antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 2.11.14
Lega Nord si spacca in 2 feste della Zucca. Bossi: ‘No a Casapound: noi antifascisti’
·
In provincia di Piacenza il Carroccio si è radunato per due eventi in contrapposizione. Da una parte l'ex segretario e Tremonti, dall'altra l'attuale leader e Maroni

Sono lontani i momenti in cui la Festa della zucca in provincia di Piacenza era chiamata la “Capalbio del nord”, con l’immancabile sfilata di big del partito e ministri del Carroccio. Ora che il nuovo corso di Matteo Salvini è stato avviato da esattamente un anno, di feste se ne celebrano addirittura due. La Lega Nord si è divisa con un doppio evento sull’Appennino piacentino: a Ziano, sulle colline della Valtidone, la festa ufficiale con il segretario nazionale, il governatore lombardo Bobo Maroni, Mario Borghezio e il candidato del Carroccio alla presidenza dell’Emilia Romagna Alan Fabbri. Ma la festa ‘storica’ è stata per il nono anno consecutivo a qualche chilometro di distanza a Pecorara, una ‘Halloween padana’ che come di consueto ha avuto come ospiti d’onore Umberto Bossi e Giulio Tremonti.

Ancor più dei chilometri, una trentina, che dividono le due “kermesse”, la distanza appare ormai ideologica. Lo spostamento a destra del partito non è infatti avallato dal Senatur: “La Lega è nata con i valori dell’antifascismo” ha detto davanti a un piatto di tortelli e pochi fedelissimi al seguito, “non poteva essere altrimenti, io vengo da una famiglia di combattenti partigiani”. Il riferimento è all’alleanza tra il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, e Casapound sancita due settimane fa in piazza a Milano, ma anche all’intervista del leader leghista alla trasmissione Piazza Pulita di lunedì 27 ottobre. In quell’occasione, il segretario su domanda del conduttore Corrado Formigli (“Lei è antifascista?”), ha risposto: “No io sono antirazzista”. Insomma, la frattura sancita proprio il 31 ottobre scorso, non solo sembra rimanere ma paiono sempre maggiori le distanze. I numeri sono impietosi, come venne registrato già dodici mesi fa quando, per scalare il partito, Salvini si spinse fino a Pecorara per stipulare con il Senatur il “patto della zucca” con il quale Bossi diede il via libera alle “primarie”. Anche allora, come oggi, poche decine i reduci al terremoto che aveva investito i vertici che decisero di tornare a Pecorara. Molti, invece – come oggi – coloro che si spostarono con il nuovo leader a Ziano, in quella che si può definire una Festa della zucca 2.0 in linea con il nuovo corso.
Video di Fabio Abati

Quest’anno all’attuale segretario federale non è più stato necessario neppure rendere omaggio al fondatore della Lega con un saluto di passaggio. Anzi, tra il dolcetto o lo scherzetto, per Halloween, ha deciso di liquidarlo con il secondo, cioè una battuta: “Devo mantenere la linea, non mi posso permettere di partecipare a due feste”.
Un chiaro segnale di forza, con il quale Salvini ha spazzato via vent’anni di riunioni intorno al fuoco dell’immancabile castagnata, durante le quali Bossi e Tremonti, attorniati da ministri, sottosegretari ed esponenti locali da ogni parte del nord Italia, decidevano tra le altre cose le spartizioni di incarichi e di fondi del partito. Salvini, sempre seguito dai suoi fedelissimi “Giovani padani”, ha fatto un lungo tour elettorale nel Piacentino ma di Pecorara non ne ha proprio voluto sentir parlare. Ha manifestato contro l’ospitalità ai venti profughi alloggiati a Calendasco all’ostello “Le tre corone”, si è spostato a Rottofreno per un aperitivo con i militanti e ha trovato tempo perfino per portare solidarietà ad alcuni agricoltori aggrediti nei giorni scorsi a Sarmato.

I temi portati a Piacenza sono i cavalli di battaglia del “Matteo padano”. Sull’immigrazione: “E’ un tour della giustizia – ha detto davanti a un ostello che ospita venti profughi a Calendasco -, queste strutture devono tornare a disposizione degli emiliani che una casa non ce l’hanno. Mi sono stufato di pagare colazione, pranzo e cena a gente che bivacca, che non ha futuro, che non porta nulla e alla fine viene ritenuta clandestina. Qui dentro voglio gli italiani, mentre i profughi vorrei vederli andare a spalare un po’ di fango”. Oppure sul candidato alla presidenza per il Pd: “L’Emilia può liberarsi da settant’anni di regime. Stefano Bonaccini è il fantasma rosso che crede già di aver vinto, dopo tutti i disastri che ha fatto il suo partito con il sistema delle cooperative che ha ammazzato migliaia di imprese sane”.

La frattura, però, non è solo fisica ma anche ideologica. Perché la Lega Nord di Salvini si è chiaramente spostata a destra, prima con l’apparentamento europeo al Front National di Marine Le Pen e poi in casa nostra strizzando l’occhio a movimenti estremisti come Forza Nuova e Casa Pound, che infatti hanno risposto alla chiamata il 19 ottobre scorso davanti a piazza Duomo per la manifestazione intitolata: “Stop invasione”.

Una conversione sulla via elettorale per l’ex capolista della corrente dei Comunisti padani, che grazie ai “compagni” di allora, nel ’98, divenne segretario provinciale di Milano, che però non viene avallata dal vecchio leader. Nella stessa sera, seppur indirettamente, da Pecorara è arrivata la scomunica “storica” allo spostamento a destra. “La Lega Nord è nata in opposizione al centralismo e quindi in contrasto con il nazionalismo, che è accentratore – ha detto Umberto Bossi -, in più il movimento è dalle sue origini chiaramente antifascista. Non poteva che essere altrimenti, io vengo da una famiglia di combattenti partigiani”.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/01/lega-nord-si-spacca-in-2-feste-zucca-bossi-casapound-sempre-antifascisti/1184649/

news
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo