antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.07.16
Mammasantissima: l'intreccio tra Gelli, 'ndrine e la destra eversiva
·
Gli invisibili della loggia ''Santa''. I legami tra P2, cosche ed estremismo ''nero''. Le carte dell'inchiesta calabrese riportano le lancette d'Italia indietro di 40 anni.


Licio Gelli, ex maestro della loggia P2.

L'inchiesta Mammasantissima della procura di Reggio Calabria, che ha portato in carcere l'avvocato Paolo Romeo, l'altro legale Giorgio De Stefano e ha messo sotto indagine il senatore Antonio Caridi, ex Forza Italia, ex Nuovo centrodestra (Ncd) e ora in Grandi autonomie e libertà (Gal), scoperchia il mondo sommerso degli 'invisibili' della segretissima loggia 'Santa' e dei presunti collegamenti tra 'ndrangheta, Cosa nostra, la massoneria dei colletti bianchi (politici e magistrati) per fare affari e contrastare lo Stato.
Riportando le lancette della storia d'Italia indietro di quasi 40 anni.
Perché nelle 2 mila pagine di ordinanza di custodia cautelare si fa riferimento alla strage di piazza Fontana (1969), alla fuga dell'estremista di destra Franco Freda in Costa Rica con 40 mila marchi tedeschi, ai moti di Reggio Calabria e al golpe Borghese del 1970.
LICIO GELLI CONTROLLAVA TUTTO. O ancora alla Banda della Magliana o alle aspirazioni separatiste del meridione del boss mafioso Bernardo Provenzano, ma pure all'influenza che l'ex maestro venerabile Licio Gelli avrebbe avuto sulla cosiddetta «'ndrangheta militare» che poteva controllare perché «aveva fatto in modo che ogni componente della “Santa”, ovvero la struttura di vertice dell’organizzazione criminale, venisse inserito automaticamente nella massoneria deviata» della P2.
INTRECCI CON L'EPOCA DELLE STRAGI. È molto delicata l'inchiesta dei magistrati Federico Cafiero De Raho e del sostituto Giuseppe Lombardo.
Va avanti da tre anni e si incrocia persino con quelle di Caltanissetta e Palermo sulla stagione delle stragi che hanno portato alla morte dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borselino.
A distanza di più di 20 anni, tra fughe di notizie e depistaggi, importanti inchieste sulla 'ndrangheta come Meta, Olimpia, Infinito o Crimine, inizia a dipanarsi una matassa ancora sconosciuta sulla storia del Paese, ma su cui gli incroci di anni di testimonianze di collaboratori di giustizia, intercettazioni dei carabinieri del Ros e le indagini della Direzione investigativa antimafia (Dia) permettono di gettare un'ombra inquietante sul ruolo dell'estremismo di destra in Italia e sulle connivenze con la criminalità organizzata e con pezzi deviati dei Servizi segreti e dello Stato.
Paolo Romeo, dall'estrema destra ai socialdemocratici
Paolo Romeo.

Paolo Romeo.

Tutto ruota intorno alla figura di Romeo, negli ultimi anni esponente del Partito socialdemocratico, condannato per mafia nel 2000, ma ancora capace di contare secondo gli inquirenti, tanto da favorire l'ascesa politica di Giuseppe Scopelliti in questi anni, già sindaco di Reggio e poi presidente del Consiglio Regionale della Calabria.
Romeo è un personaggio con un passato pesante alle spalle, raccontato pure dal collaboratore di giustizia Pasquale Nucera negli Anni 90.
Non solo. Dagli accertamenti svolti dalla Dia è emerso che Romeo è stato esponente dell'estrema destra sin dagli Anni 70 (quando militava in Avanguardia nazionale), anello di congiunzione tra la mafia reggina e la politica, massone, ritenuto anche legato a settori dei Servizi segreti. Nel 1980 venne arrestato perché imputato di favoreggiamento in favore di Franco Freda.
LA FUGA DI FREDA IN COSTA RICA. Romeo era accusato di averlo aiutato nel 1979 quando Freda, imputato della strage di piazza Fontana, si nascondeva a Catanzaro.
E in un'intercettazione del 2009 stava cercando di avere una revisione del processo («i magistrati sostengono che Freda si è rivolto alla ‘ndrangheta» e «la ‘ndrangheta si è rivolta a me e io ho favorito a Freda», evidenziava che «basta dimostrare il contrario» e cioè che «Freda si è rivolto a me [...]»).
In particolare Barreca, nell’interrogatorio del 5 maggio 1993 ai pm di Reggio Calabria, aveva dichiarato di avere appreso da varie fonti che l’avvocato Romeo era massone e appartenente alla struttura “Gladio”, nonché legato ai “Servizi segreti”.
UNA «LOGGIA SUPER SEGRETA». Nell’interrogatorio dell'8 novembre 1994 sempre a Reggio dichiarava: «Ho partecipato ad alcuni degli incontri avvenuti a casa mia tra Freda, Paolo Romeo e Giorgio De Stefano. Tali discorsi riguardavano la costituzione di una loggia super segreta, nella quale dovevano confluire personaggi di 'ndrangheta e della destra eversiva e precisamente lo stesso Freda, l'avv. Paolo Romeo, l'avv. Giorgio De Stefano, Paolo De Stefano, Peppe Piromalli, Antonio Nirta, Fefè Zerbi».
Essere un santista significa «infiltrarsi negli Enti pubblici»
Le intercettazioni dei carabinieri nell'ambito dell'inchiesta Mammasantissima.

Le intercettazioni dei carabinieri nell'ambito dell'inchiesta Mammasantissima.

Altra loggia dalle stesse caratteristiche era stata costituita nello stesso periodo a Catania.
Nelle carte è riportata per esempio la dichiarazione del pentito Ierardo Michele Michele datata 6 gennaio 1995, quando riferì di essere stato «nominato santista all’interno dell’infermeria del carcere di Messina» all’età di «26 anni».
UNA «STRUTTURA MISTA». Dalle sue dichiarazioni si apprende che «il santista si può dire che esce dalla 'ndrangheta per entrare a far parte di una struttura mista» e l’«unico fine della nuova struttura è l'autoconservazione a qualunque costo. La protettrice è la Santissima Annunziata - da cui il nome Santa come abbreviato di Mamma santissima - e ogni anno le riunioni decisionali hanno luogo il 25 marzo che è la ricorrenza della Madonna».
I «santisti», aggiunse, «debbono intessere rapporti con politici, pubblici funzionari, professionisti massoni» tant’è che «uno dei compiti principali dei santisti è quello di impadronirsi o infiltrarsi in Enti pubblici avvalendosi del consenso elettorale».
«SOVRAORDINAZIONE ALLE COSCHE». Concludono i magistrati: «Leggendo le parole dei collaboratori che ne hanno parlato, peraltro, si coglie come la segretezza della Santa è garantita dal fatto che essa sovrintende all’operato delle singole cosche e può incidere su di esse, sebbene esse stesse ne ignorino l’esistenza. Tanto spiega come la Santa abbia mantenuto questa posizione di sovraordinazione alle singole cosche. Di più, gli stessi santisti conoscono solo quanto è necessario, quanto viene deciso dal vertice che conoscono e le stesse procedure di cooptazione e investitura sono tali che la riservatezza sia mantenuta estrema, al punto che non solo le singole cosche ignorano i componenti».

http://www.lettera43.it/politica/mammasantissima-l-intreccio-tra-gelli--ndrine-e-la-destra-eversiva_43675254347.htm

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo