antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 16.03.15
“Vi racconto mia madre l’eroina bianca uccisa a Selma per difendere i deboli”
·
SELMA. L’OMBRA di quel sangue non sparisce. Per chi arriva al miglio 111 dell’autostrada East 80, è impossibile non avvertirne il peso. Il 25 marzo di cinquant’anni fa, nel silenzio di questa campagna tra Selma e Montgomery, risuonarono i colpi di un’arma da fuoco. Poi, le grida di una giovane donna. Solo cinque ore prima, tolte le scarpe per dar sollievo ai piedi doloranti, Viola Liuzzo marciava insieme alle 25 mila persone arrivate in Alabama da tutti gli Stati Uniti per difendere il diritto al voto degli afroamericani. Oggi una lastra di marmo racconta ai viandanti la storia dell’unica donna bianca martire del Movimento per i diritti civili, assassinata dal Ku Klux Klan.
«Da quando era partita, mamma chiamava a casa ogni sera. Telefonò anche il giorno in cui la uccisero». Mary Liuzzo Lilleboe, 67 anni, stringe tra le mani il medaglione con la foto della madre, mentre si incammina verso la collinetta che ne custodisce la memoria. Con lei i fratelli Tony, Sally e Penny. Ad attenderli decine di persone che hanno voluto onorare questa eroina, nel mese in cui l’America ricorda le tre marce da Selma a Montgomery. C’è anche Tara Ochs, l’attrice che ha interpretato Viola nel film “Selma — La strada per la libertà” diretto da Ava DuVernay.
Trentanove anni, cinque figli e un marito italoamericano — Anthony James Liuzzo — molto innamorato. Cosa c’entrava lei, casalinga a Detroit, con la battaglia dei neri in Alabama?
«Mia madre conosceva bene il Sud e la discriminazione. Aveva trascorso un’infanzia povera in Tennessee ma diceva che i patimenti subiti erano nulla se confrontati alle umiliazioni inflitte ai neri. Il 7 marzo, che passò alla storia come Bloody Sunday, vide in tv le immagini dei manifestanti brutalmente aggrediti dalla polizia mentre marciavano pacificamente sul ponte Edmund Pettus. Quando Martin Luther King esortò tutti gli americani ad unirsi alla lotta, capì che era giusto andare. Lei era così: se vedeva qualcosa di sbagliato, agiva.
Affrontò da sola oltre 1300 km. Quale fu la vostra reazione?
«Papà era sconvolto, ma non tentò neppure di fermarla: sapeva che non ci sarebbe riuscito. Si amavano ma erano molto diversi. Lei era una donna libera e indipendente, lui proveniva da una famiglia conservatrice di origini calabresi».
Non solo per gli italiani, Viola rompeva gli schemi anche per gli americani.
«Erano tempi in cui le donne per bene stavano a casa. Dopo la sua morte, molti criticarono la scelta di lasciare marito e figli per combattere una battaglia considerata non sua».
E invece fu importante per il Movimento. Cosa fece a Selma?
«Avendo studiato da infermiera, fu in prima linea durante l’ultima marcia. Lavorò anche alla “segreteria” di coordinamento, allestita alla Brown Chapel, la chiesa diventata quartier generare. Si offrì, poi, di fa- re da spola accompagnando i manifestanti al termine delle proteste».
Avere una macchina fu la sua condanna…
«Sapeva che stava correndo rischi enormi. Ma quella sera, quando ci chiamò, era entusiasta. Sarebbe tornata il giorno dopo. A mezzanotte il telefono squillò di nuovo. Ci dissero che aveva avuto un incidente ed era morta. In realtà, fu uccisa mentre si trovava in macchina insieme a un giovane attivista nero, Leroy Moton. A metà strada tra Selma e Montgomery, furono accostati da un’auto dalla quale partirono almeno due colpi mortali. Leroy riuscì salvarsi perché lo credettero morto».
Chi volle la sua morte?
«A bordo c’erano quattro uomini, tre membri del Ku Klux Klan e un informatore dell’Fbi. Lei rappresentava tutto ciò che i razzisti odiavano: una donna bianca che appoggiava le battaglie dei neri. L’iter processuale fu un calvario per noi e si concluse con condanne minime che non fecero giustizia. Mia madre fu uccisa due volte: prima dal KKK e poi dalle bugie dell’Fbi che volle attaccare lei per fermare Martin Luther King e il Movimento ».
Contro di lei si scatenò la macchina del fango.
«I dossier lasciarono intendere che Selma fosse una grande orgia e che le donne bianche cercassero solo avventure con i neri. Ricevemmo lettere e telefonate cariche di odio, il Klan bruciò croci davanti casa. L’Fbi inviò ai giornali foto di mia madre morta e nuda. Insinuarono che quella sera era seduta troppo vicino al ragazzo nero e che aveva usato droghe».
E voi non avete mai avuto dubbi sull’integrità di sua madre?
«Mai. Dopo anni, infatti, tutte le accuse si sono rivelate false. È impossibile spiegare la forza dell’odio che ci hanno buttato addosso. Soprattutto i fratelli più piccoli, Tony e Tommy, hanno vissuto anni difficili, alla ricerca esasperata di prove che vendicassero mamma».
E lei?
«Mi sono chiusa nel silenzio. Poi, dopo vent’anni, ho ritrovato mia madre — e anche me stessa — grazie al progetto della regista italoamericana Paola Di Florio, che ha raccontato in un docufilm, Home of the Brave, il mio viaggio al Sud per ricostruire la sua memoria».
Oggi come è ricordata Viola?
«Come una donna che sacrificò la sua vita alla causa in cui credeva, il cui martirio fu determinante per la firma del Voting Rights Act, il 6 agosto del 1965».
Ha mai pensato a come sarebbe stata la vostra vita se sua madre non avesse risposto all’appello di Martin Luther King?
«Sì. Ma ogni volta che mi avvolge la tristezza, ho davanti agli occhi l’immagine di King, il giorno del funerale. Prima di andare via disse a Tony: “Ora sei piccolo, ma un giorno capirai quello che ha fatto tua madre”. Oggi, quando vedo il presidente Obama, capisco quanto avesse ragione».

http://www.micciacorta.it/2015/03/vi-racconto-mia-madre-leroina-bianca-uccisa-a-selma-per-difendere-i-deboli/

documentazione
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo