antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound
- A Treviso piazze e sale pubbliche vietate all’estrema destra
- Porto San Giorgio Letame e colla nella serratura. Lo sfregio a poche ore dall'incontro con i candidati di Casapound
- Cortei antifascisti in tutta Italia: a Milano studenti sul monumento di Garibaldi, a Roma segnalati 18 militanti di Forza Nuova
- Pisa Corteo contro Salvini, giornata di violenza: cariche della Polizia
- Torino Scontri al corteo antifascista contro CasaPound, manifestanti respinti con gli idranti
- Sala con la Boldrini: “Chiudere gruppi e movimenti fascisti”. De Magistris: “Chi aspettano Minniti e il governo?”
- Corteo dei centri sociali anti-Casapound, scontri a Napoli

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.09.15
Strage di San Giovanni in Fiore, 2 agosto 1925
·
Strage di San Giovanni in Fiore

Con il nome di strage di San Giovanni in Fiore viene ricordato un episodio omicida commesso il 2 agosto del 1925 a San Giovanni in Fiore paese in provincia di Cosenza. La strage fu effettuata da carabinieri della milizia dell'ordine fascista, sotto il comando dell'ispettore Valente.

Antefatto

Le vicende nazionali legate all'assassinio di Giacomo Matteotti, alle difficoltà del governo Mussolini, rinfoltirono i fronti di protesta delle opposizioni della comunità silana che culminarono in uno scontro tra fascisti da una parte e comunisti e socialisti dall'altra, avvenuto nel settembre del 1924[1]. A San Giovanni in Fiore il Partito Fascista non riuscì ad attecchire in maniera vigorosa come in altre parti d'Italia, e le operazioni delle opposizioni erano favorite da questa situazione, tant'è che San Giovanni in Fiore divenne ben presto punto di riferimento dei socialisti e dei comunisti della provincia di Cosenza e Crotone. Il Partito Fascista, attraverso la sezione provinciale, nel timore di poter vedere ricostruita la "roccaforte socialista", si apprestò ad operare opportune contromosse. Figure di primo piano della sezione provinciale del Partito Fascista furono inviata nel febbraio del 1925 nella cittadina silana per affrontare l'annosa questione delle "cooperative contadine" che rischiavano di sciogliersi, comportando gravi problemi di ordine pubblico.

La maggioranza si dimostrò molto debole in seno al consiglio comunale, disorientata ed incapace sul da farsi, costringendo il sindaco Romei a dimettersi dal proprio incarico. Venne nominato un commissario governativo, un certo Giovanni Rossi che si vide dinanzi la difficile situazione finanziaria delle casse comunali e propose l'istituzione di nuove tariffe daziarie sulla base che
« ...il mezzo più adatto e più tollerato dalla popolazione è il dazio consumo che non ha avuto finora alcuna applicazione in questo comune... »

spostando in questo modo il carico fiscale dal ceto proprietario alle classi popolari, soprattutto ai contadini che già non vivevano un periodo florido, anzi, gli scontri sui possedimenti di terra e il diritto di poter coltivarne un pezzo erano fatti all'ordine del giorno.
La vicenda

La risposta della popolazione non tardò, e dopo 9 giorni ci fu una contestazione contro il commissario Rossi. La sollevazione fu talmente veemente che il commissario fu costretto a lasciare il paese fuggendo.

La popolazione dopo la prima manifestazione non placò la sua ira, e il comandante locale della stazione dei carabinieri manifestò la preoccupazione di una grande rivolta di massa rivolgendosi direttamente ai suoi superiori provinciali. Questi si limitarono ad inviare a San Giovanni in Fiore un ufficiale con scarsa esperienza sul controllo delle pubbliche manifestazioni.

Il 2 agosto la città era praticamente pattugliata su tutti i fronti dai carabinieri locali. In giornata si mosse una enorme manifestazione spontanea popolare, alla quale parteciparono almeno 2.000 persone per protestare contro il dazio sul grano e contro gli stessi impiegati del comune accusati di assorbire la maggior parte delle risorse delle casse comunali. I carabinieri e la milizia fascista trovandosi spiazzati dall'enorme massa popolare, cominciarono a sparare sulla folla ad altezza uomo uccidendo cinque persone, fra cui una donna incinta al quinto mese, e ferendone 18, alcune in modo molto grave mentre una persona perse la vista[2].

La strage ottenne comunque l'effetto di impedire l'entrata in vigore delle tariffe daziarie.
Le vittime

L'elenco delle vittime[3]

Saverio Basile;
Marianna Mascaro;
Barbara Veltri;
Filomena Marra che portava un bimbo in grembo;
Antonia Silletta;

Il processo

Purtroppo come per tanti stragi avvenute in Italia, anche per la strage di San Giovanni in Fiore non ci furono ne processi ne tantomeno condanne. Il governo fascista ricevette la relazione fatta dell'ispettore Valente che affermava come la rivolta fosse stata organizzata da movimenti bolscevichi vicino agli organi di opposizione ed ostili al governo fascista. Pertanto non si era tenuti a procedere a nessuna forma di processo ne di ulteriore ispezione governativa.
L'ispettore Valente cercò anche di attenuare le colpe dei militari che spararono alla folla, sostenendo che i militari spararono per terra e i contadini furono colpiti solo da proiettili di rimbalzo.

Luogo San Giovanni in Fiore
Obiettivo socialisti, comunisti, agricoltori
Data 2 agosto 1925
Morti 5
Feriti 28
Responsabili squadre d'azione
Motivazione Rappresaglia verso una manifestazione di protesta

https://it.wikipedia.org/wiki/Strage_di_San_Giovanni_in_Fiore

materiali storici
r_calabria


articolo precedente           articolo successivo