antifa home page
Il Progetto

magliette
Sostieni il progetto

Segnalazioni e commenti


su Twitter @Infoantifa
manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
‚?Ź Bologna due agosto: La strategia delle stragi non è mai finita
‚?Ź Pontedera Verso la costituzione di un comitato antifascista
‚?Ź Padova Scontro sullo ius soli, guerriglia nelle piazze
‚?Ź Ostia: 80 migranti al mare nella spiaggia delle ronde di CasaPound
‚?Ź Chioggia, lido fascista con immagini di Mussolini: indaga la Digos. L’Anpi chiede la revoca della concessione balneare
‚?Ź Virginia, scontri tra membri del Ku Klux Klan e manifestanti antirazzisti
‚?Ź Roma. Un popolo sbarra la strada ai fascisti sulla Tiburtina
‚?Ź Bologna Cariche al S.Stefano per difendere l‚Äôiniziativa fascista
‚?Ź Educazione all’affettività, USB Bologna: 29 giugno in piazza contro bufala”Gender”
‚?Ź "Basta fascisti al Baraccano": Bologna, scontro per la presentazione del libro su Sergio Ramelli

ARCHIVIO COMPLETO
INTERNAZIONALE
ARCHIVIO REGIONI

Links
· ANCR
· ANPI
· ANPI Pianoro
· ANPPIA
· Antifascismo
· Archivi della Resistenza
· Brigata Fratelli Rosselli
· Brigate di Solidarietà Attiva
· Campi di Sterminio
· Circolo Giustizia e Libertà
· controappuntoblog
· dax resiste
· Fondazione Cipriani
· Fondazione Memoria della Deportazione
· fuochi di resistenza
· Giuseppe Scaliati
· Informa-azione
· La resistenza sconosciuta
· Maldestra radio
· Misteri d'italia
· Ngvideo antifa
· Nuova alabarda
· Osserv. dem. antifa
· Paolo Dorigo
· Parma Antifascista
· puglia antagonista
· Radio Vostok
· rednest.org
· Reti invisibili
· Staffetta
· Storie dimenticate
· Stragi di stato ipertesto
· Trento antifascista
· Valerio Verbano
· Verità per Renato
· Wu Ming
· Zic

calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 19.05.16
Gruppo fascista "Dux nobis" su Facebook, denunciato l'amministratore
·
L'amministratore ha 35 anni ed è stato scoperto dalla polizia postale che è riuscita a carpire informazioni nonostante l'uomo avesse un profilo finalizzato a garantirsi l'anonimato

Bergamo, 14 maggio 2016 - Il gruppo si chiamava "Dux nobis", inneggiava alla rivoluzione fascista ed era gestito da un 35enne bergamasco individuato dalla polizia postale di Imperia con la collaborazione della Digos. Le indagini tecniche messe in atto dagli investigatori, hanno consentito di verificare la presenza del gruppo su Facebook, con iscritti centinaia di utenti del web. Malgrado una registrazione finalizzata a garantirsi l'anonimato, gli uomini della specialità sono risaliti al creatore del gruppo, il 35enne residente in provincia di Bergamo. La successiva perquisizione ha consentito di rinvenire e sequestrare materiale informatico dal quale, dopo l'analisi forense dei supporti, sono emerse numerose immagini dai contenuti riconducili ai regimi fascista e nazista. Inoltre, proprio in considerazione dei contenuti in argomento, il gestore Facebook ha proceduto all'oscuramento del profilo. Il giovane è stato denunciato per apologia del fascismo. Sono in corso ulteriori accertamenti a carico degli utenti che hanno aderito al gruppo.

http://www.ilgiorno.it/bergamo/fascista-facebook-1.2156892





Pagine e gruppi Facebook fascisti: migliaia di utenti a rischio?

Un uomo di 35 anni è stato denunciato per aver creato una pagina Facebook che inneggia al duce. Indagati anche tutti gli iscritti.

Un uomo di 35 anni residente a Bergamo è stato denunciato dalla polizia postale per aver creato una pagina Facebook, denominata "Gruppo Dux Nobis" , che inneggiava a Mussolini. Gli è stato contestato il reato di "apologia del fascismo", e sono indagati anche tutti coloro che si erano iscritti alla pagina, poi oscurata, che aveva raccolto centinaia di adesioni.
L'indagine della polizia postale di Imperia

L'inchiesta, portata avanti dalla Polizia Postale di Imperia, è partita a seguito della denuncia di un cittadino, che si era imbattuto per caso sulla pagina, piena di immagini che inneggiavano al ventennio. La polizia ha perquisito anche il domicilio dell'uomo, dove è stato posto sotto sequestro altro materiale informatico di propaganda fascista e nazista. L'uomo utilizzava un profilo Facebook anonimo per gestire la pagina, ma la precauzione è risultata vana. Gli uomini della Postale sono riusciti a risalire comunque a lui.
Fascismo su Facebook: le pagine ed i gruppi "nostralgici" sono dozzine

E' sufficiente cercare la parola "duce", oppure "Mussolini", su Facebook, che tra i risultati saltano fuori dozzine di gruppi e pagine con nomi come "Viva il duce Benito Mussolini Vive l'Italia", gruppo al quale sono iscritti 1638 persone, la cui bacheca non √® visibile ai non iscritti, ma il titolo e la copertina, con tricolore e simbolo fascista, lasciano poco spazio all'immaginazione. Il gruppo "Benito Mussolini, il Duce...un uomo che ha fatto grande l'Italia 1883-1945", anche questo "chiuso" a chi non ne fa parte, di iscritti ne ha addirittura 2.870. Nella copertina, una foto patinata di Mussolini che saluta la folla ed un richiamo alla libert√†, garantita dalla Costituzione, di "manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e qualsiasi altro mezzo di diffusione. Se i gruppi Facebook nostalgici sono numerosi, le "pagine" del social lo sono ancora di pi√Ļ. Ce n'√® per tutti i gusti. Da quella degli aforismi di Mussolini, alla pagina dei "Fascisti italiani", seguita da pi√Ļ di 22.200 persone, a quella "Il duce Benito Mussolini", che di iscritti ne ha, in questo momento, 53.358, e che tra una foto di un tricolore dell'epoca fascista e una contro l'immigrazione, si rivolge agli iscritti chiamandoli "camerata".

In attesa di conoscere i risvolti dell'indagine che ha portato alla denuncia del gestore della pagina "Gruppo Dux Nobis" e alla messa sotto inchiesta di tutti gli utenti iscritti, ce n'è abbastanza per affermare che, non solo chi gestisce gruppi e pagine facebook che fanno propaganda fascista, rischia di ritrovarsi la Polizia Postale alla porta di casa. Ma forse, potrebbe ritrovarsi nei guai anche chi le segue e contribuisce alla diffusione dei contenuti che configurano il reato di "apologia del fascimo". E se normalmente questi gruppi passano "inosservati", o forse vengono tollerati, nel caso che qualcuno sporga una denuncia, le forze dell'ordine sono tenute ad intervenire.

http://it.blastingnews.com/cronaca/2016/05/pagine-e-gruppi-facebook-fascisti-migliaia-di-utenti-a-rischio-00925247.html

repressione_F
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo