antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 28.08.17
Ostia, Casapound contesta il parroco che vuole candidarsi al Municipio X
·
Don Franco: «Parlerò con loro»
Franco De Donno, responsabile Caritas locale, annuncia la candidatura nel vasto municipio romano sciolto per mafia. Casapound protesta davanti alla sua chiesa: «De Donno: da prete a candidato, comizi in chiesa e prima l'immigrato»

«De Donno: da prete a candidato, comizi in chiesa e prima l'immigrato». È lo striscione esposto stamani a Ostia, quartiere di Roma, da Casapound davanti alla chiesa Santa Monica, il cui parroco Franco De Donno, responsabile della Caritas locale, annuncerà oggi di candidarsi alla presidenza del X Municipio, al voto forse in autunno dopo oltre due anni di commissariamento per mafia. Il prelato - da quasi quaranta anni - viceparroco nella chiesa lidense - si è sempre speso per gli ultimi: anche difendendo gli sfollati delle baracche nella pineta come gli stranieri che vivono nella ex colonia Vittorio Emanuele sul lungomare di Ostia. Fatto che naturalmente il movimento fascista non gli ha mai perdonato.

Sospeso «a divinis»

La posizione di De Donno, 71 anni, è al momento al vaglio del Vicariato. Tecnicamente non è ancora candidato perché la data delle elezioni non è nota, ma è probabile scatti per lui la «sospensione a divinis». Il parroco, molto conosciuto a Ostia, si presenterà con una lista civica appoggiato da alcune associazioni. Dallo sportello anti-usura al centro per la vita, le iniziative nel sociale della parrocchia Santa Monica sono molte. Proprio davanti alla chiesa in mattinata il sit-in di protesta. «È discutibile la scelta di un prete di scendere in politica - dice Luca Marsella, candidato di CasaPound ad Ostia - ma è inaccettabile che De Donno faccia comizi in una chiesa». «Non siamo tuttavia stupiti: proprio nei locali di Santa Monica - continua Marsella - i centri sociali hanno organizzato manifestazioni politiche che chiedevano la chiusura delle nostre sedi e De Donno è lo stesso che si rifiutò di benedire la targa di Alberto Giaquinto, militante del Msi ucciso negli anni '70».

Il parroco: «Mi fanno campagna elettorale da tanto tempo»

«Mi candido per amore del mio territorio», ha ribadito più volte Don Franco, 71 anni, pronto anche a lasciare temporaneamente l’abito talare per questa nuova «missione». «CasaPound? Stanno facendo da tanto tempo una campagna elettorale in mio favore, senza volerlo - commenta don Franco, viceparroco di Santa Monica a Ostia, con un sorriso - Stavo salutando la comunità in chiesa, non ce ne siamo nemmeno accorti, erano fuori». Aggiunge il sacerdote, che fino ad oggi ha mantenuto il silenzio elettorale: «Dialogherò anche con loro, finora non c'è stata occasione. Siamo per una politica del dialogo e non dello scontro. La mia è una lista civica di tutta la cittadinanza, sostenuta da molte associazioni impegnate nel sociale». Il Municipio di Ostia è l'unico della capitale sciolto per mafia. «La conosco bene - risponde il prete - sono da 12 anni presidente dello Sportello anti-usura». Solidarietà a don Franco De Donno da Gianluca Peciola: «In questo Paese i fascisti di Forza Nuova vengono scortati in Chiesa, e quelli di CasaPound agiscono indisturbati e protetti da poteri forti e istituzioni a Ostia - dice l'ex capogruppo di Sel in Campidoglio Gianluca Peciola in un comunicato - tanto protetti da poter intimidire un parroco coraggioso come Franco De Donno. Noi siamo con Franco, con il suo impegno civico e sociale. Quello che per i fascisti è insopportabile. È successo oggi e non deve succedere più!».

vandalismi_minacce
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo