antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound
- A Treviso piazze e sale pubbliche vietate all’estrema destra
- Porto San Giorgio Letame e colla nella serratura. Lo sfregio a poche ore dall'incontro con i candidati di Casapound
- Cortei antifascisti in tutta Italia: a Milano studenti sul monumento di Garibaldi, a Roma segnalati 18 militanti di Forza Nuova
- Pisa Corteo contro Salvini, giornata di violenza: cariche della Polizia
- Torino Scontri al corteo antifascista contro CasaPound, manifestanti respinti con gli idranti
- Sala con la Boldrini: “Chiudere gruppi e movimenti fascisti”. De Magistris: “Chi aspettano Minniti e il governo?”
- Corteo dei centri sociali anti-Casapound, scontri a Napoli
- Venezia, presidio antifascista contro il comizio di Forza Nuova Centinaia di manifestanti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 3.06.15
‘Nazirock non si può dire’, Claudio Lazzaro costretto a pagare il cantante neofascista
·
L'autore del documentario del 2008 dovrà versare 15mila euro (più 8-9mila di spese) a Guerzoni, cantante dei "legittima offesa": "Noi white criminal, ma niente etichette"

Più informazioni su: Documentario, Forza Nuova, Nazismo, Revisionismo Storico

Claudio Lazzaro ha l’aria di non aver ancora capito bene, “i tempi – ripete – sono cambiati”. Non se l’aspettava. “Io quel film l’ho fatto innanzitutto per capire, l’ho fatto parlare. E poi, certo, volevo contrastare lo sdoganamento della destra estrema che c’era stato nel 2005, con Berlusconi sullo stesso palco di Romagnoli della Fiamma Tricolore”, racconta Lazzaro, giornalista di lungo corso, ex Europeo, ex Corriere della Sera, inviato di guerra nei Balcani e poi filmaker. Non proprio un estremista, tutt’altro che militante.

Era il 2008. E sette anni dopo Lazzaro, con la sua società che produsse il documentario Nazirock, edito da Feltrinelli, è stato condannato a pagare 15mila euro, più otto-novemila di spese, in favore di Luigi detto Gigi Guerzoni, il 40enne cantante e frontman bolognese dei Legittima offesa che canta per gli “eroi” di Salò, si dichiara apertamente “revisionista” sullo sterminio degli ebrei e tutto sommato, pur rigettando le etichette, non disdegna i richiami al “nazionalsocialismo”. Lo dice anche nell’intervista concessa a Lazzaro, finita in parte nel documentario e offerta in versione integrale agli acquirenti del dvd.
Pubblicità

Un estremista vero, Gigi Guerzoni, già dirigente in erba di Forza nuova, con un bel curriculum di denunce rimediate da giovane per porto abusivo d’armi improprie e resistenza a pubblico ufficiale e una condanna in primo grado e in appello per un pestaggio avvenuto proprio nel novembre 2008 nella cuore della sua Bologna. Insieme a tre amici estremisti come lui, a quanto pare tutti ubriachi, concluse una festa di compleanno nel loro locale di riferimento in piazza della Mercanzia, sotto le Due Torri, picchiando uno studente calabrese reo di aver reagito ai primi insulti dei neri evocando i partigiani: fratturati setto nasale e mascella. Guerzoni ha preso tre anni e quattro mesi, aspetta la Cassazione.

Di Nazirock era uno dei protagonisti, Gigi. Con i leader di Forza Nuova, Luca Romagnoli della Fiamma, altre band dell’ultradestra e vecchie conoscenze come Andrea Insabato che fece l’attentato al manifesto nel 2000 e l’ex Nar Luigi Ciavardini, condannato per la strage alla stazione di Bologna nonostante i molti dubbi sul processo e le campagne innocentiste che superavano gli angusti confini della destra radicale. “Chi tocca un camerata pericolo di morte, se già ci conoscete è perché le avete prese, siamo gli squadristi della curva bolognese”, cantano i Legittima offesa. Nell’intervista a Lazzaro, concessa liberamente per poi non firmare la liberatoria, Guerzoni parla di “rock nazionalista, circuito skinhead, white power”; spiega “Onore e gloria” per Salò; dice che le etichette non gli piacciono ma se proprio deve darsene una preferisce “white criminals” a “white power”, “nazional socialismo” a “nazirock” e “naziskin” che per lui sono termini che non esistono, “inventati dai giornalisti”. Nazirock lo inventò Valerio Marchi, sociologo, era il titolo di un libro uscito nel ‘97 per Castelvecchi.

La sentenza esecutiva di primo grado, emessa dalla sezione specializzata per la proprietà industriale del Tribunale di Roma, presidente Tommaso Marvasi e giudici Marzia Cruciani e Paolo Catallozzi (estensore), dice che il documentario “si presenta lesivo dell’onore e della reputazione” di Guerzoni “in quanto induce il pubblico a ritenere che si faccia portatore di idee violente, antidemocratiche e non rispetose degli altri”. Che appartenesse a Forza Nuova, dove era responsabile per i giovani, interessa poco ai giudici. Il “pensiero fascista” non c’entra.

Anzi Forza Nuova “non sembra conformarsi ad una determinata corrente di pensiero ideologico – scrivono i giudici – avendo optato per un rifiuto delle categorie storiche di destra e di sinistra”. Poco importa che fascismo e neofascismo si siano dichiarati mille volte al di là della destra e della sinistra, da Bombacci a Pino Rauti e a Terza Posizione. Il risarcimento è dovuto per la “gravità dell’offesa” e per i concerti che la band avrebbe perso a causa di Nazirock. “Balle – replica Lazzaro –, ne hanno fatti moltissimi di concerti. E io ho subito intimidazioni, certo non so da chi. Appena apro un sito internet me lo distruiggono. Ho avuto altre cinque cause, le ho vinte tutte. E il film non è mai arrivato nei cinema, né alle tv generaliste. Solo Sky”.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/02/nazirock-non-si-puo-dire-claudio-lazzaro-costretto-a-pagare-il-cantante-neofascista/1735950/

repressione
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo