antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 19.10.05
Vicenza: Corteo antifascista contro la manifestazione di Forza Nuova
·

15 Ottobre 2005

(Le foto del corteo)

Una testimonianza da indymedia:

manifestazione e contromanifestazione a Vicenza
by mario () Saturday, Oct. 15, 2005 at 8:22 PM

La manifestazione di Forza Nuova in occasione dell’apertura della nuova sede e la contromanifestazione antifascista nel centro storico di Vicenza.

Quelle che intendo riportare sono solo le impressioni di un passante, benchè indignato. Ho avuto la sfortuna di attraversare Corso Palladio tra le cinque e mezzo e le sei di oggi, sabato 15 ottobre. Non sapendo nulla non capivo cosa stesse succedendo: in Piazza Matteotti (all’inizio del Corso) un gruppo non molto nutrito di ragazzi in kefia e con qualche striscione non poteva procedere lungo il corso, sbarrato da una decina di celerini.
Questi, vedendomi con ragazza e bambino per mano, mi hanno lasciato procedere, così come lasciavano liberamente circolare i passanti “non politicizzati”.
Più su lungo il corso qualche altra camionetta e un paio di celerini appostati dietro un’angolo e il solito viavai di gente indifferente che fa le vasche, tipico del sabato pomeriggio.
Persino un chiosco di diessini che invitavano a votare per le primarie!
Poi, un centinaio di metri più su, l’onda nera di FN: caschi in testa, aria minacciosa, cantavano l’inno nazionale.
Sguardi d’odio perchè non mi spostavo abbastanza in fretta per farli passare. Erano palesemente i padroni della situazione.
Più oltre il solito vuoto, il viavai provinciale, il chiacchericcio davanti alle vetrine.
Solo un brandello di conversazione “impegnata”: una vecchia parlava ad una donna di mezza età, pare che fosse indignata anche lei per la parata di FN.
Ma l’altra le rispondeva, non vorrai mica unirti ai comunisti, eh?
Con rabbia, ma ho dovuto tirare dritto.


da: IL GIORNALE DI VICENZA

Domenica 16 Ottobre 2005 cronaca Pagina 9

Alta tensione tra Piazza e Poste

Contrà Muschieria per un’ora “terra di nessuno” in mezzo agli slogan

di Antonio Trentin

Duecento metri di centro storico, giusto nel cuore della città, sono diventati incandescenti – ieri verso sera – per le contemporanee manifestazioni di Alternativa sociale, che inaugurava in piazza la sua nuova sede «perché è un nostro pieno diritto», e della sinistra più o meno estrema, che protestava contro «il razzismo nazista estraneo a Vicenza non vuole». Se l’erano promesso: sarà confronto aspro. Hanno mantenuto.
Le due cose erano annunciate, la tensione anche. «Vogliamo arrivare in piazza delle Poste», quindi praticamente addosso agli avversari e a ridosso della loro sede, aveva comunicato Francesco Pavin, capo-megafono dello schieramento “antagonista” che puntava a «riprendersi il territorio». Come replica: «Alla faccia della democrazia e del pacifismo… Sono patetici. Saremo qui ad aspettarli». In tutto questo, nessuna sorpresa per polizia e carabinieri.
Stupore e qualche preoccupa zione, invece, tra la gente a passeggio – che per un’ora ha visto isolata la zona tra piazzetta Palladio e piazzetta delle Poste – e gran fastidio per la trentina di negozianti che sono rimasti costernati a guardare dalla vetrina la provvisoria paralisi dello shopping. In serata è arrivata per loro la solidarietà dell’assessore alla sicurezza Valerio Sorrentino: «Penso sempre che le manifestazioni politiche del sabato pomeriggio andrebbero fatte fuori dal centro».
Ma a fare le spese più di tutti sono stati, a un certo punto, gli scout arrivati da tutto il Veneto per festeggiare il 90. del Cngei vicentino. Presi in mezzo a un’inedita tri-colorazione degli schieramenti – i “neri” che stazionavano in contrà Garibaldi, i “rossi” che risalivano da piazza Matteotti, i “verdi” (cioè loro) schierati davanti alla loggia del Capitaniato – hanno caricato gli zaini sulle spalle e, a scanso di guai, hanno preso per contrà del Monte, tornando in anticipo nella “tana dei lupetti” a San Biagio.
Una sede per l’estrema destra vicentina, per la mussoliniana Azione sociale e la più radicata Forza nuova che insieme fanno Alternativa sociale (aspettando che anche nel Vicentino spunti qualcuno della terza forza confederata, il Fronte nazionale). Per battezzarla sono arrivati «camerati e simpatiz zanti» da quattro province e qualche Vip della loro dirigenza: il segretario nazionale e quello veneto di Fn, Roberto Fiore e Paolo Carattosidis; e l’avvocato veronese Roberto Bussinello che in primavera era candidato presidente in Regione e che ieri faceva contrasto di look con lo scledense Alex Cioni (in casual “di lotta” da piazza lui, in completo “da governo” il segretario regionale di Azione sociale). Presenza bucata, invece, quella dell’annunciatissima leader Alessandra Mussolini.
Un gazebo, qualche manifesto programmatico e un’ottantina di attivisti – parecchi con il casco sottobraccio e qualcuno con tubi di plastica in mano – hanno fatto presidio in piazzetta delle Poste parlando di «valori della tradizione», attaccando l’accoglienza verso gli immigrati, criticando «chi fa professione di italianità ma dà il voto agli stranieri», aspettando l’ora fatidica. Quale? Quella del scontro – a opportuna distanza – con i trecento che stavano intanto arrivando in piazza dei Signori.
Il corteo formato dai giovani dell’ultrasinistra (Capannone-ex Ya Basta, centri sociali del Vicentino, neofiti del Partito marxista-leninista, Disobbedienti e no-globalisti senza marchio) si era radunato in piazza Matteotti. A singhiozzo come permetteva la polizia, alla fine è arr ivato sotto la torre Bissara, punteggiato da qualche emblematica presenza di capipartito (Olol Jackson dei Verdi, Carlo Pertile del Prc, Giorgio Langella del Pdci, di cui sfilava la federazione giovanile).
Ancora una ventina di minuti, il tempo che i “verdi” del Cngei finissero sfrattati, e i “rossi” sono arrivati a portata di voce dei “neri”. All’angolo di piazzetta Palladio, proprio davanti alla sede prodiana dov’era in allestimento il seggio per la Primaria del centrosinistra, la polizia ha fatto tappo: «Di qui non si passa». E via allora con gli slogan mortiferi contro «i fascisti che Vicenza non vuole» e con la contrapposizione ai «fascisti razzisti» a base di «la nostra città non ha confini, siamo tutti clandestini».
I cento passi di contrà Muschieria sono diventati per un’ora una terra di nessuno. Ai poliziotti schierati davanti alla statua di Palladio con i blindati – mentre pochi metri più in là, in tutta tranquillità, i bar continuavano a servire gli spritz ai tavoli – facevano da pendant i carabinieri che alzavano gli scudi in vista del palazzo rosso delle Poste. In mezzo alla contrà – nel vuoto pedonale fatto dai vigili urbani e nel bel mezzo di un fronteggiamento a colpi di durezze parolaie mai visto negli ultimi anni a Vicenza – sono rimasti solo il questore Dario Rotondi con il suo collaboratore Tiziano Zonta, e il comandante dei carabinieri arrivati da Bassano, Danilo Lacerenza, con il luogotenente di Vicenza, Giovanni Aletta.
«Contro il comunismo la gioventù si scaglia. Boia chi molla è il grido di battaglia»: questo e altri slogan storici del neofascismo sono rimbalzati verso la Basilica, incrociandosi con quelli urlati dall’ancora folto plotone capeggiato da Pavin. Poi è andato tutto rapidamente verso la conclusione.
Salutato Fiore che partiva – dopo aver dichiarato che «i giovani sempre meno sono attratti dal marxismo e dal bolscevismo e sempre più dalla nostra triade Dio-patria-famiglia» – i suoi si sono tolti i caschi e hanno fatto rotta su contrà Fascina e la sede neoinaugurata. Dall’altra parte lo striscione di “Vicenza non vuole i fascisti” ha avuto il via libera per avanzare fino alla meta: «Siamo in piazza delle Poste. Vicenza libera, Vicenza libera…» è stato l’ultimo urlo – davanti ai capannelli di curiosi fermi con l’”ombra” sotto il Campanile o all’angolo di contrà Battisti – prima dello ritorno del corteo, molto sfoltito, verso piazza Matteotti.

CITTÀ DIVISA. A sinistra Disobbedienti, studenti e sindacalisti in piazzetta Palladio, a destra Forza nuova e Azione sociale in piazza delle Poste, vicino alla fontana, che urlano slogan di appartenenza e accendono qualche fumogeno. In mezzo gli scout, che ieri hanno invaso il centro e con le casacche verdi sono passati indifferenti da una parte all’altra, marciando compatti. Durante la manifestazione non vi sono stati episodi di violenza o di cariche (una persona è rimasta ferita più tardi, a cortei finiti, in via Giuriolo): un successo per le forze dell’ordine.

news
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo