antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.10.17
Il Pd romano invita ProVita, associazione vicina a Forza Nuova, alla Festa dell’Unità: bufera sul segretario Casu
·
Sarebbe successo tutto in un palco secondario. Un palchetto poco distante da quello dei Giovani Democratici, al Festival dell’Unità di Roma, un paio di giorni fa.

Tra i dibattiti ospitati dalla festa del più grande partito di centro sinistra ce n’è stato uno il cui relatore era Antonio Brandi, presidente dell’associazione ProVita, strenuo sostenitrice delle terapie riparative (di recente, anche in una puntata della trasmissione radio La Zanzara ha ribadito che gli omosessuali andrebbero curati), e fiero oppositore dei diritti delle persone omosessuali, unioni civili in primis.
La denuncia sui social

A denunciare l’accaduto, per primo, è stato Aurelio Mancuso, ex presidente di Arcigay ed ex commissario di un circolo romano del Pd sotto quando, dopo la destituzione di Marino, il partito della capitale fu commissariato. In un post su Facebook, Mancuso ha riportato il suo dialogo con il segretario del Pd romano Andrea Casu. Il dibattito, si è tenuto domenica scorsa, alla vigilia della chiusura della festa, a Testaccio.

“All’ennesima affermazione che: “questa è stata la Festa più aperta di tutte. Tutti hanno potuto parlare” e così via, gli ho risposto duramente e senza alcun accenno di critica costruttiva – scrive Mancuso -. Ho inutilmente protestato perché si è permesso (tutti ora negano) ad esponenti di Pro Vita di salire su un palco dibattiti della Festa de l’Unità e propagandare senza alcun contraddittorio, (davanti a nemmeno dieci persone, c’è da dire…) le loro schifose menzogne sulle inesistenti teorie gender e contro l’eutanasia”.

“Lo show dei reazionari”

Grande imbarazzo, a quanto pare, del segretario Casu. “Aver permesso uno show di reazionari alla Festa de l’Unità – continua Mancuso -, è per quanto mi riguarda questione, non negoziabile sul piano politico e tanto più su quello personale: questi clerico fascisti, ogni giorno spargono odio sul mio diritto di esistere come cittadino pari agli altri, quindi, nessuna complicità è possibile.
So che la vicenda non sarà mai chiarita e, che nessuno degli organizzatori chiederà scusa”.
L’indigazione sui social

In termini di diffusione, il danno è stato minimo: una decina di persone circa erano tutto il pubblico di Brandi. Ma il punto non è questo. Il punto è che il Pd di Roma ha ritenuto un interlocutore valido un’associazione come ProVita, palesemente omofoba e, tra l’altro, con legami con Forza Nuova.
In queste ore, l’indignazione sta crescendo sui social, soprattutto tra gli iscritti del Pd che chiedono spiegazioni urgenti a Casu e a chi ha organizzato il dibattito (la cui identità non si conosce ancora).
Non si è fatta attendere la reazione della senatrice Cirinnà che proprio per essere la madrina della legge sulle unioni civili, conosce molto bene le posizioni di quella frangia del mondo cattolico e no-gender.

Niente spazio per Monica Cirinnà

“Sono settimane che chiedo al segretario romano del Pd Casu di fare un dibattito sulla prospettiva dei diritti nel nostro Paese – scrive la senatrice su Facebook -. Non siamo riusciti a trovare una data buona per la Festa dell’Unità e per la mia agenda. Poi si scopre, addirittura dal sito di Pro Vita, oltre che da molti altri colleghi del Pd allarmati, che domenica, in assenza di contraddittorio, sul palco della Festa di Testaccio è stata ospitato un dibattito con Pro vita sul tema del gender, del Dat (disposizioni anticipate di trattamento) e del fine vita”.

“Come avere schiaffeggiato le ministre Giannini e Fedeli”
“Trovo la cosa stupefacente – prosegue Cirinnà – che alla Festa dell’Unità vengano ospitati portatori di teorie contrarie a tutto ciò che il Pd sostiene e concreta con atti parlamentari, oltre che di un discorso refrattario all’autodeterminazione individuale e gravemente violento e offensivo nei confronti delle persone Lgbt”.
Per la senatrice è “come se il Pd Roma abbia deciso di schiaffeggiare la ministra Giannini prima e la Fedeli poi, da sempre in prima linea per sostenere nelle scuole l’insegnamento alla differenza di genere”.
“Falsi giovani che riempiono caselle con superficialità”

L’attacco è poi diretto al segretario Casu che, riferisce la senatrice, parla di rinnovamento del Pd. “Non vedo nessun rinnovamento, ma, anzi, un arretramento dolorosamente portato avanti da quei falsi giovani – attacca durissima – che con superficialità riempiono le caselle di un programma della Festa che avrebbe dovuto dare ben altri segnali, soprattutto in termini di prospettive per una città pericolosamente compromessa se chi guida il Pd continuerà a comportarsi così”.

http://www.gaypost.it/pd-roma-invita-provita-alla-festa-unita-bufera-sul-segretario-casu?utm_content=buffer98428&utm_medium=social&utm_source=facebook.com&utm_campaign=buffer



Legami tra Pro Vita e Forza Nuova: l’associazione nega, ma ci sono anche le prove video

In un’intervista rilasciata qualche settimana fa al Corriere della Sera, il presidente di Pro Vita Toni Brandi negò qualsiasi rapporto tra la sua associazione e Forza Nuova. Rapporti che, invece, emergono dall’inchiesta pubblicata dal quotidiano di via Solferino e basata sul lungo lavoro di documentazione del blog “Playing the gender card”.
Il video che mette in chiaro le cose

A rafforzare quanto già evidente dai documenti, Yàdad De Guerre, curatore del blog, ha messo insieme alcuni filmati di manifestazioni di Forza Nuova e Pro Vita. Dal montaggio emergono le commistioni tra le due organizzazioni, quasi tutte basate sulla famiglia del leader di Forza Nuova, Roberto Fiore. Dal caporedattore di Notizie Pro Vita (il figlio di fiore, Alessandro), al famoso video contro “il gender a scuola” (tra i cui attori ci sono due figli di Fiore e Vera Provenzale (dirigente del movimento delle donne di Forza Nuova”Evita Peron” e figlia del vicepresidente del Family Day palermitano nonché vicesegretario dell’organizzazione di estrema destra), fino al festival “Large Family and the Future of Humanity” organizzato in Russia, tra gli altri, da Pro Vita che invitò alcuni esponenti di Forza Nuova.

Ecco il video di Yàdad De Guerre, con le immagini di alcune manifestazioni dalle due organizzazioni, oltre che spezzoni dello spot contro “il gender” e del film presentato in Russia.

http://www.gaypost.it/legami-pro-vita-forza-nuova-lassociazione-nega-ci-anche-le-prove-video

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo