antifa home page
Il Progetto

magliette
Sostieni il progetto

Segnalazioni e commenti


su Twitter @Infoantifa
manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
? Cagliari, in piazza contro Casapound
? Trento Attacco anarchico contro Forza Nuova in centro città
? Ventimiglia: lancio di urina e feci contro il gazebo di Casapound
? Bologna Annullato il seminario del Fuan sulla Siria: "Vittoria degli studenti antifa"
? Milano, lancio di uova e sputi contro Salvini in via Giambellino: “Via i fascisti, qui non ti vogliamo”
? Genova Via Montevideo, scritte e letame davanti dalla sede di CasaPound: “Chiudere i covi fascisti”
? Cesena, approvato il regolamento "antifascista" che spacca il consiglio comunale
? Catania Corteo Forza Nuova, il racconto di un antifascista: "Manganellate senza senso"
? Napoli. Ronda di CasaPound respinta a bottigliate
? Roma Tiburtino III, le mamme vere sbugiardano Casapound

ARCHIVIO COMPLETO
INTERNAZIONALE
ARCHIVIO REGIONI

Links
· ANCR
· ANPI
· ANPI Pianoro
· ANPPIA
· Antifascismo
· Archivi della Resistenza
· Brigata Fratelli Rosselli
· Brigate di Solidarietà Attiva
· Campi di Sterminio
· Circolo Giustizia e Libertà
· controappuntoblog
· dax resiste
· Fondazione Cipriani
· Fondazione Memoria della Deportazione
· fuochi di resistenza
· Giuseppe Scaliati
· Informa-azione
· La resistenza sconosciuta
· Maldestra radio
· Misteri d'italia
· Ngvideo antifa
· Nuova alabarda
· Osserv. dem. antifa
· Paolo Dorigo
· Parma Antifascista
· puglia antagonista
· Radio Vostok
· rednest.org
· Reti invisibili
· Staffetta
· Storie dimenticate
· Stragi di stato ipertesto
· Trento antifascista
· Valerio Verbano
· Verità per Renato
· Wu Ming
· Zic

calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 29.09.17
Migrante picchiato al Tiburtino III: identificato l'aggressore, è il compagno della donna che inventò il sequestro al centro
·
E' il compagno della donna che inventò il sequestro al centro d'accoglienza del Tiburtino III l'uomo che il 21 settembre scorso, in via Grotte di Gregna, dopo essere sceso da un’auto, colpì al volto un cittadino eritreo 40enne. Vittima un profugo richiedente protezione internazionale in attesa di ricollocamento, ospite del presidio umanitario di via del Frantoio, costretto poi a ricorre alle cure mediche dell’ospedale Sandro Pertini dopo essere stato insultato al grido di "negro" e poi picchiato. A chiudere il cerchio i carabinieri della Stazione Roma Santa Maria del Soccorso.
Denunciato il compagno di Pamela

Si tratta di un 35enne romano, residente nella stessa borgata romana dove avvenne l'aggressione, compagno e convivente di Pamela P., poi indagata per l'aggressione ad un altro cittadino eritreo che diede vita alla rivolta avvenuta lo scorso 29 agosto nel quartiere della periferia est della Capitale.
Riconosciuto dalla vittima

L’aggressore, già riconosciuto in foto dalla vittima, è stato denunciato a piede libero per lesioni personali aggravate, con l’ulteriore circostanza aggravante della discriminazione razziale; proseguono intanto le indagini dei Carabinieri per risalire alle altre persone che lo accompagnavano.

Come sottolinea la Croce Rossa di Roma, ringraziano le forze dell'ordine per la chiusura del caso: "Nei giorni scorsi l'ospite eritreo del Presidio Umanitario Tiburtino che ha subito l'aggressione è stato sottoposto ad un intervento chirurgico facciale, l'intervento è andato bene e attualmente il giovane continua ad essere sotto osservazione". "Ringraziamo - scrive ancora la Croce Rossa di Roma - l'Arma dei Carabinieri per il contributo di chiarezza che sta emergendo in queste ore dalle prime indagini. Intanto la vita del Presidio Umanitario prosegue con quella tranquillità che auspichiamo coinvolga tutti".

Era lo scorso fine di agosto quando carabinieri e polizia in tenuta antisommossa intevvennero proprio al centro di via del Frantoio dove un altro ospite, un eritreo anch'egli di 40 anni, venne ferito alla schiena con un corpo contundente dopo una discussione con una donna residente in zona, poi indagata per lesioni aggravate. Una scintilla che diede vita alla cosiddetta "rivolta del Tiburtino III", con alcuni abitanti del popoloso quartiere della periferia est che si recarono davanti all'ingresso del presidio umanitario dove la donna, compagna del 35enne denunciato per l'aggressione del 21 settembre, aveva affermato di essere stata sequestrata assieme al nipote minorenne.

http://www.romatoday.it/cronaca/aggressione-eritreo-via-frantoio-compagno-donna-sequestrata.html

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo