antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 22.01.15
24 gennaio MANIFESTAZIONE NAZIONALE ANTIFASCISTA a Cremona!
·
Emilio, un compagno di tante lotte e tante battaglie, è ancora in ospedale in prognosi riservata (qui gli ultimi aggiornamenti http://www.infoaut.org/index.php/blog/antifascismoanuove-destre/item/13728-#emilioresisti-aggiornamenti-da-cremona-sulle-condizioni-di-emilio) a causa di un assalto squadrista al centro sociale Dordoni di Cremona.

L'attacco premeditato e scientificamente organizzato dai fascisti di CasaPound cremonesi, in combutta con altri militanti di estrema destra provenienti da fuori città, ha trovato una risposta determinata da parte dei compagni presenti nel centro sociale, ma purtroppo Emilio è stato colpito alla testa da diverse sprangate.

I fascisti si sono accaniti sopra ad Emilio fino a quando è stato portato in sicurezza all'interno del centro sociale; è stata, tuttavia, immediatamente chiara la gravità del suo stato di salute.

Infame è stato il comportamento della polizia che ha semplicemente identificato gli assaltatori e successivamente, per permettere loro di andarsene indisturbati, ha violentemente caricato il presidio di antifascist* radunatesi sul posto.

Tantissime città italiane ed europee si sono mobilitate in questi giorni per esprimere totale vicinanza e solidarietà con Emilio ( http://www.infoaut.org/index.php/blog/prima-pagina/item/13723-#emilioresisti-un-19-gennaio-antifa-in-tutta-italia ), lanciando il corteo nazionale antifascista di sabato 24 gennaio a Cremona

Contro squadristi, polizia e istituzioni conniventi:

SABATO 24 GENNAIO CORTEO NAZIONALE ANTIFASCISTA, determinato, autodifeso e militante con la parola d'ordine: chiudere subito tutte le sedi fasciste!

CONCENTRAMENTO ORE 15.00 davanti al CSA DORDONI (via Mantova 7/A, ex foto Boario, parcheggio dello stadio)

Qui info e contatti per raggiungere Cremona per la manifestazione antifascista del 24 gennaio:
( http://www.infoaut.org/index.php/blog/antifascismoanuove-destre/item/13725-#emilioresisti-pullman-da-tutta-italia-verso-cremona )

#EmilioResisti

https://www.facebook.com/events/336014806602520/





#EmilioResisti!

Un 19 gennaio antifa in tutta Italia In primo piano

Giornata di risposta immediata in tutta Italia, quella di ieri, nei confronti della provocazione fascista di domenica nei confronti del CSA Dordoni. Mentre si rincorrevano le notizie sullo stato di salute di Emilio, con la rabbia nel cuore tanti presidi si sono formati nel tardo pomeriggio rispondendo all'appello dell'assemblea tenutasi la sera stessa dell'aggressione al CSA. Da Torino a Roma, da Bologna a Brescia, si è rilanciata la solidarietà contro ogni fascismo e aperta la mobilitazione verso la giornata di lotta antifascista del 24 gennaio prossimo a Cremona.

Oltre alla denuncia dell'infamia di CasaPound, obiettivi delle tante manifestazioni di ieri era stato anche sottolineare le connivenze di questi con la polizia, che ne permette l'agibilità politica, e soprattutto evidenziare le strette relazioni che l'opzione della nuova Lega di Salvini in salsa lepenista tiene con questi soggetti capaci solamente di recitare il ruolo di servi armati del potere, alla caccia di qualche appoggio nei palazzi.

Intanto arrivavano i primi gesti di solidarietà, come quello dei 99 Posse che suoneranno al Dordoni il 29 gennaio per sostenere lo sforzo dei compagni e delle compagne di Cremona. Il Dordoni ieri è stato promotore di un primo momento di agitazione cittadina, con un presidio cittadino trasformatosi in corteo dove più di 300 persone che ha saputo comunicare la rabbia per quanto successo, iniziando a smontare le teorie vergognose che narrano l'accaduto come di uno “scontro tra ultras” o tra “teste calde” e andando a chiedere conto all'amministrazione cittadina, mai critica nei confronti della presenza fascista in città, delle sue responsabilità in quanto accaduto.

Ma tante altre città hanno effettuato momenti di comunicazione verso il 24 gennaio e al grido di “Emilio Resisti!”. A Torino il presidio convocato a Palazzo Nuovo si è poi mosso per le vie del centro, andando a sanzionare la Prefettura (simbolo della connivenza tra fascisti e polizia anche nell'aggressione di sabato, dove le forze dell'ordine hanno di fatto permesso la fuga ai fascisti) e concludendosi poi in piazza Castello. A Brescia il corteo cittadino chiamato dal Magazzino47 ha attraversato i luoghi più centrali e simbolo della tragica storia fascista italiana come Piazza della Loggia, concludendosi poi nel quartiere del Carmine.

A Bologna il corteo partito da piazza Verdi ha visto diverse centinaia di persone riprendersi le vie del centro effettuando blocchi stradali in serie, e abbellendo i muri con scritte e attacchinaggi di massa di materiale antifascista e di rilancio alla giornata di manifestazione di sabato. Anche a Modena e Pisa ci sono stati presidi solidali, con la città emiliana che ha visto un breve corteo muoversi per le vie del centro e quella toscana effettuare un presidio in Logge dei Banchi. Stesso scenario a Roma, dove il presidio di piazzale Tiburtino si è evoluto con blocchi della circolazione, ha poi attraversato San Lorenzo e ha impostato la sua comunicazione politica soprattutto nell'opposizione alla marcia fascio-leghista di Salvini e CasaPound prevista per fine febbraio nella Capitale. Altri momenti di solidarietà ci sono stati in città come Bergamo, Cosenza, Livorno, Mantova, Viareggio.

Significativa la scelta di annullare a Livorno il corteo per la commemorazione della nascita del Partito Comunista d'Italia, prevista per sabato 24, per poter partecipare alla manifestazione di Cremona. Il consueto appuntamento, che rinnova l'identità comunista nella città labronica, tende quest'anno un filo di continuità storica ideale "dal Goldoni al Dordoni".

Una serie composita di iniziative tutte convergenti verso la manifestazione del 24 gennaio, per un corteo nazionale antifascista, determinato, autodifeso e militante con una parola d'ordine: chiudere subito tutte le sedi fasciste! Nuove iniziative sono già state annunciate per oggi in solidarietà ai compagni, ad esempio a Cagliari, Cuneo e Viareggio, domani a Roma, Parma, Milano, Giovedì a Bari e Bergamo, verso una manifestazione nazionale che si annuncia partecipatissima e a cui speriamo si possa arrivare con notizie ancora migliori sullo stato di salute di Emilio, di cui trovate un breve aggiornamento qui.

manifestazioni antifa
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo