antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Monza, tensione in centro tra Antifascisti e CasaPound. La Polizia carica
- "Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 30.09.05
Trieste: processo ad un compagno per aver esposto una bandiera delle Brigate Garibaldi
·

da indy

APPELLO A TUTTI I PARTITI, I MOVIMENTI, I SINGOLI CHE SI RICONOSCONO NEI VALORI DELL’ANTIFASCISMO
by promemoria Friday, Sep. 30, 2005 at 12:14 PM mail: promemoriats@virgilio.it

A Trieste vogliono processare un socio dell’associazione Promemoria per aver esposto una bandiera delle Brigate Garibaldi

APPELLO A TUTTI I PARTITI, I MOVIMENTI, I SINGOLI CHE SI RICONOSCONO NEI VALORI DELL’ANTIFASCISMO

Mercoledì 17 Agosto è stata notificato ad un associato dell’Associazione Promemoria – per la difesa dei valori dell’antifascismo e dell’antinazismo- un avviso di fissazione d’udienza preliminare per il reato di vilipendio al tricolore (art. 292 c.p.). Tale illecito sarebbe stato commesso durante la manifestazione di protesta indetta dall’Associazione Promemoria nel febbraio scorso davanti al palazzo della Rai di Trieste, in contemporanea alla messa in onda dello sceneggiato “Il cuore nel pozzo”, il cui contenuto era chiaramente apologetico del fascismo e del razzismo antislavo. In quell’occasione, la persona che oggi si trova accusata dalla magistratura aveva sventolato una bandiera tricolore con al centro la stella rossa, vessillo delle Brigate Garibaldi che sessant’anni fa combatterono l’occupatore nazista e i collaborazionisti della Repubblica Sociale. Ebbene, tale simbolo è stato ritenuto dalla Procura della Repubblica un’offesa alla bandiera nazionale e oggi essa richiede il rinvio a giudizio del nostro associato, avvalendosi delle segnalazioni di “reato” giunte dagli agenti della Digos e dalla prova testimoniale del signor Franco Bandelli, esponente di Alleanza Nazionale e assessore del Comune di Trieste, che, come risulta dal verbale della Questura, transitando per caso nelle vicinanze del presidio, si avvicinava agli uomini delle forze dell’ordine presenti sul posto per chiedere insistentemente un intervento coattivo immediato al fine di rimuovere la bandiera.
Questa ennesimo episodio di repressione verso gli antifascisti a Trieste, e in particolare verso la nostra Associazione, supera probabilmente in gravità altri attacchi già subiti dalla nostra attività in difesa dei valori dell’antifascismo. Evidentemente vi è chi, nelle istituzioni, punta a mettere al bando l’espressione degli ideali della Resistenza partigiana; tutto ciò perdipiù accade in una repubblica che dovrebbe essere fondata sul ripudio del fascismo. Così, mentre sempre più spesso nella nostra città dobbiamo assistere a manifestazioni (vedasi ad esempio presso la foiba di Basovizza) di organizzazioni che si richiamano esplicitamente alla Rsi e al Terzo Reich e dunque all’esibizione, del tutto tollerata dalla magistratura e dalla polizia, di stendardi fascisti e nazisti, le bandiere simbolo della Liberazione vengono criminalizzate.
Diamo perciò la nostra solidarietà all’antifascista inquisito e ribadiamo la nostra volontà nel continuare a portare avanti la battaglia in nome degli ideali di giustizia, pace e eguaglianza che sentiamo peraltro pienamente rappresentati dalla bandiera delle Brigate Garibaldi. In particolare continuerà la nostra opposizione alla campagna politica e ideologica di equiparazione delle vittime del nazifascimo ai loro carnefici. Una campagna che ha nel monumento di Piazza Goldoni, ambiguamente dedicato alle “vittime dei regimi totalitari”, un suo degno (vista anche la bruttezza estetica) simbolo materiale.
La nostra Associazionesi muoverà con iniziative concrete in appoggio all’inquisito e in difesa della libertà di manifestare le idee e i valori della lotta partigiana. In particolare convocheremo nella giornata dell’udienza che deciderà sul rinvio a giudizio (10 Gennaio 2006) una manifestazione di protesta davanti al tribunale di Trieste.
Chiediamo pertanto ai movimenti, ai partiti, ai singoli che si riconoscono nei valori e negli ideali della lotta partigiana e della Resistenza al nazifascismo di prendere una chiara posizione su questa gravissima intimidazione giudiziaria e ad aiutarci nella battaglia di solidarietà con l’antifascista sotto processo, per dimostrare che la mobilitazione delle forze e dei cittadini democratici può ancora far da argine a questi tentativi di criminalizzare l’antifascismo e di riabilitare il fascismo.

TRIESTE, 26 SETTEMBRE 2005

Promemoria
Associazione per la difesa dei valori dell’antifascismo e dell’antinazismo
Društvo za zaščito vrednot protifašizma in protinacizma
e-mail: promemoriats@virgilio.it -

repressione
r_friuli


articolo precedente           articolo successivo