antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.03.16
Ferrara Il caso del nigeriano costretto da militanti di Casa Pound a pulire diventa politico
·
Il consigliere Fiorentini (SEL), presenta una interpellanza: «Inquietante tentativo di umiliazione». I militanti di CasaPound avevano obbligato un nigeriano a pulire il marciapiede davanti alla Conad dove stava facendo l'elemosina.

FERRARA. Finirà in consiglio comunale il blitz di alcuni esponenti di Casapound che, armati di paletta e ramazza, sabato scorso hanno ordinato a un ragazzo nigeriano di pulire il marciapiede davanti al supermercato Conad di via Arianuova, dove il giovane chiedeva l’elemosina.

La vicenda, sollevata dalla Nuova Ferrara, è infatti l’oggetto di un’interpellanza che il presidente del Gruppo consiliare di Sel, Leonardo Fiorentini, ha presentato ieri al sindaco Tagliani quale componente del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Fiorentini chiede se la manifestazione di CasaPound sia stata comunicata alla Questure, così come prevede la legge, e quali siano stati i provvedimenti adottati per controllare lo svolgimento dell’iniziativa del movimento di estrema destra che si proponeva di presidiare supermarket e parcheggi per contrastare il «racket dell’elemosina».

Il consigliere di Sel chiede inoltre « quali siano stati i fatti accertati rispetto al grave episodio di Via Arianuova, e quali gli eventuali provvedimenti di Forze dell’Ordine e Magistratura, ovviamente nel rispetto del segreto istruttorio». Fiorentini ritiene motivo di preoccupazione «il recente proliferare di ronde, rondine e “presidi”.

In primis perché stanno diventando più numerose delle – pur numerosissime – forze di Pubblica Sicurezza del nostro paese. Ma soprattutto, al di là del dato numerico, perché si muovono su un terreno molto pericoloso – e a mio parere illegale – soprattutto quando vengono fortemente marcate politicamente e, come è stato per Casapound, quando si pongono in completa alternativa alle forze dell’ordine con l’obiettivo di “estirpare” il presunto racket. Prima c’erano state le manifestazioni della Lega al Palaspecchi, poi le “squadre di sicurezza” di GOL in Viale Belvedere.

Una escalation molto preoccupante, anche ripensando al passato non troppo remoto della nostra città». Da qui la richiesta «se sia intenzione di Prefettura e Questura porre un freno a questo tipo di iniziative che stanno evidentemente e pericolosamente degenerando» e, infine, quale sia la valutazione degli organi di pubblica sicurezza «rispetto all’esistenza di un presunto racket dell’elemosina».

In ogni caso, sottolinea Fiorentini, quello avvenuto sabato in via Arianuova è «un fatto inquietante, un tentativo di umiliazione che solo l’intervento di una concittadina ha permesso non degenerasse chiamando l’intervento dei Vigili Urbani. A questa persona va il mio ringraziamento personale, mentre al malcapitato vanno, per quello che possono contare, le mie scuse».

Un episodio avvenuto a pochi giorni «da quando abbiamo visto circolare sui social network le terribili immagini da “tifosi” dello Sparta Praga che umiliavano un mendicante a Roma». A Ferrara, continua, «purtroppo qualcuno ha voluto subito prendere il cattivo esempio. Militanti di Casapound, autonominatisi ’polizia civile’ hanno messo in atto una grave intimidazione nei confronti di una persona che stava chiedendo l’elemosina»

http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2016/03/23/news/il-caso-del-nigeriano-costretto-da-militanti-di-casa-pound-a-pulire-diventa-un-capo-politico-1.13178252




ferrara
«Prendi la ramazza e pulisci per terra»

Esponenti di Casa Pound danno ordini a un nigeriano davanti a un supermercato. Il giovane ha sporto denuncia ai carabinieri
Tags

elemosina
casa pound
supermercati

22 marzo 2016
Esponenti di Casa Pound davanti a un...
Esponenti di Casa Pound davanti a un supermercato

FERRARA. Quelli di CasaPound Italia Ferrara hanno proclamato di voler «estirpare il racket» di chi chiede l’elemosina davanti ai supermercati «insultando e minacciando chi non cede alle richieste», e guadagna «speculando sulla bontà dei ferraresi». Ma è stata proprio una cliente del Conad di via Arianuova, presunta vittima dell’obolo molesto, a chiamare le forze dell’ordine quando, sabato mattina, ha visto il trattamento che quelli di CasaPound avevano riservato a uno dei nigeriani che stazionano davanti agli ingressi: gli avrebbero consegnato scopa e ramazza e ordinato di pulire il marciapiede, aggiungendo che poi sarebbero tornati a controllare se avesse obbedito alla richiesta.

Ad arrivare sul posto, poco dopo, sono stati invece gli agenti della polizia Municipale e poi i carabinieri, ai quali il ragazzo nigeriano ha riferito i fatti e sporto denuncia contro gli esponenti di CasaPound. Questi ultimi, sabato mattina, erano impegnati in un tour tra i supermercati cittadini e i parcheggi, «contro gli abusivi che chiedono soldi, insultando e minacciando chi non cede alle richieste». Secondo il responsabile locale Fabrizio Florestano era «arrivato il momento di intervenire per denunciare e contrastare fattivamente quello che a Ferrara è diventato un vero e proprio racket organizzato e gestito da chi trae guadagno speculando sulla bontà dei ferraresi». La missione, impedire ai questuanti di chiedere l’elemosina, promettendo di continuare ronde e picchetti «fino a quando questo racket non verrà estirpato completamente».

Così, con l’autoinvestitura di una pettorina gialla targata CasaPound, si sono trasformati in tutori della legge, guardie del corpo a tutela dell’incolumità di chi va a fare la spesa nonché garanti del decoro urbano. I testimoni raccontano di aver visto un gruppetto di pettorine gialle affrontare il ragazzo nigeriano all’ingresso. «Sono andati nella ferramenta vicina per comprare scopa e paletta - racconta un testimone - l’hanno consegnata al ragazzo e gli hanno intimato di spazzare e pulire lo spazio circostante l’entrata del supermercato. E si sono raccomandati di farlo, perché poi sarebbero tornati a controllare». Qualcuno ha pensato che fosse meglio far intervenire la polizia municipale, che a sua volta ha richiesto l’aiuto dei carabinieri per identificare il giovane, piuttosto spaventato per il timore di finire nei guai. Una volta consegnati i documenti e ricostruiti i fatti, però, sono stati gli esponenti di CasaPound, quelli che volevano denunciare (il racket), a essere denunciati.(a.m.)

http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2016/03/22/news/prendi-la-ramazza-e-pulisci-per-terra-1.13172480

news
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo