antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound
- A Treviso piazze e sale pubbliche vietate all’estrema destra
- Porto San Giorgio Letame e colla nella serratura. Lo sfregio a poche ore dall'incontro con i candidati di Casapound
- Cortei antifascisti in tutta Italia: a Milano studenti sul monumento di Garibaldi, a Roma segnalati 18 militanti di Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 31.03.17
Roma. Arresti, fermi e perquisizioni contro antifascisti per mobilitazione contro Casa Pound
·
Da questa mattina a Roma, su mandato della Procura, è in corso una operazione della Digos contro diversi attivisti dei collettivi universitari, centri sociali e altre realtà. Si parla di 4 arresti domiciliari e di 9 provvedimenti restrittivi con obbligo di firma. I fatti contestati sono quelli di quasi un anno fa, il 21 maggio, in occasione della mobilitazione antifascista contro una manifestazione nazionale dei fascisti di Casa Pound nella Capitale. Tra i compagni colpiti risultano alcuni del Laboratorio Acrobax, del Collettivo Militant e di alcuni collettivi dell'università La Sapienza.

I fascisti sfilarono dalla loro sede fino a Colle Oppio (tradizionale feudo nero) ma tutto intorno a loro c’era la mobilitazione degli antifascisti romani. Un pullmino di tedeschi ebbe i vetri frantumati, due neofascisti vennero intercettati e malmenati.

Passato un anno, e in un contesto in cui le operazioni repressive mirate ed estensive aumentano di giorno in giorno, si è così deciso di mandare un ulteriore messaggio intimidatorio contro gli attivisti politici e antifascisti nella Capitale.

A seguire un comunicato diffuso dal Collettivo Militant:

Cinque giorni dopo la grande e “pericolosa” manifestazione del 25 marzo, stamattina diciassette compagni sono stati arrestati per antifascismo. Diciassette compagni arrestati col solito manuale Cencelli della repressione: Degage, Cinodromo e Militant le strutture colpite, ovviamente non a caso. Chi in questi anni si è mosso davvero nella lotta antifascista ne paga le conseguenze materiali, con buona pace dei social chiacchieroni. Due cose però saltano all’occhio anche al meno avvezzo alle cose della politica: diciassette misure cautelari comminate un anno dopo gli eventi costituiscono un vulnus particolare anche in tempi di stretta repressiva come questi. Quale giustificazione legale, quale razionalità giudiziaria si cela dietro a questo accanimento eccessivamente postumo? Ovviamente nessuna, ma al tempo stesso risponde alla logica delle misure cautelari comminate in questi anni. In assenza di prove e con la certezza dell’assoluzione nei processi, i Pubblici ministeri procedono alla vendetta cautelare, facendo scontare preventivamente pene che sanno di non poter provare in sede di giudizio. Una dinamica tipica di questi anni, e che andrebbe smascherata e combattuta non solo dentro le fila del movimento, ma anche da quella “presunta” magistratura “democratica” che si riempie la bocca di legalità e democrazia ma che, al dunque, favorisce abusi giudiziari di questo tipo.

La seconda evidenza di questi arresti è la loro vicinanza alla manifestazione contro l’Unione europea liberista del 25 maggio. E’ la risposta politico-repressiva a quel corteo, la mossa che in qualche modo ci aspettavamo di fronte all’assenza di scontri. Anzi: proprio l’assenza di incidenti ha consigliato alla repressione di agire non solo preventivamente (come abbiamo visto sabato scorso), ma “a prescindere”, cioè in assenza di fattispecie. In altre parole, erano arresti messi in preventivo: sfuggita l’occasione del 25 marzo, ecco recuperare la manifestazione antifascista dello scorso anno, tanto sempre i soliti compagni sono. Il pretesto lo si sarebbe comunque trovato, l’importante è il segnale: non si scherza più. E, in secondo luogo: non si scherza più con Casapound, che è a tutti gli effetti un soggetto politico considerato legittimo e quindi intoccabile.

C’è urgenza di uscire dall’angolo in cui vuole costringerci la politica repressiva della Questura e del Pd. Cosa hanno da dire i paladini delle legalità, da Sinistra italiana al M5S, da Pisapia all’Anpi – che pure era l’organizzatore di quella manifestazione – su questi arresti per antifascismo? Questi arresti coinvolgono tutti, perché ad essere perseguita non è questa o quella linea politica ma una pratica antifascista che a Roma è sempre stata terreno di convergenza oltre le differenze politiche di ciascuno.



Qui di seguito una nota diffusa da Dinamo Press sull'operazione di questa mattina:

Questa mattina all'alba, la Polizia di Stato ha svegliato 13 attivisti dei movimenti romani per notificare misure restrittive della libertà personale. Si tratta di 9 obblighi di firma e 4 arresti domiciliari per fatti risalenti al corteo CasaPound Not Welcome , del 21 maggio scorso. Quel giorno, la parte migliore di questa città scese in piazza per protestare contro la mobilitazione nazionale del gruppo fascista. Tra loro c'è anche un nostro compagno di ESC, studente universitario e membro dei collettivi studenteschi.

Mentre le aggressioni di CasaPound si moltiplicano ovunque, mentre il clima di violenza aumenta a causa degli spacciatori di odio razziale, mentre in tutta Europa le destre xenofobe crescono nelle urne e nelle strade, il Tribunale di Roma si preoccupa, a quasi un anno di distanza dai fatti (!), di colpire giovani e studenti che hanno scelto da che parte stare: quella dell'antifascismo e dei valori della Resistenza, costituzionalmente presidiati.

Il 21 maggio scorso nelle strade di Roma c'eravamo tutti. Abbiamo costruito e partecipato tutti insieme a un corteo più volte provocato da esponenti neofascisti. Ricordiamo bene come solo grazie alla prontezza e alla generosità di tanti compagni quelle provocazioni sono state respinte al mittente, evitando che situazioni ben più gravi potessero manifestarsi.

Ricordiamo bene anche i giorni che hanno preceduto quella mobilitazione: l'aggressione neofascista al Pigneto, in dieci contro tre, a un membro della CGIL e due suoi amici; l'autorizzazione a un concerto nazista a Colle Oppio; il divieto iniziale al nostro corteo, costruito da un fronte ampio di associazioni che andava dall'ANPI a Madri per Roma Città Aperta.

Esprimiamo solidarietà e complicità con tutte le persone inquisite. Contro fascismo, razzismo e sessismo non un passo indietro.

Simone libero, tutt* liber*!

Il comunicato di Degage e Sapienza Clandestina su quanto avvenuto questa mattina

Questa mattina compagni e compagne antifascisti della città di Roma sono stati svegliati dalle forze dell'ordine. Un'operazione di polizia che ha colpito 13 compagni, con 9 obblighi di firma giornalieri e 4 arresti domiciliari per i fatti del corteo del 21 maggio 2016, CASAPOUND NOT WELCOME. In quell'occasione, con coraggio e determinazione, migliaia di persone sono scese in Piazza dell'Esquilino per esprimere un chiaro rifiuto alla sfilata dei fascisti di Casapound Italia e degli altri gruppi fascisti giunti da tutta Europa.

In una giornata in cui è stato messo in campo uno spropositato dispositivo poliziesco e in cui la Questura fino all'ultimo ha tentato di impedire il corteo antifascista, i camerati hanno più volte provocato la piazza tentando di avvicinarsi ai compagni che prontamente hanno risposto e si sono auto-difesi cacciando i rigurgiti fascisti. La ricostruzione ad opera dei media che afferma che il pulmino aggredito trasportasse turisti è falsa e in linea con la ricostruzione dei fatti sostenuta dai camerati: i passeggeri dell'NCC in questione sono noti appartenenti al gruppo nazista tedesco dei Barking Dogs, prossimo a Pegida.

Inoltre non stupisce nemmeno la pronta collaborazione tra forze dell'ordine e camerati, che ha prodotto l'identificazione dei compagni e delle compagne colpiti dalle misure, come scritto nero su bianco negli atti della Questura di Roma.

D'altronde la realtà di questa fase è quella di un Europa dove razzismo e xenofobia tentano continuamente di prendersi spazi, dove il vento della paura verso il diverso soffia forte attraversando i confini dei nostri territori e dove personaggi come Salvini a Napoli, Casapound e Forza nuova a Roma, trovano libertà di espressione e movimento che invece viene negata e repressa a chi vuole dire NO a questa avanzata.

Liberi tutti e tutte

Degage Roma – Sapienza Clandestina


http://contropiano.org/news/politica-news/2017/03/30/roma-arresti-fermi-perquisizioni-antifascisti-mobilitazione-casa-pound-090379

r_lazio
repressione


articolo precedente           articolo successivo