antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 1.04.17
Occhi ben aperti. A proposito di repressione e neonazisti “in vacanza”
·
Chi erano i quattro personaggi all’interno del van preso d’assalto a via Bixio al passaggio del corteo Casapound not Welcome dello scorso 21 maggio? La domanda non è superficiale, se in queste ore a 13 compagni e compagne sono state notificate altrettante ordinanze per misure cautelari, domiciliari e firme per aver attaccato e danneggiato quel furgone.

Tanto Casapound quanto la stampa mainstream (che evidentemente si limita a rilanciare le versioni di comodo di fascisti, polizia e magistratura) si sono affrettati a derubricare quell’episodio a un momento di insensata violenza, un gesto di vandalismo gratuito dettato forse dalla troppa tensione che il corteo dei neofascisti aveva portato nel cuore della Capitale. Un corteo che giova ricordare, era stato autorizzato, avallato e tutelato dalla stessa amministrazione commissariale di Roma, in concerto con la Questura, che aveva rinchiuso gli antifascisti a piazzale Esquilino permettendo a Casapound un concerto di fronte al Colosseo, con contorno di saluti romani e scivoloni nostalgici in diretta televisiva.

Eppure, gettare luce sul profilo dei passeggeri del van di via Bixio ci permette non solo di raccontare la verità, ma porre anche domande sugli inquietanti legami di Casapound con la scena neonazista tedesca.

Jan Weissberg, Andreas Gaus, Sven Goehner e Robert Kempeter infatti non sono solo quattro amici molto tatuati in vacanza a Roma. Le informazioni che arrivano dalla Germania dipingono infatti un profilo assai più complesso. Provenienti dalla regione della Ostwestfalen – Lippe, Land Nordrehin-Westfalen, tutti e quattro sono figure di spicco della scena musicale e sottoculturale di estrema destra, da tempo nei radar tanto del movimento antifascista quanto dei servizi investigativi della Polizei.
Conosciuti in tutta la Germania, hanno tutti fatto parte di un gruppo di biker (Road Crew Ostwestfalen) e di svariate band. In particolare, Andreas Gaus e Jan Weissberg risultano proprietari di quella che è stata la sede del gruppo, una vecchia stazione abbandonata nel territorio di Lage Kachtenhausen, come risulta da questo articolo: https://arip.noblogs.org/nazistrukturen-owl/sonstiges/road-crew-ostwestfalen/das-clubhaus/.

Della loro attività si sono interessati anche i giornali della regione, in particolare la Neue Westfalische e la Lippische Landes- Zeitung. Appena un anno prima della azzardata manovra ai margini del corteo antifascista di Roma, infatti, il gruppo Road Crew OWL era sotto i riflettori del dibattito del Land su negazionismo e attività dell’estrema destra, con al centro proprio la sede gestita da Gaus e Weissberg.

Entrambi i giornali riportavano l’interesse dei servizi di sicurezza tedeschi per le attività di questo circuito e le proteste della società civile per l’attività del gruppo.
In particolare, segnaliamo questi articoli: http://www.lz.de/lippe/lage/20414397_200-Lagenser-planen-Protest-gegen-Road-Crew-OWL.html
http://www.lz.de/lippe/lage/20402291_Bahnhof-Ehlenbruch-wird-von-Polizei-und-Staatsschutz-beobachtet.html, http://www.lz.de/lippe/lage/20260027_Der-Widerstand-ueber-die-rechtsextreme-Road-Crew-OWL-waechst.html
http://www.nw.de/lokal/kreis_lippe/oerlinghausen/oerlinghausen/11265214_Rechtsextreme_Road_Crew_hat_einen_neuen_Treffpunkt_in_Lage.html.

no pasaranIntorno alla crew di motociclisti e ai nomi dei “turisti per caso” girano infatti vari progetti, non solo di carattere musicale. Gauss e Goehner hanno suonato con gruppi come Knock Out e Sleipnir. Quest’ultimo progetto, nato intorno alla figura di Marco Bartsch, originario della stessa regione, è schieratissimo a destra senza particolari ambiguità, con testi e iconografia che rimandano alla nostalgia per il reich guglielmino, alla xenofobia più becera e all’identitarismo nazionalista. Ma non di sola musica si parla. Assente nel furgone al centro dell’inchiesta della digos romana, ma assai attivo in patria nello stesso circuito di biker nazisti, risulta un nome: quello di Bodo Greweling. In una precedente operazione di polizia, insieme a materiale di propaganda, nel corso di una perquisizione la polizia rinvenne 6,8kg di esplosivo in suo possesso.

Queste poche righe, dunque, per dimostrare due semplici cose: la prima è che la scelta di Questura e, quindi dei media, di continuare a sostenere la tesi dei turisti in vacanza per caso oggetto di una brutale aggressione, non solo non sta in piedi, ma è anche indice della poca capacità investigativa e di gestione dell’ordine pubblico della Questura stessa. Quelle riportate, infatti, sono informazioni reperite in poche ore, con qualche giro sul web a partire dai nomi dei neonazisti nel van assaltato. La seconda, è che il corteo di Casapound del 21 maggio 2016, avvallato, autorizzato e protetto dalle forze dell’ordine, non era una banale convention politica, ma una raduno internazionale di neofascisti negazionisti e nostalgici.

https://www.indipendenti.eu/a-proposito-di-repressione-e-neonazisti-in-vacanza/

documentazione
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo