antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”
- Il blitz degli skinhead a Como, il questore blocca la contromanifestazione di Forza Nuova
- Bologna, sarà vietato concedere sale comunali a chi discrimina in base all’etnia, alla religione o al sesso
- Neofascismo, Milano dice basta: "Mai più raduni dell'ultradestra negli spazi pubblici"
- Milano, luoghi pubblici vietati all'ultradestra: carta dei valori antifascisti contro l'offensiva nera
- Torino, Pd e M5S uniti nell’antifascismo: votano sì a mozione per vietare le piazze. La Lega di Salvini si defila e non vota
- Bologna Corticella Sabato 11 nov h.15.30: Presidio Antifa

ARCHIVIO COMPLETO ARCHIVIO REGIONI

Ricerca per parole chiave | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 29.09.17
Migrante picchiato al Tiburtino III: identificato l'aggressore, è il compagno della donna che inventò il sequestro al centro
·
E' il compagno della donna che inventò il sequestro al centro d'accoglienza del Tiburtino III l'uomo che il 21 settembre scorso, in via Grotte di Gregna, dopo essere sceso da un’auto, colpì al volto un cittadino eritreo 40enne. Vittima un profugo richiedente protezione internazionale in attesa di ricollocamento, ospite del presidio umanitario di via del Frantoio, costretto poi a ricorre alle cure mediche dell’ospedale Sandro Pertini dopo essere stato insultato al grido di "negro" e poi picchiato. A chiudere il cerchio i carabinieri della Stazione Roma Santa Maria del Soccorso.
Denunciato il compagno di Pamela

Si tratta di un 35enne romano, residente nella stessa borgata romana dove avvenne l'aggressione, compagno e convivente di Pamela P., poi indagata per l'aggressione ad un altro cittadino eritreo che diede vita alla rivolta avvenuta lo scorso 29 agosto nel quartiere della periferia est della Capitale.
Riconosciuto dalla vittima

L’aggressore, già riconosciuto in foto dalla vittima, è stato denunciato a piede libero per lesioni personali aggravate, con l’ulteriore circostanza aggravante della discriminazione razziale; proseguono intanto le indagini dei Carabinieri per risalire alle altre persone che lo accompagnavano.

Come sottolinea la Croce Rossa di Roma, ringraziano le forze dell'ordine per la chiusura del caso: "Nei giorni scorsi l'ospite eritreo del Presidio Umanitario Tiburtino che ha subito l'aggressione è stato sottoposto ad un intervento chirurgico facciale, l'intervento è andato bene e attualmente il giovane continua ad essere sotto osservazione". "Ringraziamo - scrive ancora la Croce Rossa di Roma - l'Arma dei Carabinieri per il contributo di chiarezza che sta emergendo in queste ore dalle prime indagini. Intanto la vita del Presidio Umanitario prosegue con quella tranquillità che auspichiamo coinvolga tutti".

Era lo scorso fine di agosto quando carabinieri e polizia in tenuta antisommossa intevvennero proprio al centro di via del Frantoio dove un altro ospite, un eritreo anch'egli di 40 anni, venne ferito alla schiena con un corpo contundente dopo una discussione con una donna residente in zona, poi indagata per lesioni aggravate. Una scintilla che diede vita alla cosiddetta "rivolta del Tiburtino III", con alcuni abitanti del popoloso quartiere della periferia est che si recarono davanti all'ingresso del presidio umanitario dove la donna, compagna del 35enne denunciato per l'aggressione del 21 settembre, aveva affermato di essere stata sequestrata assieme al nipote minorenne.

http://www.romatoday.it/cronaca/aggressione-eritreo-via-frantoio-compagno-donna-sequestrata.html

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo