antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 30.06.16
Auschwitz, 5 anni alla guardia SS Reinhold Hanning
·

Accusato di complicità nello sterminio di 170mila ebrei ungheresi nel 1944 aveva confessato: "Sono responsabile della morte di tanti innocenti"






È finita. Reinhold Hanning, ex guardia delle SS ad Auschwitz, è stato condannato a cinque anni di carcere per complicità nello stermino nazista. Condanna simbolica ma significativa. Non è valso a niente arrivare in tribunale in sedia a rotelle, avere 94 anni, confessare di vergognarsi di aver visto, di aver solo obbedito agli ordini, di aver taciuto tutta la vita sui crimini commessi nel campo di concentramento polacco dove Hanning ha sorvegliato il sistematico sterminio dei prigionieri, dall'ingresso nelle camere a gas fino alle fucilazioni di massa. Forse non farà neanche un giorno di carcere, ma per Hanning è finita e giustizia è stata fatta. Almeno per 170mila ebrei che hanno perso la vita ad Auschwitz.

"Io mi vergogno del fatto di aver visto e aver lasciato commettere ciò che era ingiusto e di non aver fatto nulla contro. Mi dispiace davvero di cuore". Con queste parole l'ex SS Hanning aveva rotto il silenzio durante il processo in corso a Detmold a suo carico. L’ex guardia al campo di concentramento era stata chiamata a ripondere di complicità nello sterminio migliaia di ebrei ungheresi nel 1944. "Deploro profondamente il fatto di essere stato membro di un'organizzazione criminale, responsabile della morte di tanti innocenti e della distruzione di innumerevoli famiglie" aveva confessato.

Quello di Hanning è uno degli ultimi più importanti processi effettuati contro i nazisti che, iniziato da qualche giorno a Detmold, città della Renania Settentrionale-Vestfalia, è destinato a far parlare a lungo di sé soprattutto perché segue il verdetto al processo di Oskar Groening, il contabile di Auschwitz condannato per complicità nell’omicidio di 28.060 persone con una sentenza che, in un colpo solo, ha ribaltato le vecchie leggi sui crimini nazisti.
Chi è Oskar Groening, il contabile di Auschwitz, condannato a 4 anni


L’accusa
Secondo l’accusa Reinhold Hanning ha partecipato alle fucilazioni di massa e alla selezione dei detenuti per le uccisioni nel campo di concentramento di Auschwitz anche se non vi è alcuna prova che abbia commesso un reato specifico. Per i testimoni Hanning era, invece, presente durante la gestione dei forni crematori. il fatto di essere stato parte della macchina dello sterminio lo rende colpevole di migliaia di morti.

Le testimonianze
Tra i testimoni degli orrori dell’Olocausto c’è Justin Sonder, 90 anni, il più giovane tra i sopravvissuti in aula in questi giorni. Guardando il suo aguzzino negli occhi, Sonder, non ha esitato a ricordare, anche se la sua voce era malferma, i momenti angoscianti durante le selezioni in cui è stato “salvato” perché ritenuto dalle SS in grado di lavorare. “Non ho parole per descrivere quello che ho sofferto”, ha dichiarato al processo. “Quando si pensa che si potrebbe morire entro una o due ore si può solo impazzire. Io sono sopravvissuto a 17 selezioni”. Come riportato dall’Associated Press, Leon Schwarzbaum, un altro testimone di 94 anni, ha descritto le terribili giornate ad Auschwitz riferendo alla corte: “I camini dei forni crematori sempre accesi vomitavano fuoco. L’odore di carne umana bruciata era così forte che si poteva sopportare a malapena”.

La pena prevista
Vista la salute precaria del 94enne Reinhold Hanning il tribunale ha concesso all’accusato di partecipare alle udienze in un tempo non superiori alle due ore. E proprio per motivi di salute e di età rischia dai 3 ai 15 anni di prigione. Una pena simbolica che, se confermata, riaccende ancor di più le antiche ferite.

repressione_F
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo