antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 27.11.14
Si chiama Marine Turchi Il mastino di Mediapart che non fa dormire Le Pen
·
Ha scoperto i soldi russi al Front National (e prima quelli siriani)

Roma. Mediapart è un dinamico quotidiano francese per abbonamento che si occupa di notizie e indagini giornalistiche e sabato ha fatto uno scoop su un maxi prestito russo di nove milioni di euro al Front National, il partito di estrema destra di Marine Le Pen (ieri Repubblica ha pubblicato due pagine sui gruppi politici italiani che, come l’erede di Le Pen, vorrebbero finanziamenti di Mosca per la loro vita politica).

Come si riorganizza la destra Putin e la Regina del Sabba no euro Il pezzo è firmato da Marine Turchi, una giovane giornalista che lavora a Mediapart fin dalla fondazione, nel 2008, e si è specializzata nello scoprire le magagne dell’estrema destra francese. Il Front National ricambia l’attenzione di Turchi: a settembre l’ha buttata fuori dal campo scuola estivo del partito, sulle Alpi, poche ore dopo un discorso del segretario generale, Steeve Briois, che chiedeva ai giovani del Front di “ne pas etre sectaires”, di non essere settari. Nel pomeriggio, la Turchi aveva dovuto restituire il pass ed era stata scortata fuori, davanti ai colleghi di Le Monde, Agence France Presse, L’Humanité, L’Opinion, Le Canard enchaîné e di RFI (Radio France International), che decisero un boicottaggio dell’evento per protesta. Quando Marine le Pen salì sul palco per il discorso finale, non c’era più un giornalista.

Sabato e domenica scorsi, a Marine Turchi è stato negato l’accredito alla Conferenza di partito a Lione, “perché i posti per i giornalisti sono terminati” – cosa che i colleghi poi entrati si sono affrettati a smentire. Domenica, il giorno dopo l’aticolo di Mediapart, il tesoriere del Front, Wallerand de Saint-Just, ha ammesso di essere stato costretto a rivolgersi a una banca russa amica del governo Putin perché “qui in Europa nessuno ci avrebbe prestato un centesimo” e ha detto che una prima tranche di due milioni è già arrivata (in un altro articolo della Turchi, De Saint-Just è colto mentre fa il saluto fascista a una festa). Il Front national ha da tempo posizioni esplicitamente filorusse e sostiene la linea del presidente Vladimir Putin con sintonia perfetta, dall’elogio dei valori tradizionali alla guerra civile in Ucraina.

All’inizio di novembre Turchi si era già occupata del congresso europeo di sabato 22 a Parigi, che ha visto come ospiti d’onore i membri di una delegazione del gruppo greco Alba dorata e come co-organizzatori “les Italiens de CasaPound”. Il gruppo italiano è descritto come “al servizio di Frederic Chatillon”, consigliere ufficioso di Marine Le Pen, che ora abita a Roma e gestisce una società di comunicazione, la Riwal France, con una sede anche romana. La Riwal Italia si occuperà della “realizzazione di campagne pubblicitarie”. (Il congresso di Parigi – dove domenica ha parlato anche il presidente del movimento, Gianluca Iannone – è stato “il punto culminante di un tour promozionale per fare conoscere CasaPound in Francia”).

Un altro pezzo di Turchi, scritto nel luglio 2012, racconta come allo stesso Chatillon, oggi trait d’union tra CasaPound e il Front national, arrivassero soldi legittimi da parte del governo siriano del presidente Bashar el Assad. La Riwal prendeva “tra i centomila e i centocinquantamila euro l’anno dall’ambasciata siriana a Parigi”, ufficialmente per la promozione del paese. L’inchiesta delle autorità francesi non rilevò nulla di irregolare – come del resto non c’è nulla di irregolare nel prestito di nove milioni di euro in arrivo ora dalla Russia.

Ieri Marine Le Pen ha perso una causa di diffamazione contro Mediapart, che in un pezzo del 2013 (coautrice: sempre Turchi) aveva sollevato il caso di Louis Aliot, partner di Marine, assunto come assistente parlamentare. Oggi la legge francese proibisce di assumere conviventi e coniugi come assistenti, ma la Le Pen ha perso questa battaglia contro Mediapart (e Turchi) per un tecnicismo: per la corte di Parigi, avrebbe dovuto sostenere di essere stata danneggiata come figura pubblica e non come persona privata.

http://www.ilfoglio.it/articoli/v/123250/rubriche/fn-le-pen-russia-marine-turchi-mastino-mediapart-che-non-fa-dormire-front-national.htm

news
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo