresentazioni che possano essere riconducibili al regime fascista, ad altri regimi totalitari o che, per i contenuti che comunicano, propagandino idee volte a sostenere le discriminazioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di disabilità e di orientamento sessuale. Comportamenti difformi a quanto stabilito ai commi precedenti, fermo restando le più gravi ipotesi di reato da perseguirsi a norma delle vigenti leggi in materia, potranno costituire, così come accertati, motivo di immediata sospensione dell’iniziativa e di revoca del titolo autorizzatorio eventualmente concesso. L’organo accertatore, intimata ai trasgressori la sospensione dell’iniziativa non conforme a quanto previsto dai commi precedenti, informa contestualmente l’Autorità di Pubblica Sicurezza”.

L'intervista al sindaco

Sindaco Paolo Lucchi, può spiegare la ratio di questa norma?

“Il regolamento impone il “divieto di svolgimento di attività in sfregio ai valori costituzionali”, che a Cesena impedirà l’utilizzo di sale e spazi pubblici ai movimenti di ispirazione fascista. Sono lieto che da questa proposta sia scaturito un dibattito: infatti sull’essere antifascisti, anche negli anni del qualunquismo diffuso, si deve essere quanto mai chiari e trasparenti. Serve esserlo, antifascisti, non vergognarsi di affermarlo, poichè è necessario difendere con il massimo della forza le radici valoriali della nostra Repubblica ed anche della nostra città. E’ bene chiarirlo, la variazione del Codice della Convivenza Civile serve proprio a questo: ad impedire a movimenti che si rifanno ai principi fascisti, di scorrazzare liberamente a Cesena”.

In verità il testo è più ampio rispetto al solo fascismo: si parla di “lesione del principio di democraticità”, non c'è il rischio che ci ricada di tutto e un domani, dato che le leggi sopravvivono agli uomini e alle maggioranze politiche pro-tempore, le usino come clave contro la stessa democrazia?

“Non vi sono altri intenti “liberticidi”; non si intende in maniera sotterranea limitare la libertà di espressione e di manifestazione: semplicemente si vuole impedire a coloro che si rifanno al fascismo, di attuare provocazioni che nulla hanno a che fare con la nostra storia e con la nostra attualità. Poiché le parole hanno un valore, leggendolo risulterà evidente a tutti come il riferimento sia, senza ombra di dubbio, alla esclusiva volontà di impedire manifestazioni lesive dei principi antifascisti”.

Si fa riferimento anche “ad altri regimi totalitari”. Le maglie sembrano più larghe.

“Non vedo maglie larghe. Con il termine "altri regimi totalitari" si fa riferimento a quelli che hanno la stessa ispirazione del fascismo (il nazismo, evidentemente). Il Comunismo, che in un suo momento storico si è rivelato un totalitarismo, ha tuttavia una radice ben diversa. A quel che mi risulta, da che in Italia c'è una Repubblica nata dalla Resistenza che vide protagonisti anche i partigiani comunisti, nessuno ha mai impedito invece di utilizzare simbolicamente la falce e martello. E certamente non accadrà a Cesena”.

Quasi nessuno, tranne minuscole sacche, ha simpatia per Forza Nuova, ma come è possibile pensare che una forza politica che ha la possibilità di presentare il proprio simbolo su una qualsiasi scheda elettorale, compresa quella per la scelta del sindaco di Cesena, non possa fruire delle piazze di Cesena per fare la sua propaganda elettorale?

“Con lo stesso principio si è posto un problema a Roma, dove il Comune ha dovuto chiedere al Ministero dell'Interno un provvedimento d'urgenza per impedire la rievocazione della Marcia su Roma prevista lo scorso 28 ottobre. Il ministero è intervenuto e lo ha impedito, mentre noi come Comune di Cesena non vogliamo trovarci nelle condizioni di non avere uno strumento giuridico per opporci, come è accaduto a Roma. Quest'episodio ha accelerato il percorso di consapevolezza in molti comuni”.

E' stato detto bene, il ministero dell'Interno è intervenuto a Roma. Non c'è già l'autorità di Questore e Prefetto per impedire manifestazioni non conformi al diritto e alla democrazia?

“Il vaglio del Comune è solo sulla concessione del suolo pubblico, su cui per ogni uso sotto un metro quadro, va concesso o meno un permesso”.

Ci potremmo trovare nella situazione che per le autorità di Pubblica Sicurezza una manifestazione è autorizzabile, mentre per il Comune no. Cosa succederebbe in tal caso, la manifestazione si può tenere, ma 'volando', senza calpestare il suolo comunale?

“E' un caso teorico, non è mai accaduto che ci sia stata difformità di valutazione tra Comune e autorità di Pubblica Sicurezza”.

Ma chi valuterà le singole richieste e deciderà se rispettino o meno il Codice della Convivenza Civile?

“Sarà la Polizia municipale a valutare, nel rispetto del regolamento, dei riferimenti normativi e costituzionali. Ci sarà anche una valutazione di matrice politica (della Giunta, del Sindaco, del Consiglio comunale)? La risposta è naturalmente no".

Lasciate un bel cerino acceso in mano alla Polizia Municipale. Una polizia locale ha le competenze per una tale valutazione?

“La Polizia Municipale ha partecipato alla stesura della bozza di regolamento e il comandante ha tutte le competenze per valutare se una manifestazione è autorizzabile o meno”.

Se per esempio Forza Nuova organizza un banco di raccolta firme contro lo Ius Soli è autorizzabile?

“La polizia municipale valuterà lo specifico caso”.

Nel testo si scrive anche che saranno valutati “contenuti desumibili dagli avvisi informativi e dal materiale nell’occasione divulgato”. Quasi si tratti di un processo alle intenzioni, mentre la Costituzione vieta tassativamente ogni forma di “censura preventiva”, se non riservando qualsiasi intervento solo d'urgenza all'Autorità Giudiziaria. Anche in questo caso non si sconfina nell'incostituzionalità?

“Quindi se uno diffonde volantini di annuncio dove ci sono simboli che si rifanno a nazismo e fascismo, dovrebbe poi liberamente poter svolgere la sua manifestazione a Cesena?”

Tale vuoto dovrebbe essere riempito da una legge, non da un regolamento comunale.

“Una Legge Fiano c'è ed è in fase di approvazione, e permetterà di riempire molti di questi vuoti. Il dibattito intanto ha promosso una sensibilità diffusa. Siamo in una fase feconda ed intervengono anche i Comuni, non solo quello di Cesena, ma decine di Comuni, tra cui quello apripista di Siena, alla cui esperienza ci rifacciamo”.

E per le manifestazioni di matrice religiosa, come vi regolerete?

“Volendo semplificare con due esempi concreti: sono vietate le manifestazioni che impediscono la libertà di culto (come da articolo 8 della Costituzione). Quindi, se un movimento politico volesse impedire l'ingresso libero ad un luogo di culto, interverremmo; se qualcuno volesse manifestare per indicare una eccessiva presenza religiosa, oltre a quella cattolica, naturalmente no”.

Si è detto che manifestazioni come le Sentinelle in Piedi non sarebbero più autorizzabili.

“E' una sciocchezza esagerata. Si potrà essere d'accordo o meno con quanto sostenuto dalle 'Sentinelle in piedi', ma non c'è alcuna limitazione per iniziative del genere”.

Prima dell'approvazione finale chiederete un parere alla Prefettura, visto che si cammina come funamboli su un terreno scivoloso?

“Che sia funambolismo lo dice il giornalista, io non sono d'accordo. No, è un atto di potestà del Consiglio Comunale. Ma gli altri enti come la Prefettura sono a conoscenza del percorso che abbiamo intrapreso e non ci sono dissensi”

Se uno vorrà impugnare un diniego che strumenti avrà?

“Tutti quelli ordinari di chi vuole impugnare un regolamento comunale”.

Il tutto arriva dopo una vergognosa manifestazione, lo scorso febbraio, quando venne esibita una bara da parte di Forza Nuova durante la seconda unione civile gay di Cesena, mentre alla prima il centro fu tappezzato da manifesti funebri. Era una manifestazione, quella, che poteva essere vietata o spostata già con gli attuali strumenti normativi. Ci sono stati degli errori all'epoca?

“Per l'affissione dei manifesti sono arrivate multe salate da parte della Polizia Municipale, mentre per l'altra manifestazione la valutazione non spetta a me ma alle forze dell'ordine. Noi non ne sapevamo niente, non c'è stata alcuna richiesta di suolo pubblico e per quanto mi riguarda in quell'occasione sono state infrante non una ma molte regole. Devo ricordare che l'11 febbraio scorso, in Piazza del Popolo, all'indomani di quell'episodio una moltitudine di soggetti ha dato vita ad una partecipatissima manifestazione - “C’èsena – C’è famiglia – C’è accoglienza”-, per respingere le provocazioni di matrice fascista e razzista che, nel giro di pochi giorni, avevano colpito la nostra città nel vivo dei suoi valori civili".


http://www.cesenatoday.it/cronaca/regolamento-comune-cesena-divieto-manifestazioni-fasciste-come-funzionera.html

repressione_F
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo