antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.08.17
Estrema destra in Emilia, la testimonianza: “Noi insegnanti intimidite nelle piazze e sui social”
·
Il caso della scuola di San Pietro in Casale attaccata da Forza Nuova. "Le istituzioni sottovalutano"



I primi striscioni davanti alla scuola di Poggetto, frazione di San Pietro in Casale, sono apparsi in una notte di fine gennaio. “La favola del gender che non esiste”, “Il sesso non è un gioco, così aiuti solo il pedofilo”. Portavano il simbolo dell’associazione Evita Peron, le donne dell’estrema destra. L’ultimo, stavolta firmato da Forza Nuova, è stato appeso sempre col favore del buio ai primi di giugno. In mezzo intimidazioni e insulti via Facebook nei confronti delle insegnanti, fake news e volantinaggi nei paesi. A raccontare gli attacchi dell’estrema destra nel terre dell’Unione Reno-Galliera, tra Bologna e Ferrara, è Samanta Picciaiola, insegnante e presidente dell’associazione culturale “Falling book”, nata come gruppo di lettura sui diritti delle donne e il rispetto delle differenze di genere. È in questa veste che accetta di parlare. «Sono stati mesi terribili, ti isolano ed è quello che vogliono, è la strategia dell’estrema destra. Noi non eravamo certo preparate. Per fortuna abbiamo saputo reagire».

Samanta ricostruisce il clima di tensione che ha scosso piccole comunità e scuole primarie della Bassa. Nel mirino è finito lo spettacolo “Fa’ afafine” proposto negli istituti comprensivi di San Pietro in Casale, Pieve di Cento e San Giorgio di Piano. Quando è andato in scena, a fine gennaio al teatro di Castello d’Argile, c’erano i carabinieri a scortare gli scuolabus. A tutela dei bambini vista la controffensiva che ha saldato Forza Nuova coi cattolici più oltranzisti contro “la teoria no gender”. «Fa paura uno striscione? Certo. Era un attacco alle insegnanti che volevano portare gli alunni a vedere lo spettacolo, con il consenso dei genitori. Un atto intimidatorio. L’accusa poi di pedofilia è pesantissima. La cosa più disarmante è che non ti puoi difendere, non hai davanti il volto di un genitore con il quale puoi parlare e confrontarti, non sai chi c’è dietro». Dietro ci sono le sigle della destra estrema, ma anche comitati di genitori costituiti ad hoc. «Non erano composti da mamme e papà delle nostre scuole — osserva Samanta — in realtà dietro c’è una struttura ad ombrello, sono gruppi creati e guidati dall’alto, che si muovono nell’anonimato perché, dicono, non si sentono tutelati nelle loro scelte morali». È quel mosaico attraverso il quale poi Forza Nuova costruisce appoggi e interventi. Poi ci sono gli attacchi via social.

«Quelli sono stati durissimi, un vero e proprio linciaggio: buttatevi nel Reno, psicopatiche, vi spezziamo le rotule. Ecco quello che scrivevano, quello che abbiamo dovuto subire. Non puoi nemmeno denunciare nessuno perché commenti generici, non rivolti a persone con nome e cognome. Il risultato? Ci siamo sentite minacciate, fortemente giudicate, si è creato un clima di tensione che ha scosso la vita scolastica ». Il secondo attacco è partito con una notizia falsa: la messa in scena di “celebrazione” di nozze gay in classe. Nonostante le smentite, sono ripartite le intimidazioni. Un altro striscione davanti alla primaria di Poggetto, tolto dal sindaco Claudio Pezzoli che ha sporto denuncia. E ancora volantini, anche durante il presidio a metà giugno a difesa della scuola, contro «modi e toni fascisti », nella piazza di San Pietro in Casale. «Anche in quell’occasione ci hanno provato, attaccando la nostra associazione che aderisce alla rete Educare alle differenze. Siamo state difese, abbiamo reagito chiedendo aiuto alla stessa Rete e ai Cobas. Ma forse occorreva una presa di posizione più forte da parte delle istituzioni».

Sono Comuni governati dal Pd. «Ma il fenomeno in parte è ancora sottovalutato: “Sono quattro gatti, non ci date peso”. Certo che sono pochi, ma sono organizzati e non hanno timore di uscire allo scoperto,
praticano l’intimidazione e la violenza verbale. Non so se è la punta di un iceberg. Per me è il segnale negativo di un radicamento a cui i nostri territori non erano abituati. Nella scuola si è sempre lavorato sull’accettazione delle differenze, dalla disabilità a chi viene da altri mondi e culture. Perché non dovremmo farlo sull’identità di genere? Ora bisogna ricreare fiducia con le famiglie e difendere la tenuta democratica».


http://bologna.repubblica.it/cronaca/2017/08/18/news/estrema_destra_in_emilia_la_testimonianza_noi_insegnanti_intimidite_nelle_piazze_e_sui_social_-173304840/

vandalismi_minacce
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo