antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
"Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 26.10.17
L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
·
Forza Nuova difende chi ha attaccato gli adesivi antisemiti in Curva Sud. E i comunicato è condiviso dall'estremista nero Giuliano Castellino, da sempre supporter romanista. Perché le tifoserie di Roma e Lazio non condividono solo lo stadio, ma anche la connivenza con l'estrema destra

«Siamo tutti Curva Nord». Forza Nuova solidarizza con gli ultrà biancocelesti, nell’occhio del ciclone dopo che alcuni di loro hanno attaccato adesivi antisemiti nel settore che solitamente ospita i tifosi della Roma. «Chiudere tutto. Sorvegliare tutti. Arrestare ogni voce ribelle, manganellare, diffidare, denunciare ogni grido non conforme. Questo è il volto della tirannia immigrazionista, salva banche e antifascista che sta affamando il popolo italiano» è scritto nel comunicato del partito neofascista, che si schiera contro la «criminalizzazione e repressione della curva laziale». Niente razzismo, niente antisemitismo: per Forza Nuova gli adesivi con Anna Frank in maglia giallorossa o con la scritta «Romanista ebreo» sono un «grido non conforme».
vedi anche:

Durante l'ultimo turno di campionato, gli Irriducibili della squadra capitolina hanno attaccato adesivi antisemiti nella curva Sud. L'indignazione della comunità ebraica: «Questo non è calcio ma una sfida alle istituzioni»

Divisi dal tifo, uniti dalla politica. La solidarietà agli “Irriducibili”, che si dicono stupiti dal «clamore mediatico» per uno «scherno che non costituisce reato», arriva anche da Giuliano Castellino, convinto tifoso giallorosso. Il leader di Roma ai romani, l’associazione vicina a Forza Nuova nella Capitale, ha condiviso il comunicato sulla sua pagina Facebook. A dimostrazione che dove il calcio separa, l’ideologia unisce. Castellino è da sempre molto attivo nel mondo del tifo organizzato capitolino. Così come Forza Nuova.

La presenza di Castellino in Curva Sud si fa più ingombrante nei primi anni Duemila. Il 27 ottobre 2002, nella zona del settore occupata dal gruppo “Tradizione e distinzione” spunta uno striscione: «28.X.2002 Marciare per non marcire» (curiosamente lo stesso slogan utilizzato da Forza Nuova per la “Marcia dei patrioti” di quest’anno, ndr). Il riferimento è alla manifestazione organizzata per il giorno seguente, nell’ottantesimo anniversario della marcia su Roma, da Base Autonoma. Il raduno segna il ritorno sulle scene dell’organizzazione extraparlamentare, sciolta nel 1993 per gli effetti della Legge Mancino. All’inizio del millennio però riprende le attività nella Capitale. E a capo di Base Autonoma c’è, insieme a Maurizio Boccacci, proprio Giuliano Castellino.

Base Autonoma aveva contatti anche in Curva Nord. L’organizzazione di estrema destra era vicina alla “Banda Noantri”, formazione ultras che contendeva l’egemonia degli “Irriducibili”, da sempre più vicini a Forza Nuova. Uno dei capi ultras, Maurizio Catena, aveva avuto dal fondatore e leader forzanovista Roberto Fiore la gestione di “Easy London”, agenzia turistica con sede in tutta Italia che assicurava sostegno economico alla formazione di estrema destra.
vedi anche:
scontriultra-jpg
La marcia sulla Roma degli ultrà neofascisti
Una formazione legata a Casa Pound vuole conquistare la curva Sud. E dalla difesa del camerata che ha ucciso Ciro Esposito è passata agli attacchi. Con un piano politico

Un altro “amico” di Forza Nuova è Maurizio Boccacci. E anche lui è molto vicino al mondo del tifo organizzato, in particolare ai giallorossi di “Opposta Fazione” con cui partecipò agli scontri del 20 novembre 1994. Allora una “strana” alleanza di ultras romanisti e laziali si rese protagonista di un vero e proprio raid anti-leghista, in cui rimase in fin di vita il vicequestore Giovanni Selmin. “Opposta Fazione” è entrata anche nell’inchiesta di Mafia Capitale. «Il legame tra alcuni personaggi ruotanti attorno all'organizzazione mafiosa era rinsaldato dalla medesima militanza nelle fila del gruppo ultras romanista» segnalò la Procura di Roma. Tra i curvaroli della prima ora c'era infatti il braccio destro di Carminati, Riccardo Brugia.

Un altro gruppo vicino alla galassia dell’estrema destra romana è “Padroni di casa”, fondato nel 2008 sempre da Castellino insieme ad alcuni militanti di CasaPound. Tra questi figura Gianluca Iannone, oggi presidente dei “fascisti del terzo millennio”. Scopo dell’operazione era fare della Curva Sud una cassa di risonanza per proclami politici neofascisti.

La storia di “Padroni di casa” si incrocia anche con le indagini per l’omicidio di Ciro Esposito, il tifoso napoletano rimasto gravemente ferito il 3 maggio 2014, mentre si recava allo Stadio Olimpico per assistere alla finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, e morto dopo cinquantatré giorni di agonia. Colpevole dell’omicidio è Daniele De Santis, uomo legato proprio ai gruppi dell’estrema destra che fanno capo a Castellino.

http://espresso.repubblica.it/attualita/2017/10/25/news/ultras-di-roma-e-lazio-divisi-dal-tifo-ma-uniti-dall-ideologia-siamo-tutti-curva-nord-1.312815

documentazione
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo