antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 22.07.15
"Ho dovuto nascondere mia figlia africana in macchina per proteggerla dai manifestanti anti-profughi a Verona"
·
Bloccata dalla manifestazione contro i profughi a Verona, una donna racconta di aver preso una decisione dolorosa per proteggere la figlia africana: poiché doveva passare in macchina davanti al presidio di Forza Nuova e della Lega Nord organizzato il 20 luglio nella periferia di Avesa, ha chiesto alla bambina di stendersi sul sedile per nascondersi.

La protagonista di questa vicenda si chiama Sara Gamberini, 44 anni, collaboratrice di alcune case editrici per la valutazione dei manoscritti inediti. Sara ha una bimba, Mariam, 9 anni, che ha ubbidito alla sua richiesta ma con un dubbio: "Mamma, mi nascondi perché sono africana?".

Gamberini ha inviato il suo sfogo all'Huffington Post:
Ho una casa vicino al bosco, a Verona, esattamente ad Avesa nei pressi di Costagrande, tenuta dove sono ospitati da qualche mese duecento profughi, per lo più africani.
I residenti, non capisco estenuati da cosa – in questi mesi ho solo visto gruppi di persone salire e scendere a piedi e in silenzio i tornanti che li separano da Verona (non ci sono mezzi di trasporto che raggiungono Costagrande) - hanno chiesto l’intervento di Forza Nuova per fronteggiare una situazione insostenibile.

Di insostenibile in questi mesi non ho notato niente, se non vederli fare a piedi chilometri in salita sotto il caldo padano. Insostenibile almeno per il mio cuore. Credo che la situazione si sia resa per loro intollerabile quando i profughi si sono permessi di protestare, denunciando di convivere con serpenti e scorpioni e in condizioni disagiate. Posso confermare che la zona, trovandosi a ridosso di un bosco, è abitata da vipere.
Mesi fa mi aveva fermato una vicina di casa, mettendomi al corrente che avremmo avuto come vicini di casa duecento profughi africani. Ho risposto con un sorriso, ho aggiunto che mi stava dando una notizia magnifica. La mia vicina è rimasta in silenzio e ho realizzato nuovamente, ne faccio esperienza quotidiana, che il mio mondo si trova su un pianeta a parte.
Lunedì 20 luglio un gruppo di Forza Nuova – pare ci fossero anche leghisti e sostenitori del Christus Rex - si sono trovati a protestare davanti a casa mia. Già dal pomeriggio avevo notato un via vai di polizia e giornalisti ma non mi ero fatta nessuna domanda, forse per il caldo, per l’assuefazione ai deliri collettivi veronesi dove si ingigantiscono fatti irrilevanti per fare notizia. In pochi minuti sono arrivati i cellulari della polizia e hanno sbarrato la strada. Un meraviglioso “negri di merda” ha reso la situazione improvvisamente chiara.
Un blocco di poliziotti e urlatori razzisti chiudeva la strada che porta a Montecchio, un altro la via per Verona, la mia casa stava giusto in mezzo a questi due sbarramenti. Gridavano “Servi, negri di merda, rimpatrio, sgombero, dobbiamo difendere le nostre figlie e le nostre sorelle” e “Italia”, perché un po’ di retorica patriottica ottiene sempre un effetto di buonismo, di orgoglio, di giustificazione della rabbia cieca. “Negri di merda” e “Italia” sono le due facce di queste persone. Tradizionalisti, violenti, ottusi e con un bisogno incomprensibile, psicotico, di proteggersi, di isolare, circoscrivere.
Desideravo andarmene, sono una persona combattiva, il mio ex marito è africano, mia figlia è italo africana e so che avrei potuto trascendere. Inoltre avvertivo che il grado di violenza stava diventando troppo alto. Ho chiesto informazioni alla polizia, ne abbiamo ricevute poche, abbiamo allora deciso di prendere la macchina per tentare di allontanarci. La polizia non ci ha fatto passare, alcuni giornalisti insistevano invece affinché ci allontanassimo al più presto.
Ho lasciato Mariam a casa e sono rimasta al cancello per cercare di capire cosa fosse meglio fare. Ho spiegato a mia figlia cosa stava accadendo, Mariam si è fatta silenziosa e ha saputo aspettare. Le ho chiesto se avesse paura, mi ha risposto “un po”. Immaginavo di uscire da quella follia con Mariam seduta di fianco a me, avevo voglia di guardarli, che ci vedessero.
Ho chiesto a un poliziotto di aiutarmi perché me ne volevo andare, gli ho spiegato che mia figlia è africana e ho chiesto consiglio. Mi ha risposto che non spettava a lui prendere una decisione, che di persone pessime come quelle ne avremmo incontrate molte anche per strada a Verona.
Però il suo linguaggio del corpo e un cenno di capo mi hanno fatto capire che avrei fatto bene a proteggerla. Prendere la decisione di farla sdraiare sul sedile della macchina è stato molto difficile per me. Non la dimenticherò per molto tempo. Non mi tiro mai indietro quando è il caso di protestare, di difendere qualcuno, soprattutto quando si tratta di diritti. Il fatto che io abbia deciso di nasconderla, per chi mi conosce, dice tutto. Ho spiegato a Mariam che avrebbe dovuto sdraiarsi velocemente e l’ho pregata di non alzare la testa per nessun motivo.
Mi ha chiesto se la nascondessi perché è africana. Del resto Mariam ha ricevuto in tenera età il suo battesimo leghista, proprio alla scuola materna di Avesa, dove alcuni compagni più grandi l’hanno accolta il primo giorno di scuola salutandola con un: “ È arrivata la negra”.
La polizia ci ha aperto finalmente un varco e siamo passati. Ho guardato le facce di queste persone a tal punto smaniose di proteggersi e proteggere da essere pronte a uccidere. Avevano delle espressioni che definirò particolari. Chissà cosa c’è di intoccabile in loro, di così spaventoso da costringerli a ridursi come bestie.
Lungo la strada abbiamo incontrato uno degli occupanti di Costagrande, un nigeriano, lo abbiamo fermato, gli abbiamo sconsigliato di proseguire e lo abbiamo accompagnato a Verona. Mi chiedo dove avrà dormito.
Mariam stamattina era silenziosa. Gli africani nei momenti critici usano stare in silenzio per ritrovare un centro. Ciò che viene preso da noi occidentali per lentezza. Le ho spiegato che avrei scritto un pezzo su ciò che era accaduto ieri e si è fatta di nuovo allegra, ha ripreso a parlare, dice che così avranno un po’ di paura anche loro. Aggiunge che poi comunque ieri c’era un bellissimo cielo di stelle. Riporto le sue frasi non certo per scadere nella retorica dell’orgoglio di mamma di fronte alla figlia saggia e prodigio ma perché mi sembra corretto dare voce a lei, più che a chiunque altro.


http://www.huffingtonpost.it/2015/07/21/mamma-nasconde-figlia-macchina_n_7841166.html?utm_hp_ref=italy

lettere
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo