antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
"Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza
- Venaria, il sindaco toglie i fiori lasciati sulla tomba da CasaPound: “Non c’è spazio per i fascisti”
- Comunicato ANPI – La Liberazione di Predappio

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 24.03.16
Ferrara Il caso del nigeriano costretto da militanti di Casa Pound a pulire diventa politico
·
Il consigliere Fiorentini (SEL), presenta una interpellanza: «Inquietante tentativo di umiliazione». I militanti di CasaPound avevano obbligato un nigeriano a pulire il marciapiede davanti alla Conad dove stava facendo l'elemosina.

FERRARA. Finirà in consiglio comunale il blitz di alcuni esponenti di Casapound che, armati di paletta e ramazza, sabato scorso hanno ordinato a un ragazzo nigeriano di pulire il marciapiede davanti al supermercato Conad di via Arianuova, dove il giovane chiedeva l’elemosina.

La vicenda, sollevata dalla Nuova Ferrara, è infatti l’oggetto di un’interpellanza che il presidente del Gruppo consiliare di Sel, Leonardo Fiorentini, ha presentato ieri al sindaco Tagliani quale componente del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Fiorentini chiede se la manifestazione di CasaPound sia stata comunicata alla Questure, così come prevede la legge, e quali siano stati i provvedimenti adottati per controllare lo svolgimento dell’iniziativa del movimento di estrema destra che si proponeva di presidiare supermarket e parcheggi per contrastare il «racket dell’elemosina».

Il consigliere di Sel chiede inoltre « quali siano stati i fatti accertati rispetto al grave episodio di Via Arianuova, e quali gli eventuali provvedimenti di Forze dell’Ordine e Magistratura, ovviamente nel rispetto del segreto istruttorio». Fiorentini ritiene motivo di preoccupazione «il recente proliferare di ronde, rondine e “presidi”.

In primis perché stanno diventando più numerose delle – pur numerosissime – forze di Pubblica Sicurezza del nostro paese. Ma soprattutto, al di là del dato numerico, perché si muovono su un terreno molto pericoloso – e a mio parere illegale – soprattutto quando vengono fortemente marcate politicamente e, come è stato per Casapound, quando si pongono in completa alternativa alle forze dell’ordine con l’obiettivo di “estirpare” il presunto racket. Prima c’erano state le manifestazioni della Lega al Palaspecchi, poi le “squadre di sicurezza” di GOL in Viale Belvedere.

Una escalation molto preoccupante, anche ripensando al passato non troppo remoto della nostra città». Da qui la richiesta «se sia intenzione di Prefettura e Questura porre un freno a questo tipo di iniziative che stanno evidentemente e pericolosamente degenerando» e, infine, quale sia la valutazione degli organi di pubblica sicurezza «rispetto all’esistenza di un presunto racket dell’elemosina».

In ogni caso, sottolinea Fiorentini, quello avvenuto sabato in via Arianuova è «un fatto inquietante, un tentativo di umiliazione che solo l’intervento di una concittadina ha permesso non degenerasse chiamando l’intervento dei Vigili Urbani. A questa persona va il mio ringraziamento personale, mentre al malcapitato vanno, per quello che possono contare, le mie scuse».

Un episodio avvenuto a pochi giorni «da quando abbiamo visto circolare sui social network le terribili immagini da “tifosi” dello Sparta Praga che umiliavano un mendicante a Roma». A Ferrara, continua, «purtroppo qualcuno ha voluto subito prendere il cattivo esempio. Militanti di Casapound, autonominatisi ’polizia civile’ hanno messo in atto una grave intimidazione nei confronti di una persona che stava chiedendo l’elemosina»

http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2016/03/23/news/il-caso-del-nigeriano-costretto-da-militanti-di-casa-pound-a-pulire-diventa-un-capo-politico-1.13178252




ferrara
«Prendi la ramazza e pulisci per terra»

Esponenti di Casa Pound danno ordini a un nigeriano davanti a un supermercato. Il giovane ha sporto denuncia ai carabinieri
Tags

elemosina
casa pound
supermercati

22 marzo 2016
Esponenti di Casa Pound davanti a un...
Esponenti di Casa Pound davanti a un supermercato

FERRARA. Quelli di CasaPound Italia Ferrara hanno proclamato di voler «estirpare il racket» di chi chiede l’elemosina davanti ai supermercati «insultando e minacciando chi non cede alle richieste», e guadagna «speculando sulla bontà dei ferraresi». Ma è stata proprio una cliente del Conad di via Arianuova, presunta vittima dell’obolo molesto, a chiamare le forze dell’ordine quando, sabato mattina, ha visto il trattamento che quelli di CasaPound avevano riservato a uno dei nigeriani che stazionano davanti agli ingressi: gli avrebbero consegnato scopa e ramazza e ordinato di pulire il marciapiede, aggiungendo che poi sarebbero tornati a controllare se avesse obbedito alla richiesta.

Ad arrivare sul posto, poco dopo, sono stati invece gli agenti della polizia Municipale e poi i carabinieri, ai quali il ragazzo nigeriano ha riferito i fatti e sporto denuncia contro gli esponenti di CasaPound. Questi ultimi, sabato mattina, erano impegnati in un tour tra i supermercati cittadini e i parcheggi, «contro gli abusivi che chiedono soldi, insultando e minacciando chi non cede alle richieste». Secondo il responsabile locale Fabrizio Florestano era «arrivato il momento di intervenire per denunciare e contrastare fattivamente quello che a Ferrara è diventato un vero e proprio racket organizzato e gestito da chi trae guadagno speculando sulla bontà dei ferraresi». La missione, impedire ai questuanti di chiedere l’elemosina, promettendo di continuare ronde e picchetti «fino a quando questo racket non verrà estirpato completamente».

Così, con l’autoinvestitura di una pettorina gialla targata CasaPound, si sono trasformati in tutori della legge, guardie del corpo a tutela dell’incolumità di chi va a fare la spesa nonché garanti del decoro urbano. I testimoni raccontano di aver visto un gruppetto di pettorine gialle affrontare il ragazzo nigeriano all’ingresso. «Sono andati nella ferramenta vicina per comprare scopa e paletta - racconta un testimone - l’hanno consegnata al ragazzo e gli hanno intimato di spazzare e pulire lo spazio circostante l’entrata del supermercato. E si sono raccomandati di farlo, perché poi sarebbero tornati a controllare». Qualcuno ha pensato che fosse meglio far intervenire la polizia municipale, che a sua volta ha richiesto l’aiuto dei carabinieri per identificare il giovane, piuttosto spaventato per il timore di finire nei guai. Una volta consegnati i documenti e ricostruiti i fatti, però, sono stati gli esponenti di CasaPound, quelli che volevano denunciare (il racket), a essere denunciati.(a.m.)

http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2016/03/22/news/prendi-la-ramazza-e-pulisci-per-terra-1.13172480

news
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo