antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.03.15
Skinhead, ex Msi, antisionisti: le amicizie nere dei duellanti della Lega
·
Salvini ha arruolato CasaPound. Ma Tosi lo ha preceduto nel circondarsi di estremisti di destra

MILANO - La Lega Nera li fa e poi (non) li accoppia. Salvini e Tosi. Fratelli coltelli. Con un debole in comune: l'estrema destra. Xenofoba, razzista, antisemita, nazionalista. Sdoganata da Flavio e Matteo con tempi e modi diversi. E atterrata sul Carroccio. Se è vero che Salvini ha imbarcato CasaPound e schiacciando con la sua nuova Lega fasciolepenista l'avversario Tosi, è anche vero che le truppe del "moderato" sindaco di Verona non sono proprio composte da boy scout. O soltanto da "sinceri democratici". Al contrario. In anticipo sui tempi della Lega Nord il borgomastro scaligero i fascisti li ha coccolati, sostenuti. Ci ha marciato insieme e li ha presi per mano dopo il loro lungo apprendistato nel serbatoio del Veneto Fronte Skinhead - destra intollerante, odio ultrà, crociate anti immigrati, concerti nazirock - e delle bande nere legate al Msi. Poi, in cambio di voti, ha provato a renderli (quasi) presentabili. Fino a portarli nelle istituzioni. Scavando appena un po' sotto la superficie, si scoprono nomi che, come minimo, fanno il paio con i camerati accolti da Salvini in Piazza del Popolo.

Chi sono gli amici "neri" dei due figli illegittimi della Lega, il partito che un tempo, con il fondatore Umberto Bossi, diceva che i "porci fascisti elettori di An bisogna andare a prenderli casa per casa" (per questa frase il Senatùr fu condannato nel '98)? Eccoli. Da Verona a Milano. A braccetto con Tosi ("è uno stronzo, ha portato i fascisti nella Lega", sempre Bossi) e Salvini. Cortei. Convegni. Rimpatriate. Foto ricordo. Gli "unti" da Tosi: Piero Puschiavo, 50 anni, da Vicenza. Oggi imprenditore, arrestato nel '94 per propaganda razzista, fondatore del Fronte (Vfs) e tra i leader delle teste rasate italiane (prima Msi poi Fiamma, da cui è stato espulso). Scoppia la scintilla con la Liga veneta. Il 6 ottobre 2013 a Mantova Puschiavo è alla presentazione della Fondazione Ricostruiamo il Paese di Flavio Tosi. All'assemblea di "Progetto Nazionale", di cui Puschiavo è presidente, il 25 gennaio 2014 Puschiavo e Tosi raggiungono l'accordo: pieno appoggio alla Fondazione del sindaco da parte del nuovo contenitore della Verona nera. Il segretario della Liga, a differenza di Salvini, è di destra per cultura, origine, ideali. Salvini no, vuole aggregare i movimenti, li cerca, li corteggia tutti. Anche quelli fascisti. Tosi ha sempre seminato il campo dell'estrema destra, ha letto i libri di Pino Rauti. Uomo d'ordine, odia il folklore che Salvini raccatta e rimescola in un frullato dove offre il pass ai neri cresciuti a pane, cinghiate e Mussolini e intanto dialoga coi neomarxisti come il suo filosofo Diego Fusaro e si dichiara No Tav e insieme pro Forconi meridionali. Salvini scopre i fasci. Tosi ce li ha nel sangue. Altro camerata tosiano: Andrea Miglioranzi. Coordinatore di quella lista Civica per Verona (vecchi arnesi missini, destra di strada, Casapound, ex skinhead) che permette a Tosi di stravincere due volte.

A metà anni '90 Miglioranzi, anche lui esponente del Vfs, anche lui dirigente di Progetto Nazionale insieme a Massimo Piubello (capogruppo lista Tosi in consiglio comunale), è uno dei primi a finire "dentro": istigazione all'odio razziale. Come il leader romano di Casapound Gianluca Iannone, ha il pallino per il white power rock e coi "Gesta bellica" per anni ha deliziato le platee neofasciste del Nordest con brani come "Il capitano", dedicato all'ex capitano delle SS Erich Priebke, "8 settembre" ("Io sono camicia nera: la mia patria è la mia bandiera") e testi antisemiti e xenofobi come "Tu, ebreo maledetto, giudeo senza patria" o "Furti, droga, musi neri, tutto questo non mi va: Potere bianco, sola possibilità". Do- po l'insediamento, Tosi ha la non geniale idea di nominare il cantore del Terzo Reich nell'Istituto storico della Resistenza. Oggi Miglioranzi non siede più nel consiglio comunale ma è presidente di Amia, l'Azienda municipale di igiene ambientale. Una poltrona Tosi non la nega a nessuno. Per l'avvocato Roberto Bussinello, già dirigente di Forza Nuova, uno che quando muore Priebke posta su fb un "Capitano ora sei per sempre con i tuoi guerrieri nei Campi Elisi", arriva la nomina nell'organismo di vigilanza dell'Azienda comunale dell'energia elettrica e gas. Tutto si tiene nella nuova Lega nero-verde agitata dal duello Salvini-Tosi. Non sorprende che i camerati di CasaPound siano accolti a brac- cia aperte anche dal primo cittadino di Verona. L'altra sponda, in Veneto come in Lombardia, è Progetto Nazionale. Vi hanno aderito anche Pasquale Guaglianone, ex cassiere dei Nar, milanese, affermato commercialista indagato nel 2012 dalla Dia di Reggio Calabria per lo scandalo del Carroccio e gli investimenti in Tanzania. E poi il suo delfino, Domenico Magnetta. Chi è costui? Ex Avanguardia nazionale, un passato di rapine e eversione, amico e complice (di fuga) del boss di Mafia Capitale e ex terrorista Massimo Carminati, oggi Magnetta conduce una trasmissione a Radio Padania Libera. Dà voce a commercianti "strozzati" da fisco e Equitalia. E spesso esonda anche sui migranti.

Altri fascisti sedotti dalla Lega lepenista salviniana. Roberto Jonghi Lavarini. Tra i fondatori di Cuore Nero, oggi è l'anima del Progetto Grande Milano. Che aderisce a Progetto Nazionale. Soprannominato "Il Barone Nero", l'Unione delle comunità ebraiche italiane l'ha denunciato per le sue recenti dichiarazioni antisemite a Le Iene . Eccolo, Lavarini. Anche lui in posa. Prima con Salvini in maglietta bianca "stop invasione ". Poi con Tosi in camicia nera. Bipartisan. O forse no.

http://www.repubblica.it/politica/2015/03/05/news/lega_neofascisti-108792001/

documentazione
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo