antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 23.03.17
Rimini, accoltella e investe un richiedente asilo: ipotesi di tentato omicidio per motivi razziali
·
"L'ha massacrato fino a spaccarsi le mani": richiedente asilo in fin di vita, Rimini in piazza contro il razzismo

Arrestato l'aggressore: fatto di cocaina, lo ha accoltellato e investito con l'auto mentre gli urlava "negro di merda". Il nigeriano è in rianimazione. I testimoni: "Un ragazzo d'oro". Il sindaco: "La nostra è una città accogliente senza se e senza ma"

23 marzo 2017
RIMINI - Lo ha picchiato fino a fracassarsi le mani, senza pietà. Non si è mai fermato, con ferocia. Fino a lasciarlo esanime sull’asfalto. Senza una ragione apparente, senza alcun motivo evidente se non quello del colore della pelle. "Negro di merda", gli urlava in faccia mentre colpiva ora con un coltello a serramanico, ora con calci e pugni. Emmanuel Nnumani, 25 anni, nigeriano, ora è attaccato alle macchine del reparto di rianimazione dell’ospedale Infermi di Rimini. E’ in prognosi riservata, i medici dicono in condizioni gravissime. Valerio Amato, il trentenne che lo ha ridotto in fin di vita è invece agli arresti con l’accusa di tentato omicidio pluriaggravato da "futili motivi e odio raziale". Contro questo odio, già nel pomeriggio, è scesa in piazza la città romagnola: un presidio antirazzista in centro, organizzata da Casa Madiba network, alla quale hanno partecipato molti migranti che ora risiedono o sono ospiti nel riminese.

Secondo il pm Davide Ercolani, titolare del fascicolo, "non c’è altra spiegazione evidente al momento", e "il fatto che continuasse ad inveire contro di lui in certi termini ci dice che quello xenofobo potrebbe essere il movente". Emmanuel in viale Trieste lo conoscevano praticamente tutti. Un ragazzo mite, arrivato in città da 3 o 4 mesi al massimo. In Italia ci era arrivato a bordo di un barcone sbarcato in Sicilia, dopo aver attraversato il deserto, i campi dei mercanti di uomini e aver subito le angherie degli scafisti era stato salvato in mare e portato a Bologna al centro di smistamento. Da qui era stato destinato a Rimini, con altri rifugiati come lui. In riviera viveva in un piccolo hotel, l’Evelina, gestito da un’associazione. "Un ragazzo d’oro", dicono di lui. In hotel ci stava poco, nella sua stanza ci sono ancora le sue cose: qualche indumento, il giaccone pesante gli effetti personali e poco altro. Il resto della giornata lo passava davanti al supermercato. "Non era uno di quelli invadenti", raccontano "quasi non chiedeva neppure i soldi, aiutava le persone anziane con le buste della spesa e i carrelli, poi si accontentava di quello che ognuno gli dava". Buongiorno o buonasera ad ogni avventore, un augurio che era allo stesso tempo una richiesta di aiuto. "Sorrideva sempre, era cattolico".

Fino a ieri pomeriggio poco dopo le 18 e 30, quanto l’auto di Amato, sulla quale viaggiava pure il padre, si è piantata all’improvviso di fronte all’ingresso del negozio. L'uomo è sceso e ha iniziato a picchiarlo. Picchiarlo e insultarlo. Le prime coltellate, molto probabilmente, sono state inferte subito. Poi il padre dell’aggressore è sceso dall’auto ed ha cercato di sedare il figlio. Un attimo di distrazione bastato a Emmanuel per tentare un specie di fuga verso la spiaggia. Non ha avuto tempo. Il riminese è montato in macchina e gli è andato addosso ancora schiacciandolo contro un furgone. Poi è sceso, strafatto di cocaina, e ancora botte. La polizia e il 118 sono stati chiamati da alcuni testimoni oculari. Sono stati loro a dare ai poliziotti il numero di targa della macchina grazie alla quale gli inquirenti sono risaliti a Valerio Amato. Per lui parla la sua fedina penale: "Minacce, lesioni, maltrattamenti, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, spaccio di sostanze stupefacenti e guida sotto l’effetto di sostanze alcooliche". Un violento che nessuno a Rimini si sente di giustificare.

Per suoi legali, gli avvocati Francesco Pisciotti e Massimiliano Giacumbo, una spiegazione in realtà esiste, e non è l’odio razziale: "Non è comunque un atto giustificabile ed è bene precisare che la cosa che in questo momento preme di più è lo stato di salute del giovane aggredito. Detto questo si tenga conto che il nostro assistito soffre di problemi molto gravi". Problemi che si sono manifestati "in diverse occasione nel passato". Valerio Amato "si sente un perseguitato, è una persona che sta male davvero". Stasera in carcere è stato trasferito al reparto di psichiatria, domani sarà interrogato dai magistrati.

Intanto Rimini si è mobilitata a sostegno di Emmanuel. Il prefetto Maurizio Improta gli ha concesso il permesso di soggiorno per motivi umanitari. Quando, come sperano tutti, si riprenderà potrà rinunciare alla procedura di riconoscimento dello status di rifugiato, che al momento è ancora in stato embrionale. E tanti, davvero tanti, si stanno organizzando per far sentire la loro vicinanza al ragazzo buono che stava davanti al supermercato. Il sindaco Andrea Gnassi è andato in ospedale a parlare con i medici della rianimazione e sincerarsi delle condizioni di Emmanuel. "Questa cose non possono e non devono accadere, Rimini è una città accogliente, democratica e solidale. Senza se e senza ma".

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2017/03/23/news/rimini_nigeriano_richiedente_asilo_aggredito-161242256/



(primo lancio)

L'aggressore, che non ha nemmeno risparmiato insulti, è stato rintracciato e fermato dalla polizia. La vittima è in condizioni disperate


RIMINI - Tutto fa propendere per la matrice razziale per il gravissimo episodio avvenuto ieri davanti a un supermercato a Rimini. Un uomo, dopo averlo insultato, si è scagliato contro un giovane immigrato, prima prendendolo a pugni, poi accoltellandolo, e infine, mentre questi tentava di sfuggire al suo aggressore, investendolo con l'auto. E' accaduto intorno alle 19 in viale Trieste, in pieno centro a Marina.

Il ragazzo, un nigeriano di 25 anni richiedente asilo, è stato portato in ospedale: ha fratture multiple, la milza spappolata e varie emorragie interne e si trova in terapia intensiva all'Infermi: lotta fra la vita e la morte. La polizia poco dopo il fatto è riuscita a rintracciare l'aggressore, grazie ai numeri della targa appuntati da alcuni testimoni: si tratta di un 39enne di Rimini con diversi precedenti, che prima di scagliarsi contro il 25enne lo avrebbe apostrofato con frasi come "Negro di m..., torna a casa tua" (frasi alle quali la vittima non avrebbe reagito, scrive la cronaca locale). Portato in Questura, ora deve rispondere di tentato omicidio aggravato dai futili motivi e da motivi razziali. In macchina gli agenti hanno rinvenuto il coltello ancora sporco di sangue usato per ferire il ragazzo.

Il giovane nigeriano è arrivato in Italia, sbarcando in Sicilia, lo scorso settembre; è stato smistato attraverso il progetto Hub (Human Ecosystems) di Bologna e assegnato a Rimini. E' di religione cristiana e ha presentato istanza per l'asilo
politico. Spesso lo si poteva incontrare davanti aquel supermercato: aiutava a svuotare i carrelli in cambio di qualche moneta, a quanto risulta senza dare fastidio o molestare i clienti. Dopo l'accaduto il questore di Rimini, Maurizio Improta, sta valutando il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Sperando che le condizioni del giovane migliorino, il provvedimento di iniziativa del questore potrebbe accelerare le pratiche sull'asilo politico.

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2017/03/23/news/rimini_accoltella_e_investe_un_immigrato-161188376/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

news
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo