antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
"Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”
- Il blitz degli skinhead a Como, il questore blocca la contromanifestazione di Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 1.09.15
Assalto fascista al parlamento di Kiev, morti e feriti
·
Abbiamo spesso avuto modo di scrivere quanto i fascisti costituiscano, nel nuovo regime ucraino scaturito dal golpe del febbraio 2014, tanto un elemento utile alla normalizzazione e alla repressione della dissidenza quando una spina nel fianco nei confronti di alcuni oligarchi e di alcuni settori, strumento di battaglia politica tra i vari potentati che si sono completamente impossessati della cosa pubblica e che si contendono le spoglie dello Stato.

L’ultimo e più recente esempio si è avuto oggi nella capitale Kiev, dove le ‘falangi’ di Settore Destro e di altre formazioni fasciste hanno determinato un improvviso innalzamento della tensione in contemporanea con il voto parlamentare sul cosiddetto ‘decentramento’ delle regioni orientali russofone dell’Ucraina.
Il provvedimento è passato alla Rada con 265 voti favorevoli (ne bastavano 226) e 87 contrari; a favore si sono espressi buona parte dei deputati della maggioranza parlamentare (formata dal "Blocco" di Petro Porosenko e dal "Fronte Popolare" di Oleksander Turchinov e Arsenj Yatsenyuk) oltre che quelli del Blocco di Opposizione (nato dalle spoglie del Partito delle Regioni ed espressione delle regioni russofone). Hanno votato contro o si sono astenuti i deputati di Bat’kivshina (Patria, il partito di Julia Timoshenko), gli ultranazionalisti del Partito Radicale di Oleg Liashko e di Samopomich, e vari fascisti sparsi in varie liste.
In base agli accordi di Minsk in cambio del cessate il fuoco con le repubbliche indipendentiste del Donbass il regime ucraino avrebbe dovuto varare rapidamente una riforma costituzionale che conceda ampi poteri di autogoverno ai territori in mano ai ribelli e anche ad altri attualmente sotto il controllo dei governativi. Ma in realtà, oltre agli ampi ritardi, la misura votata oggi a Kiev non rappresenta una riforma di tipo costituzionale come pattuito e garantisce una autonomia assai relativa. Nessuna concessione reale ai ‘separatisti’ quindi, nessun tradimento, ma un provvedimento di facciata utile a coprire la preparazione di una nuova offensiva militare in grande stile contro Donetsk e Lugansk che fino ad ora è sempre stata rimandata a causa di vari problemi oggettivi – Kiev è alla canna del gas e alla bancarotta economica e militare, nonostante i massicci aiuti della Nato – e delle pressioni di Russia, Francia e Germania.

Eppure tanto è bastato a scatenare un assalto da parte dei miliziani di un partitino fascista – Pravyi Sektor – che alle ultime elezioni ha preso percentuali irrisorie ma che continua in un modo o nell’altro ad occupare il centro della scena politico-militare, perseguito a fasi alterne dalle autorità ma inserito al tempo stesso nelle forze armate fin nei posti di massima responsabilità. A spalleggiare gli estremisti ‘eretici’ anche quelli più tradizionalisti di Svoboda e del Partito Radicale, scesi in piazza questa volta massicciamente mentre alcune decine di deputati bloccavano i lavori parlamentari al grido di slogan e canti nazionalisti, denunciando "la svendita del patrio suolo alla Russia". D'altronde l'estrema destra - sia dentro che fuori la rissosa maggioranza governativa - chiede una recrudescenza della repressione nei confronti delle opposizioni antigolpiste e delle popolazioni russofone animate da richieste autonomiste, e quindi l'inizio immediato di una guerra in grande stile, la messa fuori legge di tutte le forze politiche e dei sindacati "complici dei separatisti" ecc. Nulla che l'attuale regime non stia già facendo, anche se in modi e con tempi che non soddisfano del tutto i camerati ucraini.
Oggi gli scontri tra quelli che i media italiani hanno derubricato a “nazionalisti” e le forze di polizia sono stati tra i più cruenti dell’ultimo anno, parlando di zone in cui dovrebbe vigere la democrazia occidentale e la normale dialettica politica. Durante gli scontri – lacrimogeni e manganelli da una parte, bastoni, sassi, armi da fuoco e addirittura granate dall’altra – è rimasto ucciso un membro della Guardia Nazionale e varie decine di altri membri del corpo fondato subito dopo il golpe grazie alla legalizzazione da parte del nuovo regime sciovinista delle cosiddette ‘milizie di autodifesa’ di Maidan, composte per lo più da gruppi di estrema destra, fascisti e neonazisti. Di fatto si sono affrontati fascisti da una parte e fascisti dall’altra, e forse qualcosa è andato storto rispetto al copione prestabilito.
Questa volta infatti ci è scappato il morto, la recluta della Guardia Nazionale Igor Debrin, colpito al cuore da una scheggia. Secondo il sindaco di Kiev, l’ex campione di pugilato, pupillo di Angela Merkel e protagonista del golpe, Vitali Klitschko, i morti sarebbero addirittura tre (addirittura cinque secondo fonti di polizia poi smentite) mentre ci sarebbero vari feriti anche tra i giornalisti che documentavano lo scontro fratricida, compreso un cameraman. In tutto le vittime degli scontri e della bomba sarebbero 125, compreso un viceministro.

Anche se il Ministro degli Interni Arsen Avakov ha annunciato "arresti di massa" per ora il conteggio degli arrestati sembra assai ridotto vista l’entità e la violenza dell’assalto alla sede parlamentare: solo una trentina di fermati, tra i quali ci sarebbe anche il “lanciatore di granate”. Mentre Settore Destro accusa 'i servizi segreti russi' di essere dietro la provocazione pare che ad essere arrestato con l'accusa di aver provocato la strage sia stato Igor Gumenjuk, un miliziano del battaglione “Sich” formato da Svoboda nel giugno del 2014 e noto militante del partito di estrema destra. Ma per Oleg Tyagnibok, il leader del partito nazionalsocialista, il fatto che l'attentatore sia stato prontamente arrestato proverebbe in realtà che si è trattato di una "provocazione pianificata".


http://contropiano.org/internazionale/item/32578-assalto-fascista-al-parlamento-di-kiev-morti-e-feriti

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo