antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.07.17
Verona Roncolevà: Presa a sassate la casa che ospita gruppo di profughi
·
Sassaiola contro la casa che ospita i profughi a Roncolevà, urla per insultarli e operatori costretti a barricarsi nella struttura. È durissima la denuncia sugli episodi di intolleranza lanciata da un folto gruppo di associazioni veronesi che operano nel campo sociale, una settantina.

E' successo nella piccola frazione del Comune di Trevenzuolo. I portavoce di Verona che dialoga sono don Giuseppe Mirandola, direttore del Centro missionario diocesano, Carlo Melegari presidente del Centro studi immigrazione (Cestim) di Verona, e Mao Valpiana presidente nazionale Movimento Nonviolento. In un comunicato congiunto raccontano che «i giovani giunti a Roncolevà lo scorso primo luglio sono stati accolti da insulti, sia loro che gli operatori della cooperativa che gestisce la casa in cui sono ospitati".

La notte del 30 giugno, avrebbero lanciato pietre contro la casa, al punto che gli operatori sono stati costretti a barricarsi all’interno. L’auto del presidente è stata presa a pietrate, con cristalli distrutti e danni consistenti.

http://www.larena.it/territori/villafranchese/presa-a-sassate-la-casa-che-ospita-gruppo-di-profughi-1.5830055



I richiedenti asilo sono persone: fermare subito la violenza razzista. Anche a Roncolevà (VR)


Intimidazioni, insulti e sassi contro la presenza dei richiedenti asilo

Sui gravi fatti di Roncolevà (Verona), il comunicato Antenne Migranti - Monitoraggio lungo la rotta del Brennero, Verona Che Dialoga, LasciateCIEntrare, Melting Pot Europa.

Come associazioni e gruppi, come cittadine e cittadini, condanniamo gli atti di violenza razzista che si stanno verificando a Roncolevà e ci impegniamo a vigilare affinché non si ripetano. Ribadiamo la necessità che la legalità sia rispettata e che le diverse opinioni siano espresse sempre considerando la dignità di ogni persona. Richiamiamo alla responsabilità ogni singolo cittadino e cittadina, anche in questo periodo di vacanza, per garantire il rispetto dei principi basilari di civiltà e umanità. Chiediamo inoltre a chi ne ha il dovere, in primis la Prefettura che è responsabile dell’accoglienza, di mettere fine a simili atti di violenza e di prevenirne di nuovi, e di impegnarsi seriamente in una gestione adeguata dell’accoglienza, che tuteli i diritti di tutti.

“Controlliamo e supervisioniamo tutti i loro movimenti, guardiamo chi entra e chi esce. Allertiamo le forze dell’ordine se qualcosa non va. Tutti collaborano compatti per un unico obiettivo: farli mollare”. Sono parole di Paola Reani, portavoce del comitato spontaneo costituitosi, con il sostegno di Verona ai Veronesi (un gruppo legato a Forza Nuova e altre sigle dell’estrema destra neofascista nonché pezzi della curva dell’Hellas Verona ndr.), a Roncolevà, piccola frazione del comune di Trevenzuolo, contro l’arrivo di 20 richiedenti asilo.

Sabato 1 luglio, i 20 ragazzi sono arrivati. Sono stati accolti da insulti, sia loro che gli operatori della cooperativa che gestisce la casa in cui sono ospitati. Nella notte del 30 giugno, che ha preceduto il loro arrivo, gli stessi soggetti del comitato spontaneo e di Verona ai Veronesi hanno organizzato un presidio nel vicino piazzale dell’azienda Squassabia, che ha concesso loro l’utilizzo dello spazio. Tale presidio è tuttora in corso. Nella stessa notte del 30 giugno, hanno lanciato pietre contro la casa, al punto che gli operatori sono stati costretti a barricarsi all’interno. L’auto del presidente è stata presa a pietrate, con cristalli distrutti e danni consistenti. Durante la notte di sabato 1 luglio, la prima notte che i richiedenti asilo hanno trascorso nella casa, si è assistito anche a scene che ricordano letteralmente i pogrom contro gli ebrei: gli stessi soggetti del comitato e di Verona ai Veronesi hanno puntato i fari contro la casa e nello specifico contro i richiedenti asilo, apostrofandoli come “scimmie”, e altri epiteti fortemente offensivi, oltre a intimare loro di lasciare la struttura.

Si sente spesso dire che l’ondata migratoria a cui stiamo assistendo, anche sul territorio veronese, porterebbe ad un aumento dell’illegalità nei nostri abitati. In questo caso sembra vero. Le parole di Paola Reani e gli atti sopra descritti vanno in questa direzione. Si tratta di atti violenti che violano pesantemente i diritti umani più basilari, che non sono degni di un vivere civile e che mostrano ancora una volta il lato violento e razzista di movimenti come Verona ai Veronesi che continua a definirsi non razzista, apartitico e apolitico.

Riteniamo doveroso, soprattutto in un caso di tale gravità, sottolineare con forza i fatti.

Da una parte ci sono 20 persone di cui non sappiamo nulla, se non che vengono da lontano, da Paesi da cui sono scappati per motivi di guerra, carestie e per l’impossibilità di condurre una vita dignitosa, probabilmente molto stanche dopo un lungo viaggio. Ci sono poi alcuni operatori di una cooperativa - che ha regolarmente vinto una gara di appalto della Prefettura - che fanno il loro lavoro con dignità. Queste persone sono barricate in casa da venerdì 30 giugno, con continui insulti, intimidazioni e danni alle loro proprietà.

Dall’altra parte c’è un gruppo di persone di cui sappiamo già molto: vivono a Verona e in vari Comuni della provincia, non rispettano la dignità dell’essere umano, hanno metodi violenti e illegali, hanno tirato pietre, distrutto un’automobile e insultato e credono che la loro opinione sui flussi migratori giustifichi tale violenza indiscriminata. Durante la manifestazione organizzata nella serata di lunedì 3 luglio, il presidio è stato appoggiato anche da alcuni sindaci che sono intervenuti a sostegno del comitato con un atteggiamento che riteniamo irresponsabile soprattutto da parte di un sindaco: il sindaco di Trevenzuolo e colleghi di Erbè, Pastrengo, Isola della Scala, Sant’Anna d’Alfaedo e di Castelbelforte (provincia di Mantova).

Sia lo Stato che la cittadinanza dovrebbero, senza indugi, prendere una chiara posizione e mettere in atto delle azioni di condanna rispetto a questa situazione, oltre che di prevenzione, considerando anche il recente rogo di una possibile struttura di accoglienza a Sant’Anna d’Alfaedo, nonché i tanti episodi di violenza che sono stati registrati negli ultimi anni da parte di Verona ai Veronesi. Nel caso di Roncolevà, le forze dell’Ordine non sono intervenute, hanno avuto un atteggiamento che ha sostanzialmente lasciato fare agli aggressori e solo dopo segnalazioni a Prefettura e Questura sono state quanto meno inviate forze dell’ordine della celere di Padova per presenziare la manifestazione di lunedì sera.

C’è bisogno urgente di riportare il pur necessario dibattito sui temi dell’immigrazione nell’alveo di una democratico confronto, senza prescindere, mai, dal fondamentale rispetto della persona e della legalità. Noi vogliamo fare la nostra parte perchè, come diceva Martin Luther King: “non abbiamo paura della violenza dei malvagi, ma del silenzio degli onesti”.

http://www.meltingpot.org/I-richiedenti-asilo-sono-persone-fermare-subito-la-violenza.html#.WWiQf1Ha5NA

news
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo