antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 9.05.16
Roma, Casapound candida gli arrestati per gli scontri anti-immigrati
·
In lista col movimento di estrema destra anche alcuni protagonisti delle violenze dell'estate scorsa contro il trasferimento di richiedenti asilo a Casale San Nicola. Mentre nella Bolzano dell'exploit, dove i fascisti del Terzo millennio hanno ottenuto il 6 per cento, il primo dei non eletti è sotto processo per il pestaggio di un minorenne

Dagli scontri con la polizia e l'arresto fino all'Aula Giulio Cesare, quanto meno nelle aspirazioni. Forse non ripeterà l'exploit di Bolzano, dove ha ottenuto oltre il 6 per cento dei voti, ma anche nella Roma in cui è nata e cresciuta Casapound è certa di accrescere il consenso. Operazione non proprio difficilissima, alla luce degli appena seimila voti che tre anni fa relegarono i fascisti del terzo millennio perfino dietro la lista "Grilli parlanti - No euro". Certo la capitale non è il capoluogo altoatesino, dove manca il premio di maggioranza per il Consiglio comunale e, soprattutto, la vicinanza del Brennero rende il tema dell'"invasione" dei rifugiati particolarmente sentito. Comunque andrà a finire, a Roma il movimento di estrema destra ha messo in piedi una lista "combattente" nel senso letterale del termine.

Fra i candidati ci sono infatti anche tre dei nove militanti raggiunti da misure cautelari per le violenze della scorsa estate a Casale San Nicola, sulla Cassia: la prefettura, guidata dall'attuale capo della polizia Franco Gabrielli, aveva deciso il trasferimento di alcuni richiedenti asilo in una scuola riconvertita a centro di accoglienza e nel tentativo di impedirlo i fascisti del terzo millennio, alcuni con caschi e volti coperti, si scontrarono con la polizia.

È il caso del capolista Davide Di Stefano, fratello del candidato sindaco Simone Di Stefano, che per quei fatti a ottobre è stato arrestato dalla Digos. Lo stesso Di Stefano junior - che già nel 2008 fu protagonista degli scontri di piazza Navona, in cui esponenti di Blocco studentesco presero a cinghiate studenti medi - nelle settimane scorse è salito agli onori della cronaca per l'azione dimostrativa alla fiera del fumetto Romics contro lo stand della casa editrice Shockdom, che esponeva l'opera satirica "Qvando c'era lvi", che ironizza su Mussolini e Casapound.
«Una burla, dai toni irriverenti e non certo violenti», minimizza Davide Di Stefano, militante di Casapound e già responsabile nazionale di Blocco Studentesco, che ebbe un momento di celebrità dopo gli scontri di piazza Navona, avvenuti durante un corteo degli studenti medi, nel 2008, con manici di piccone tricolori e roteanti cintura con la fibbia di ferro. Questa volta in effetti non è una cinta ma un bicchiere di vino, quello che il militante di Casapound rovescia sul banco dell’editore Shockdom colpevole di aver pubblicato e portato alla fiera Romics un fumetto satirico su Mussolini, Quando c’era LVI. Gli editori parlano di «provocazione» e di almeno 500 euro di danni. E se Di Stefano minimizza, gli autori - a cui è arrivata la solidarietà dal mondo del fumetto e dai colleghi illustratori, da Tito Faraci a Gipi e Zerocalcare, Daniele Fabbri e Stefano Antonucci, confermano la loro vena satirica, nel denunciare l’accaduto: «Abbiamo fatto un fumetto sul fascismo», scrivono su facebook, «perché pensiamo che in Italia ci sia ancora il problema del fascismo, quindi non siamo stupiti di aver ricevuto delle intimidazioni. Siamo invece sollevati per le modalità dell'aggressione: se nel 2016 si minaccia con le bibite gassate, vuol dire che faremo antifascismo plastificando i fumetti, che è già un progresso di civiltà».


Se è il nome più noto, Di Stefano junior non è solo. Per i fatti di Casale San Nicola è stato arrestato anche il Francesco Amato, responsabile Sport del movimento e pure lui candidato per il Campidoglio. In V Municipio (Prenestino-Villa Gordiani) corre invece Damiano Berti, che per quegli scontri fu sottoposto a obbligo di firma. Tutte pendenze che Casapound ha sempre rivendicato con orgoglio: "A Casale San Nicola abbiamo difeso i diritti degli italiani, come facciamo ogni giorno nelle strade" commentò ad esempio il fondatore Gianluca Iannone.

Del resto i numeri parlano chiaro: dal 2011 a oggi, ha reso noto il Viminale, Casapound ha subito 21 arresti e quasi 400 denunciati. E lo stesso candidato sindaco Simone Di Stefano è stato arrestato (e condannato) per un blitz compiuto a fine 2013 contro la sede dell'Unione europea a Roma, in cui cercò di sostituire la bandiera della Ue col tricolore. Un po' come accaduto a febbraio ad Andrea Bonazza, il candidato del centrodestra più votato domenica nella Bolzano dell'onda nera, condannato a febbraio assieme ad altri nove camerati per aver esposto la bandiera italiana al monumento alla Vittoria.

Solo che la militanza politica in senso stretto non è sempre l'unica all'origine dei carichi pendenti. Proprio a Bolzano il primo dei non eletti in comune (ma confermato consigliere nel quartiere don Bosco), Davide Brancaglion, è sotto processo con l'accusa di lesioni per l'aggressione di uno studente di 17 anni. Colpa del giovane: avrebbe avuto "Bella ciao" come suoneria del cellulare.


http://espresso.repubblica.it/palazzo/2016/05/09/news/roma-casapound-candida-gli-arrestati-per-gli-scontri-anti-immigrati-1.264667

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo