antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
"Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”
- Il blitz degli skinhead a Como, il questore blocca la contromanifestazione di Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 12.04.15
Cremona, 7 compagni arrestati! L'antifascismo non si arresta In primo piano
·
Questa mattina all'alba sono stati tratti in arresto sette militanti del CSA Dordoni e nove fascisti di CasaPound, questi ultimi protagonisti dell'aggressione del 18 gennaio ai danni del centro sociale cremonese.
Di seguito il comunicato dei compagni e delle compagne del CSA Dordoni.

Questa mattina, venerdì 10 aprile, sono stati tratti in arresto 2 compagni, Are e Alberto, che si trovano attualmente al carcere Ca' del Ferro di Cremona, e 5 compagni, Gian, Jonny, Pippo, Roma ed Emilio, che si trovano invece ai domiciliari, in merito all'aggressione fascista subita domenica 18 gennaio scorso, di fronte alla sede del C.S.A. Dordoni, nella quale lo stesso Emilio è rimasto gravemente ferito, rischiando di perdere la vita. Insieme ai nostri compagni sono stati posti in custodia anche vari esponenti di CasaPound, con accuse che vano dalla rissa al concorso in tentato omicidio.
"Il Dordoni ha organizzato l'agguato. Casa Pound ha poi oltrepassato il limite della legittima difesa": questa la fantasiosa ricostruzione dei fatti del questore Rossetto, un primo spunto dal quale comprendiamo la politicità dei provvedimenti posti in atto questa mattina nei confronti dei compagni del centro sociale che nel pomeriggio del 18 gennaio, dopo il derby Cremonese-Mantova, sono stati provocati e vigliaccamente aggrediti da una squadraccia di fascisti, sia cremonesi che loro camerati di altre città, assolutamente slegati dal tifo locale.
Durante la colluttazione Emilio è caduto sotto i colpi dei militanti di CasaPound, che si sono selvaggiamente accaniti su di lui, lasciandolo in fin di vita. Nonostante ciò, a tre mesi di distanza dai fatti, la questura pone sullo stesso piano aggressori e aggrediti, criminalizzando chi ha la sola colpa di essersi difeso e aver evitato il peggio.
Sin dall'apertura della sede di CasaPound ne denunciamo la pericolosità e nonostante i nostri continui richiami alle autorità locali e alle varie e reiterate provocazioni squadriste non è stato mosso un dito contro queste canaglie (basti pensare alle prevedibili menzogne del questore stesso che dopo i gravissimi fatti del 18 gennaio aveva dichiarato i locali che ospitano CasaPound chiusi e in vendita).
Non ci stupisce che chi con i fascisti è connivente e permette agibilità ad azioni squadriste simili abbia adottato quest'oggi delle misure che non esitiamo a definire "cilene" per reprimere compagni che da anni sono impegnati nelle lotte sociali, sia sul territorio cittadino che nazionale, con l'espressa volontà di impedirne la partecipazione a ricorrenze come il 25 aprile o mobilitazioni come il NoExpo di maggio.
Da qui emerge in modo chiaro e netto la posizione eminentemente politica che stanno svolgendo oggi la procura e la prefettura di Cremona, che con un accanimento senza precedenti tentano di reprimere le lotte, colpendone in modo scientifico gli animatori: perciò vogliamo il termine immediato delle misure cautelari e la liberazione istantanea di tutti i compagni.

Questa repressione non basta a fermare la nostra progettualità politica e i nostri percorsi di lotta!

L'antifascismo non si processa!

Ad Are, Alberto, Gian, Jonny, Pippo, Roma ed Emilio la nostra piena vicinanza e solidarietà:
liberi tutti, liberi subito!

Le compagne ed i compagni

Per scrivere ai compagni attualmente in carcere i recapiti sono:

Michele Arena, Casa circondariale 'Ca del Ferro', via Palosca 2, Cremona

Alberto Birzi, Casa circondariale 'Ca del Ferro', via Palosca 2, Cremona

La solidarietà è un'arma, usiamola!

http://www.infoaut.org/index.php/blog/antifascismoanuove-destre/item/14378-cremona-7-compagni-arrestati-lantifascismo-non-si-arresta

repressione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo